sabato 11 giugno 2011

PURE LA SVIZZERA LASCIA L’ATOMO

La decisione tedesca di uscire dal nucleare nel prossimo decennio comincia a produrre effetti anche negli altri stati di lingua tedesca. Dopo Berlino, anche la Svizzera si pone sulla stessa strada, con il voto espresso dal Consiglio nazionale. Sul tavolo della Camera bassa elvetica, tre mozioni vicine alle posizioni espresse poco tempo fa dal governo che aveva anticipato la volontà di abbandonare l’atomo a tappe entro il 2034.

Come ha raccontato la Neue Zürcher Zeitung del 9 giugno, «le mozioni parlamentari presentate da Verdi, Partito borghese democratico (Bdp) e Partito popolare democratico (Cvp), questi ultimi due di maggioranza, chiedevano nello specifico di non rilasciare nuove concessioni per la costruzione di centrali atomiche e di stabilire interventi a favore di politiche energetiche alternative come lo sviluppo delle fonti rinnovabili e l’incentivazione del risparmio energetico». Con questo escamotage, la Camera bassa ha di fatto ricalcato la linea dell’esecutivo di uscita graduale dal nucleare: man mano che i reattori in funzione raggiungeranno il cinquantesimo anno di attività, verranno spenti e nessun nuovo impianto ne sostituirà la produzione. La Svizzera ricava oggi dai suoi 5 reattori nucleari il 40% del fabbisogno energetico nazionale, gran parte della quota rimanente è affidata alle centrali idroelettriche.
In una ulteriore votazione è stata bocciata una proposta dei socialisti, che auspicava un percorso più accelerato, anticipando a 40 anni il limite di funzionamento degli impianti: in questo caso, i due reattori di Beznau sarebbero stati spenti immediatamente. Nel complesso, la posizione filo-governativa è stata appoggiata da tutti i partiti presenti in Consiglio nazionale, «con l’esclusione dei liberali dell’Fdp, che si sono astenuti in quanto, pur contrari a nuovi reattori, volevano evitare il divieto esplicito verso qualsiasi nuova tecnologia, e dei nazionalisti dell’Svp», che in apertura di seduta avevano chiesto un rinvio della discussione per permettere al governo di presentare un piano dettagliato sulle misure da adottare da oggi al 2034.
È questo, infatti, il lato debole della decisione svizzera. «L’approvazione del Consiglio nazionale», ha scritto il quotidiano di Zurigo in un articolo di commento, «ha lasciato in verità parecchi punti oscuri. È stato chiarito che i tre impianti più vecchi (Beznau I, II e Mühleberg) non verranno sostituiti da alcun nuovo impianto alla fine della loro carriera, fra meno di dieci anni. E tuttavia non è possibile riconoscere nella decisione parlamentare una logica consapevole, dal momento che sarebbe stato necessario accompagnarla con misure concrete in direzione di una nuova politica energetica alternativa».
In tal senso, secondo l’autorevole quotidiano svizzero, la classe politica non ha ancora voluto affrontare le questioni più spinose che la scelta post-nucleare comporterà: «In un campo in cui, dalla produzione che riguarda la scelta dei i siti, alle infrastrutture di trasporto che prevedono la costruzione di una rete, fino all’utilizzazione che richiederà autorizzazioni per la costruzione dei nuovi impianti, nulla è possibile senza il coinvolgimento e l’accordo tra federazione e cantoni, lo stato dovrebbe sgombrare per tempo gli ostacoli. Ne va di mezzo anche la sicurezza di approvvigionamento energetico del Paese». L’impressione che ne ha ricavato la Neue Zürcher Zeitung è che «nel caso della scelta anti-nucleare i politici si stiano comportando nella stessa maniera poco conseguente adottata in materia di difesa del clima: da un lato vengono scritti nelle leggi ambiziosi obiettivi di riduzione delle emissioni, dall’altro si evita di indicare le misure concrete necessarie per raggiungerli. L’uscita dall’atomo ha dei costi ma il governo sembra suggerire agli elettori che tutto sia possibile e non costi quasi nulla».
di Pierluigi Mennitti
Fonte: Lettera 43

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori