domenica 3 aprile 2011

Guerra libica, la terza via viene da Ankara

Come Ankara ha gestito la crisi libica, adottando una terza via nella quale si è gradualmente ritagliata un ruolo strategico tra le parti in causa, salvaguardando i propri interessi nella regione mediterranea.
Prudenza e tenacia: è la linea diplomatica scelta dalla Turchia per affrontare la crisi libica comincia a dare i suoi frutti. Da principio, Ankara si è opposta – anche con intransigenza retorica da parte del primo ministro Erdogan – alle sanzioni contro il regime di Gheddafi e alla no-fly zone decisa dal Consiglio di sicurezza dell’Onu: ha agitato lo spettro di un nuovo Iraq, ha paventato un neo-colonialismo occidentale dalle ambizioni petrolifere, ha denunciato l’irresponsabile grilletto facile di Sarkozy.
Al tempo stesso, ha cercato di proteggere al meglio i propri interessi commerciali e le migliaia di turchi impegnati in progetti infrastrutturali in Libia, rimpatriandoli con una perfetta operazione di recupero; ha inviato, insieme agli Emirati arabi, i primi soccorsi umanitari alla popolazione di Bengasi – farmaci, cibo, medici. Unica via d’uscita accettabile, quella politica.
Ha pagato la sua contrarietà all’intervento militare con l’esclusione dal vertice di Parigi del 19 marzo, proprio mentre tentava una prima mediazione tra le parti; dopo i primi raid ha scelto con decisione lungimirante di diventare protagonista, sfruttando la sua membership nella Nato. Infatti, ha insistito – spalleggiata dagli Usa – affinché fosse l’Alleanza atlantica ad assumere il comando e il controllo di tutte le operazioni militari per l’imposizione dell’embargo di forniture militari, per il mantenimento della zona di interdizione aerea, per la protezione dei civili come deciso dalla risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza dell’Onu. La posizione turca ha prevalso, è stato neutralizzato anche il tentativo francese di creare un gruppo ristretto con capacità di supervisione politica: lo ha ribadito il vertice di martedì a Londra, stavolta con la partecipazione turca, che ha invece dato vita a un gruppo di contatto estremamente allargato – più di 40 membri, tra stati e organizzazioni internazionali – senza alcun ruolo operativo e con un ruolo politico diluito e marginale. All’interno del Consiglio atlantico, invece, la Turchia potrà far valere il suo potere di veto tenendo a freno le smanie belliciste di Francia e Regno unito, imponendo se necessario l’ammorbidimento delle regole d’ingaggio e impedendo qualsiasi tentativo di cambiamento violento di regime.
Parallelamente, ha assunto un ruolo diretto nelle operazioni autenticamente umanitarie, rispettando la promessa di Erdogan di non sparare un solo colpo contro i fratelli libici: ha messo a disposizione 6 navi da guerra per garantire l’embargo navale con l’approvazione del’Assemblea nazionale, ha proposto Izmir come base di comando per le operazioni aeree, ha deciso di gestire il porto e l’aeroporto di Bengasi per coordinare gli aiuti umanitari, ha avviato un corridoio marittimo per trasferire e curare in Turchia i feriti di Misurata. Fatti concreti, che rafforzano la percezione della Turchia – soprattutto nel mondo arabo – come attore affidabile, altruista, poco incline ad avventure militari, rispettoso della volontà della comunità internazionale. Un successo diplomatico da incorniciare, una centralità nella gestione della crisi umanitaria esplicitamente riconosciuta nel comunicato finale del vertice di Lancaster House.
Non solo, perché la Turchia è stata l’unico paese che ha sempre mantenuto aperti i canali di comunicazione col colonnello e col suo entourage, anche dopo aver avviato i primi contatti esplorativi coi rappresentati del Consiglio nazionale provvisorio invitati ufficialmente ad Ankara. Un difficile equilibrismo, che però ha permesso al premier turco – in un’intervista domenica al Guardian – di proporsi autorevolmente come mediatore: il solo davvero in grado di promuovere un cessate il fuoco completo, di convincere Gheddafi a lasciare il potere in cambio dell’esilio, di scongiurare una deflagrazione totale della guerra civile in corso con conseguenze umanitarie molto peggiori di quelle evitate dall’intervento militare occidentale. Forse a Bengasi, dove oggi sventolano bandiere francesi, cominceranno presto ad apparire anche quelle turche – a Bengasi, ma anche nel resto della Libia.
di Giuseppe Mancini

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori