giovedì 20 ottobre 2011

Un Gheddafi manipolato?



Il leader della Jamahiriya parla in un video pubblicato su YouTube dove smentisce la sua morte e incita a proseguire nella lotta.

La foto vera

La foto falsa
[In arabo] Gheddafi si dirige alla nazione e incita a proseguire la lotta
"Grazie a tutti quelli che si sono preoccupati per me; ricordatevi che sono con tutti voi." "Vi amo", "potranno uccidermi, ma non uccideranno la mia anima".
http://libyasos.blogspot.com/2011/10/muammar-al-gaddafi-is-alive.html
La NATO non può confermare la sua morte, perché è un’informazione del CNT
La NATO ha informato che nella mattina di giovedì che suoi aerei hanno attaccato due veicoli militari che fuggivano dalla città di Sirte: "Approssimativamente alla 08:30 ora locale (GMT 06:30) di oggi, aerei della NATO hanno attaccato due veicoli delle forze di Gheddafi che facevano parte di un gruppo più ampio di manovra nelle vicinanze di Sirte", ha riferito il colonnello Roland Lavoie, portavoce della missione della NATO in Libia.


Un discusso bombardamento
Il portavoce non ha detto che Gheddafi fosse presente nel convoglio. È stato un comandante del CNT che ha affermato che Gheddafi fosse stato assassinato nel corso di un attacco aereo della NATO contro un convoglio che cercherà di fuggire da Sirte.
Comunque, la NATO non ha dato per certo quello che hanno affermato i mezzi di comunicazione. Un funzionario della NATO ha riferito a Xinhua che la conferma della sua morte non deve arrivare dal CNT, ma dall’alleanza militare.
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=27193
Quotidiano algerino: “Gheddafi è ben protetto dai suoi traditori”
20 ottobre 2011
il quotidiano Algeria-ISP ha assicurato che Muamar Gheddafi non è morto, e al contrario è “ben protetto dai traditori”. Nel frattempo, i mezzi di comunicazione occidentali danno per certa la versione del CNT libico, che presenta varie contraddizioni.
“Secondo Al Jazeera e i corrispondenti di El Arabiya a Sirte il leader libico è morto per le ferite di arma da fuoco nelle due gambe e il suo cadavere è stato trasferito a Misurata”, così inizia il resoconto nell’edizione digitale di Algeria-ISP, anche se poi chiarisce che questi media “hanno vomitato tre bugie in un solo giorno”.
Al Jazeera e Al Arabiya assicurano che nella stessa azione dove è stato ucciso Gheddafi sono caduti anche suo figlio Moatassem e il ministro della Difesa Abu Bakr Yunis.
“Il leader libico e suo figlio sono ben protetti dai loro traditori e dai mercenari dell’Occidente”, assicura Algeria-ISP , che raccomanda inoltre di “aggiornare la versione di Photoshop”, programma con cui hanno costruito l’immagine della cattura di Gheddafi.
Le fotografie diffuse da AFP sono state editate
Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.
Nella prima immagine, si vede il presunto cadavere di Gheddafi con le icone di una fotocamera digitale, mentre nelle foto diffuse da AFP queste icone sono state eliminate, e ciò dimostra che sono state manipolate.
http://whatreallyhappened.com/node/140012
16:15: Libia – Il Leader Muammar parlerà oggi in diretta per televisione e per radio..
15:30 / TV Al.Shababiya - URGENTE:::
Ringraziamo Dio che il leader sta bene. Non è a Sirte.

http://libyasos.blogspot.com/
TV Allibiyta: l’arresto di Gheddafi è un montaggio del CNT/NATO: l’agenzia algerina Algeria ISP ha diffuso un messaggio della TV satellitare libica dove si smentisce la morte del leader libico.
http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201110-A6556/libye-arrestation-guide-kadhafi-declaree-par-cnt-otan-est-mensonge-octobre-2011.html
Resistenza: Gheddafi è vivo ed è deciso a liberare la Libia dai traditori e dai mercenari
20 ottobre 2011
Secondo Zengtena, il leader libico Muamar Gheddafi si trova in eccellente stato di salute e ha un morale altissimo.
L’informazione della sua cattura è semplicemente un’ulteriore menzogna diffusa dal CNT/NATO e dalle agenzie internazionali di informazione che si sono trasformate in organi di propaganda dei terroristi e dei membri di Al Qaeda.
Questa nuova uscita ha solo l’obbiettivo di demoralizzare le truppe di resistenza che difendono con valore la città di Sirte e che in altre città stanno lottando per liberarsi dalla morsa dei membri di Al Qaeda e della NATO.
Il leader libico è ancora vivo ed è deciso a liberare il paese dai traditori e dai mercenari occidentali.
Fonte: http://www.algeria-isp.com/actualites/politique-libye/201110-A6555/libye-guide-kadhafi-est-toujours-vivant-dit-toz-cnt-otan-octobre-2011.html
Altra menzogna della NATO: Gheddafi non è stato né ferito, né catturato
20 ottobre 2011
Dopo aver dichiarato otto volte la morte del generale Jamis Gheddafi, varie altre la cattura di Saif Al Islam e di Mutassim, che Gheddafi aveva dato il viagra ai soldati libici per violare le donne e che aveva attaccato con l’aviazione la gente di Bengasi, che il suo Esercito era formato da “mercenari negri”, che Belhach non aveva mai avuto niente a che vedere con i crimini di Al Qaeda e che la “vera” intenzione della NATO è quella di “proteggere la popolazione civile”, oggi ci vogliono far credere di aver catturato a Sirte il Leader Gheddafi. La credibilità informativa della NATO e dei suoi sicari non esiste. Il popolo libico resiste e trionferà.
Fonte: [Actualizado 21:50] La foto del cadáver de Gaddafi: las pruebas de manipulación

FONTE: La Haine
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

2 commenti:

  1. jajajajajaja haora falta berlusconi.......

    RispondiElimina
  2. Mi è sempre sembrato una vera falsità quella della morte di Gheddafi, primo perchè non aveva senso andare a finire in un posto dove sai che li ti vengono subito a cercare; 2 perchè di menzogne questi ne hanno sparato così tante che la credibilità e sotto zero.

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori