mercoledì 15 giugno 2011

Haiti è un paese morto da decenni

Un anno e mezzo dopo il sisma che l'ha rasa al suolo ad Haiti la ricostruzione non è ancora ripartita. Milioni di dollari sono stati stanziati ma per gli haitiani l'incubo continua.

Un controverso rapporto dell'Usaid di qualche settimana fa mette in discussione i numerirelativi al sisma che sconvolse il Paese nel gennaio 2010. Numeri che sono in netto contrasto con quelli che il mondo ha avuto modo di conoscere fino a oggi.
Secondo Usaid, infatti, il numero di morti causati dal sisma sarebbe molto inferiore ai200/250mila dichiarati dal governo Preval(in carica durante i concitati momenti post sisma) e si attesterebbe fra i 60 e gli 80 mila . Non solo. Sarebbero solo poche migliaia, sempre secondo Usaid, le persone che attualmente vivrebbero nelle tendopoli allestite dalla comunità internazionale. Poco più di 630 mila quelle dichiarate dall'attuale amministrazione. Ma perchè una battaglia sui numeri? Forse, come sostengono a Port au Prince per speculare sugli aiuti umanitari arrivati subito dopo il sisma.

"Dire oggi quanto sia il denaro contante che è arrivato a Haiti è praticamente impossibile. Dire anche se questo denaro sia stato distribuito, e a chi, per iniziare la ricostruzione del paese è altrettanto difficile. La ricostruzione haitiana non ha avuto un momento in cui è iniziata. Almeno io non me ne sono mai accorto", dice R. professionista haitiano vicinissimo alla popolazione e alla società civile che soffre e che da mesi è sotto minaccia di qualche gruppo ancora non definito, infastidito dalla sua attività in favore della ricostruzione del Paese e che spesso è costretto a riparare all'estero per mettere al sicuro se stesso e la sua famiglia.
"Non ci sono notizie in merito ma sarebbe stato studiato un programma per iniziare i lavori di ricostruzione del sistema scolastico. Essendo andato tutti in frantumi dopo il terremoto del gennaio 2010 bisogna mettersi di buona lena e ricostruire le strutture crollate. Ma non basta. Bisogna ricostruire il corpo docente che ha subito perdite pesanti a causa del sisma. E ancora non basta; bisogna ricostruire le strade che portano alle scuole e la rete di servizi che le rendono fruibili: mensa, area ricreativa, classi dotate di computer e laboratori. Mi chiedo e chiedo alla comunità internazionale: come è possibile che sia così lenta tutta la macchina della ricostruzione? Di chi è la responsabilità di tutta questa lentezza? A chi si devono appellare i miei concittadini? Io adesso mi sento un po' colpevole di non essere lì con loro. Non posso stare in città perché con le mie azioni in favore dei più deboli devo aver pestato i piedi a qualche gruppo criminale. Di fatto, però, quello che posso dire con certezza e che le giornate proseguono come prima. Tutti alla ricerca di un modo per arrivare a fine giornata con un piatto caldo da dare ai figli. Questo è davvero l'unico pensiero che in questo momento attraversa la mente del 90 percento dei cittadini haitiani. Per quanto riguarda la ricostruzione invece, io sono pronto a scommettere che se mi telefoni fra due anni sarò ancora qui a raccontarti le stesse cose di oggi. Haiti è un paese morto da decenni".

di Alessandro Grandi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori