mercoledì 18 gennaio 2012

Nave Costa: negli Stati Uniti tutti indignati da 'capitan codardo'



L'America segue ossessivamente la tragedia della Costa Concordia: tra l'orrore e la condanna, le principali tv statunitensi continuano a trasmettere le immagini della nave inclinata di fronte all'isola del Giglio, ad aggiornare sullo stato delle ricerche e ad offrire al pubblico ludibrio le trascrizioni delle conversazioni di quello che è stato ribattezzato 'Capitan codardo'.

Oscurata persino l'attenzione per la campagna elettorale e per la crisi finanziaria, gli americani seguono passo passo l'evolversi della situazione sui blog e su twitter. Sulle prime pagine dei giornali campeggia la foto del capitano "che non è affondato con la nave", Francesco Schettino, che ha abbandonato la Costa Concordia mentre la maggior parte dei passeggeri era ancora a bordo. I commentatori che si alternano su canali come la Cnn o Fox News inorridiscono di fronte a tante violazioni delle leggi di navigazione, non riuscendo a spiegarsi l'ormai tristemente famoso rituale dell"inchinò delle grosse navi da crociera, ancora in uso in troppe occasioni lungo le coste italiane.
"Go on board" ("Vada a bordo"), la frase gridata a Schettino dall'ufficiale della capitaneria di porto, Gregorio De Falco, è ormai un tormentone anche negli Stati Uniti. Il 'New York Post' ha titolato senza pietà "Il coniglio dei mari", il Wall street Journal "Il capitano che non è andato a fondo con la sua nave".
Il seguitissimo "Christian Science Monitor" parla della "favola di due capitani, l'eroe ed il codardo" e sottolinea il ruolo di "salvatore della dignità nazionale italiana" svolto dal capitano De Falco. Ma tra l'indignazione collettiva per la concessione degli arresti domiciliari a Schettino e i resoconti dei superstiti americani che continuano a sottolineare il caos a bordo subito dopo l'incidente e al momento dell'evacuazione, c'é ancora grande pena e ansia per la coppia del Minnesota dispersa: Gerry e Barbara Heil. Una veglia speciale si terrà questa notte nella chiesa della piccola cittadina di 'White Bear Lake', da dove venivano i due anziani turisti. Coppia di pensionati - lui insegnante volontario di religione, lei dispensatrice di torte fatte in case ai parrocchiani - Barbara e Gerry sognavano da sempre il viaggio in Italia e la visita al Vaticano che avrebbe fatto seguito alla crociera. Sulla loro sorte non ci sono ancora notizie.

Fonte: Ansa

1 commento:

  1. Hanno poco da indignarsi non se lo ricordano più il cermis?
    Loro si devono vergognare!

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori