mercoledì 8 febbraio 2012

Mossad-Cia sull'attacco all'Iran


Il capo del Mossad israeliano Tamir Pardo ha avuto negli ultimi giorni incontri segreti con funzionari statunitensi al più alto livello, in merito ad un eventuale attacco israeliano contro l'Iran.
La rivelazione è emersa durante un'audizione del comitato ristretto sui servizi segreti del Senato Usa, alla quale hanno preso parte il direttore della CIA David Petraeus, il DNI (direttore dell'intelligence nazionale), James Clapper, e la presidente del comitato, Dianne Feinstein.
Durante l'incontro, secondo le notizie riportate dal giornale israeliano Haaretz, la Feinstein ha chiesto a Clapper se Israele intenda o meno attaccare gli impianti nucleari iraniani, domanda a cui Clapper ha risposto chiedendo la prosecuzione della seduta a porte chiuse.
A questo punto la Feinstein ha reso noto di avere incontrato il capo del Mossad nei primi giorni della scorsa settimana a Washington, al che lo stesso Petraeus ha aggiunto che anch'egli si è incontrato con Pardo e ha menzionato ciò che ha definito la crescente preoccupazione di Israele in merito alle ambizioni nucleari iraniane, aggiungendo che è importante rilevare che Israele considerare quella nucleare iraniana una minaccia mortale. Il dialogo è stato ripreso in diretta dalla televisione americana.
Clapper ha poi affermato che "il progresso tecnico dell'Iran, in special modo nell'arricchimento dell'uranio, rafforza la nostra valutazione secondo la quale l'Iran ha la capacità scientifica, tecnica ed industriale di arrivare alla produzione di armi nucleari, facendo della propria volontà politica di arrivare a questo una questione essenziale", aggiungendo che l'Iran considera i missili quali vettori ottimali delle armi atomiche.
Significativo il fatto che le notizie sull'incontro del capo del Mossad con i vertici della sicurezza e dell'intelligence americani vengono allo scoperto in coincidenza con il durissimo discorso del presidente israeliano Simon Peres che sabato scorso ha dichiarato che non si deve permettere all'Iran di ottenere armi nucleari: tale questione per Israele è il problema mondiale principale dal momento che l'Iran, "il regime moralmente più corrotto del mondo", aspirerebbe per questa via ad un'egemonia regionale se non "addirittura globale".
Peres ha poi ribadito che, seppure gli israeliani non escludono nessuna opzione, spetta alla comunità internazionale impedire che "il diavolo" (l'Iran) ed il nucleare si uniscano.


di Redazione Clarissa

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori