domenica 5 giugno 2011

BILDERBERG 2011: TUTTI A BORDO DEL BILDERBUS








Il Bilderbus ti sta aspettando. Con bollo e assicurazione pagati.




Mentre la conferenza del Bilderberg punta verso la Svizzera, c’è ancora tempo per prenotare un posto su un minibus per St. Moritz.

Mentre l’Europa scricchiola e l’austerity morde, con i default che incombono e le nazioni, una volta tanto orgogliose, in ginocchio per i debiti, c’è una conferenza annuale di banchieri e industriali che possono intervenire e salvarci tutti quanti… 

Bilderberg!

La prossima settimana, in Svizzera, Henry Kissinger e la sua banda di audaci membri di Consigli d’Amministrazione, personaggi facoltosi e pensatori di alta levatura saranno fianco a fianco con la Regina Beatrice d’Olanda e David Rockefeller, e si rifiuteranno di fare qualcosa che vada contro il contagio dell’economia.

Far collassare le nazioni-Stato europee per comprargli tutti i beni per pochi soldi è l’ultima cosa che si auspica un mucchio di boss delle banche e di manager delle multinazionali. Giusto?
Comunque, se c’è qualcuno che può reclamare la paternità dell’Unione Europea, questo è il Bilderberg. Sessant’anni fa, l’Europa era ancora un Bilderbaby, concepito in una solenne cerimonia sul materasso del Principe Bernardo d’Olanda. È diventato un bel Bilderboy, ma gli anni sono passati e ora sembra proprio che le sue ginocchia stiano scricchiolando e il cuore sia debole.
Forse l’aria limpida di montagna di St. Moritz potrebbe rimetterlo in forma. Il Gruppo Bilderberg si riunirà dal 9 al 12 giugno all’Hotel Suvretta House, così descritto sul proprio sito web: "Come un bel castello delle fiabe, il nostro albergo è incastonato nel fantastico scenario alpino dell’Alta Engadina." Non vengono menzionati i magici cecchini sui tetti dei palazzi o l’anello fatato della polizia anti-sommossa, ma può darsi che aggiornino il sito in tempo per la conferenza. 
L’hotel promette che la Privatsphäre degli ospiti sarà oltremodo respektiert, cosa che verrà fatta anche per la conferenza: la stampa si potrà considerare fortunata se riuscirà a sentire il profumo del toast di Kissinger al mattino presto. È un peccato che i partecipanti siano così fobici nell’essere al centro dell’attenzione, visto che quest’anno sembra che ci sia un interesse mai visto. La gente e i media hanno finalmente iniziato a intuire che questa piccola conferenza è proprio al centro della tempesta. Gli ultimi due paesi che hanno ospitato la riunione sono Grecia e Spagna, che hanno poi salutato il Bilderberg e fatto “ciao” all’austerità e alle rivolte. Buon Natale, Svizzera.
Quest’anno un gruppo di britannici non troppo contenti andrà a St. Moritz con un minibus per esprimere il proprio sconcerto per le iniziative che verranno buttate nell’immondizia nel corso della conferenza. Hanno raddoppiato i quindici posti a disposizione e il Bilderbus partirà da Nottingham giovedì dopo l’orario di lavoro. Ci sono ancora dieci posti da riempire: viene 95 sterline andata e ritorno e c’è un campeggio economico sul posto. E lo posso dire forte: è davvero un posto da vedere (la conferenza, non il minibus).
Ci sono ancora due posti liberi sul bus, visto che Dominique Strauss-Kahn e Ken Clarke sono stati costretti a disdire. Cosa che farà piacere alle cameriere del Suvretta House (perché Ken è veramente disordinato, con quei pezzi di sigaro e i cd di Ornette Coleman dappertutto …)
Se vuoi prenotare un posto sul minibus, puoi mandare un email agli organizzatori a quest’indirizzo: bilderbus@hotmail.com. E se sei interessato a vedere cosa salta fuori dall’agenda ufficiale del Bilderberg, allora dai un’occhiata al sito. In lotta per un buon piazzamento sono la crisi nell’eurozona, la Primavera Araba, il fallout di Fukushima (con la Germania che si ritira dal nucleare) e, naturalmente, cosa fare con Internet. Le solite storie.

Può darsi che quest’anno tengano una conferenza stampa come, non so, fanno le persone adulte. Non tratterrò il fiato. Ma annuserò l’aria di St. Moritz. Se riuscirò a scoprire qualcosa quest’anno, potrebbe essere cosa mangia Kissinger a colazione. Anguille vive prese da un secchio? O anatroccoli? Mi sono venuti in mente gli anatroccoli. E una mazza.


di CHARLIE SKELTON
Fonte: http://www.guardian.co.uk/world/blog/2011/jun/03/bilderberg-2011-switzerland-st-moritz
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori