domenica 30 ottobre 2011

Rabbia greca


Uno sciopero generale di 48 ore, che ha avuto inizio mercoledì, ha paralizzato la Grecia la scorsa settimana e ha seminato dubbi sulla effettiva capacità di un governo, che non gode più di alcuna popolarità, di attuare le riforme richieste dall'Unione Europea in cambio di un nuovo piano di salvataggio.
Giovani dal volto coperto con maschere nere hanno scagliato pezzi di marmo e bombe fatte con benzina contro la polizia in assetto anti-sommossa davanti al palazzo del parlamento nel centro di Atene.
La polizia ha risposto con granate assordanti e gas lacrimogeni durante i numerosi scontri che ci sono stati dopo le manifestazioni di massa nelle vie limitrofe al palazzo del parlamento, dove i contestatori hanno chiesto la fine degli aumenti delle tasse e dei tagli agli stipendi che li stanno riducendo alla povertà. Pennacchi di fumo nero acre si sono levati dai cassonetti di rifiuti non raccolti infiammati e si sono mescolati con il fumo bianco delle nuvole di gas lacrimogeno. Pezzi di roccia e vetri rotti erano sparsi per tutte le strade intorno al parlamento.

"Stiamo tornando al livello di vita in cui vivevano i nostri nonni", ha detto Eliza Giannakaromi, che marciava con i dipendenti comunali. Sta succedendo a tutti i livelli sociali: così Georgiou Stelios, un operatore ecologico che mostrava uno striscione lì vicino, ha dichiarato: "Vogliamo cacciare questo governo. Guadagnavo 1.200 euro al mese ed ora ne guadagno 700. Dovrebbero dare la caccia agli evasori fiscali e non a noi."
Circa 100.000 persone hanno marciato lungo le strade di Atene. Alcuni dei partecipanti hanno cercato di far abbassare il cappuccio a chiunque ne indossasse uno, accusando coloro che si rifiutavano di essere anarchici o agenti di polizia sotto copertura. In serata, la guerriglia urbana si era estesa anche giù verso Ermou, una strada famosa per lo shopping.
Ma non è sicuro che un governo profondamente sfiduciato possa attuare riforme che la gente ritiene che siano imposte dai governi e della banche straniere.
Questa perdita di sovranità è profondamente sentita. Un pensionato, che ha detto di chiamarsi Nikos, mentre stava sventolando una grande bandiera greca blu e bianca, ha dichiarato: "Mio figlio da lunedì lavorerà nell’esercito e non so se essere felice o triste."
Lo sciopero generale e il voto parlamentare sulle riforme richieste dai creditori internazionali si sono tenuti prima che si tenesse una riunione tra i dirigenti dell'Unione Europea, in cui dovrà essere approvato un aiuto alla Grecia di 8 miliardi di euro; senza quest’accordo, il Paese sarà a corto di soldi entro novembre. In parlamento il Ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos, ha detto ai parlamentari che la Grecia non aveva altra scelta che accettare di affrontare nuovi sacrifici. "Dobbiamo spiegare a queste persone indignate che vedono le loro vite cambiare che quello che sta ora accadendo non è ancora la fase peggiore della crisi", ha detto: “È uno sforzo angoscioso e necessario per evitare l'ultimo, più profondo e più duro livello della crisi. La differenza tra una situazione difficile ed una catastrofe è immensa."
Ma per molti greci la catastrofe è già avvenuta e le proteste vedono sempre più coinvolti persone ben istruite appartenenti alla classe media. Lo sciopero di ieri ha visto partecipare, insieme ai tassisti, ai lavoratori portuali e ai netturbini, i controllori del traffico aereo, i funzionari del fisco, i farmacisti e i medici. Le scuole sono state chiuse e gli ospedali sono stati aperti solo per i casi di emergenza. Lungo tutte le strade di Atene ci sono cumuli di spazzatura non raccolta in decomposizione, nonostante un ordine del tribunale che ha imposto al sindacato del servizio pubblico la fine dello sciopero.
I piccoli imprenditori e i professionisti hanno sempre più dubbi sulla possibilità che una severa austerità serva a ottenere qualcosa, se non a spingere ancor più la Grecia verso la recessione. C'è anche una profonda sfiducia della classe politica. Nicolas Kominis, un fotografo, ritiene che il governo avrebbe potuto fare qualcosa di diverso dalla accettazione acritica delle richieste del Fondo Monetario Internazionale, della Commissione Europea e della Banca Centrale Europea: "Il problema è che nessuno si fida del governo o dell'opposizione, perché la gente li biasima, innanzitutto, per l'avvio della crisi.
La sensazione che coloro che hanno causato la crisi stiano scappando via sta danneggiando il governo. Uno striscione portato alla marcia di ieri diceva: "Quando prevale l'ingiustizia, allora resistere è un dovere." Vasilis Zorbas, un medico che è sindaco del distretto di Agia Paraskevi di Atene, ha dichiarato: "I greci sono infelici a causa della impunità di coloro che hanno accumulato soldi a loro spese." Ha detto di avere due figli disoccupati, la cui unica possibilità di avere un futuro potrebbe essere l’emigrazione.
Un ex ministro del partito di governo PASOK, che ha chiesto l'anonimato, ha dichiarato: "È questo sentimento di mancata giustizia che sta facendo infuriare la gente. Tutti conoscono i nomi dei ministri che si appropriavano di denaro pubblico e hanno preso tangenti, ma nessuno li tocca." È oggetto di continua contestazione il fatto che i ministri e i deputati non abbiano ridotto i propri stipendi in modo significativo, anche se il sistema di bonus e indennità è così complesso che questo dato è di difficile conferma.
I dirigenti della marcia hanno detto che lo stereotipo secondo cui il settore pubblico greco ha un numero di lavoratori in forte eccesso rispetto al resto dell'Unione Europea non risponde al vero. Balasopoulos Themis, il capo della Federazione pan-ellenica dei dipendenti delle organizzazioni degli enti locali, ha detto che questa è propaganda e il numero dichiarato di 768.000 dipendenti pubblici su una forza lavoro di quattro milioni di persone comprende anche l'esercito, la polizia e persino il clero.
Ha detto che il reddito complessivo dei membri del suo sindacato è sceso del 40 per cento a causa degli aumenti delle tasse e dei tagli salariali.
È improbabile che un governo etichettato come egocentrico e corrotto possa porre in essere una vera riforma; l'ex ministro ha detto che non aveva la forza politica per imporre il cambiamento, dovendo fronteggiare interessi speciali molto forti. A uno sguardo attento, la caratteristica più evidente delle riforme cui è stata costretta la Grecia dai suoi creditori internazionali è la distruttività e la futilità. I tagli salariali, gli aumenti delle tasse, i tagli e i licenziamenti avallati la scorsa settimana dal Parlamento di Atene serviranno solo a far sprofondare l'economia in una spirale più profonda, anche se servono a ottenere gli otto miliardi di euro dal fondo di salvataggio dell’Unione Europea. "Solo la perdita di una guerra potrebbe essere peggiore di questa situazione", ha dichiarato un ex Primo Ministro di sinistra: "La cosa peggiore è che nessun partito o gruppo politico in Grecia sta offrendo soluzioni reali alla nostra crisi."
A destra le lamentele sono simili. Alla domanda se c'è la possibilità di una rivoluzione in risposta ai disastri attuali, Simos Kedikoglou, un parlamentare del partito dell’opposizione Nuova Democrazia, dice: "Vorrei che ci fosse veramente una rivoluzione." Egli sostiene che una rivoluzione potrebbe almeno dare uno scopo e una direzione, ma "siamo in uno stato di shock, e il pericolo, piuttosto, è che avremo una rivolta sociale, perché la gente ha perso la speranza."
Le manifestazioni di massa e lo sciopero generale di 48 ore che ha paralizzato la Grecia la scorsa settimana sono stati un segno di quanto il popolo greco sia da lontano dall’accettare le riforme imposte dalla Troika, costituita dal Fondo Monetario Internazionale, dalla Banca Centrale Europea e dalla Commissione Europea, che sono invece la ricetta giusta per un crollo permanente del tenore di vita. Le manifestazioni di protesta sono diventate più grandi e più diversificate dal punto di vista sociale. Donne elegantemente vestite che lavorano per le imprese delle nuove tecnologie e funzionari di banca in pensione si mescolano con disagio agli operatori ecologici e ai portuali, ma tutti protestano per la stessa cosa: i loro redditi sono stati tagliati oltre il punto in cui possono far quadrare i conti.
I greci sentono, probabilmente a ragione, che la dimensione della loro calamità non è compresa da parte del resto dell'Europa o, se lo è, gli europei pensano che essa sia una punizione meritata per la loro avidità, pigrizia e corruzione. "Pensano che siamo i parassiti dell'Europa?", mi chiede Sophia Giannaka, un parlamentare del partito al governo PASOK, il giorno dopo che hanno votato con riluttanza per le riforme imposte dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale. Lei dice che Nicolas Sarkozy aveva detto al Primo Ministro greco, George Papandreou, che i Greci "sono il virus che sta avvelenando l'Europa".
La Grecia è sicuramente danneggiata dalla percezione da parte dell’estero che il denaro che ha preso in prestito e le sovvenzioni dell'UE abbiano finanziato un tenore di vita sopra le righe. Gli articoli dei giornali stranieri sulla crisi greca abbondano di parole come "sprechi aberranti" e "forza lavoro in eccesso". Kedikoglou ha calcolato che il numero dei lavoratori dipendenti dello Stato è di 1,2 milioni e che dovrebbe essere portato a 600.000, ma è chiaro che questo non può essere fatto in una volta.
Al quartier generale del sindacato dei dipendenti comunali - uno degli obiettivi principali delle riforme - il combattivo dirigente Themis Basalopoulos ha denunciato che i dati riguardanti i lavoratori del settore pubblico sono stati grossolanamente gonfiati e che sono pura propaganda. Come già sottolineato, suggerisce che il numero sempre citato dei 780.000 dipendenti pubblici, "comprende i soldati, i poliziotti e persino i sacerdoti". Ha aggiunto che reddito di questi lavoratori è stato tagliato del 40%.
Basalopoulos è a capo dei 22.000 lavoratori del settore della raccolta dei rifiuti nella regione di Atene, il cui sciopero ha lasciato lungo le strade cumuli di spazzatura. Il governo sta cercando di porre fine allo sciopero con l’emanazione di ordinanze del tribunale e l'uso di aziende privati, ma, a dimostrazione della crescente incapacità delle autorità di farsi rispettare, tutto ciò non si è dimostrato efficace.
Sotto le finestre dell’ufficio di Basalopoulos, da ogni quartiere di Atene i manifestanti si assembrano dietro i loro striscioni. Sono pochi i ventenni e molti i quarantenni e i cinquantenni, a dimostrazione che sono pochi i greci che vogliono lavorare con le mani. Gran parte degli sforzi economici dei genitori sono stati spesi per le ripetizioni per i figli, per farli andare all'università o per ottenere qualifiche professionali. Ma, all’implodere dell’economia, proprio i lavori altamente qualificati stanno scomparendo. "Le giovani generazioni non hanno un futuro", afferma Kedikoglou. "Non hanno neppure una speranza. Le nostre menti migliori stanno andando all'estero. Se avessi 25 anni e stessi studiando all'estero, non farei mai ritorno in Grecia."
Nessuno di questi problemi economici e sociali profondamente radicati sarà risolto con le prescrizioni della Troika. Queste aumenteranno le tasse e amplieranno la base imponibile ma, in uno stato di recessione profonda, le entrate fiscali saranno minori del previsto. La Grecia dovrebbe cercare di attirare più turisti, ma i ristoranti sono sempre più costosi a causa di un forte aumento dell'IVA.
Vi è un ulteriore motivo per cui le riforme imposte dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale (aumenti delle tasse, tagli ai servizi pubblici, la sospensione della contrattazione collettiva, 30.000 lavoratori dei servizi pubblici sospesi e la base imponibile allargata) non possono preannunciare un reale cambiamento. Vengono imposte da persone che i Greci biasimano per il cattivo governo del paese e per la corruzione dilagante. Nessuno di loro è stato arrestato. Gli ex ministri fanno la bella vita delle proprietà più lussuose di Atene. Tutti parlano con rabbia dell'immunità della classe politica.
"Una sensazione di ingiustizia incombe sulla Grecia e fa arrabbiare la gente ancor più delle misure di austerità", ha detto la signora Giannaka. Lei è visibilmente a disagio per il fallimento del suo partito, che non ha punito noti malfattori. Ammette che il partito "non è stato in grado di creare un senso di giustizia".
Una soluzione ovvia alla mancanza di legittimità del governo sarebbe stata una nuova elezione. L'opposizione lamenta che Papandreou ha minimizzato la crisi nelle ultime elezioni del 2009. Inoltre, egli sta distruggendo lo stato sociale che il PASOK ha creato negli ultimi trent’anni. "Stanno uccidendo il proprio figlio", ha detto Kedikoglou. La signora Giannaka ammette: "Il sogno socialista della Grecia nel 1990 è stato completamente distrutto."
Questo lascia il partito al governo senza identità e in uno stato di grande impopolarità ma, con 153 seggi su 300 in parlamento, ha tutte le ragioni per evitare le elezioni.
Per il momento, il governo asseconda debolmente tutto quanto suggerito dalla Troika, ma l'attuazione di queste manovre è lenta ed episodica. L’isolamento del governo stesso cresce e il parlamento è sotto assedio dalla scorsa settimana. I greci stanno ancora cercando di accettare i cambiamenti che hanno ridotto molti di loro in povertà nella speranza di evitare la rovina totale, ma non capiscono perché dovrebbero pagare anche se il disastro personale sarà inevitabile. Perché, si chiede un politico, dovrebbe "interessare ai Greci se la Grecia va in bancarotta se loro stessi sono in bancarotta?

di PATRICK COCKBURN
Fonte: Fury Mounts Among Greek People
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALESSIA DE SANTIS

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori