mercoledì 6 aprile 2011

Costa d'Avorio, l'uscita di scena di Laurent Gbagbo è vicina

Negoziano in maniera febbrile, un incontro via l'altro. Sono militari, diplomatici e religiosi. Stanno lavorando alla soluzione della crisi ivoriana, facilitando l'uscita di scena diLaurent Gbagbo, il presidente golpista che si starebbe preparando ad una resa quasi incondizionata. Questo dicono le ultime in arrivo da Abidjan, peccando forse di partigianeria e ottimismo ma, è notizia di oggi,Gbagbo ha chiesto ufficialmente il cessate il fuoco. A quattro mesi dall'inizio della crisi politica, con il suo rifiuto di cedere il potere ad Alassane Ouattara, considerato dalla comunità internazionale il legittimo vincitore, la posizione del leader golpista non era mai sembrata così debole. Il bollettino di martedì mattina conferma che per l'ex presidente le cose si stiano mettendo male ovunque: i soldati regolari delle Forces de Defense et de Sécurité (Fds, pro-Gbagbo) hanno abbandonato Agnibilekrou e Abengourou (est) ma soprattutto hanno perso  Daloa e Duékoué, nel sudovest, due città dal grande valore strategico, perché al centro della "regione del cacao". Dékoué, in particolare, è un crocevia, per il quale passano le strade che portano alla capitale Yamoussokro, a est, e a San Pedro, a sud, il porto dal quale partono i carichi di cacao. Se si viaggia verso ovest, invece, si arriva al confine con la Liberia: controllare questa strada significa controllare una delle direttrici lungo le quali si muove il flusso di mercenari assoldati da Gbagbo, provenienti dal Paese confinante.

Per questo le forze pro-Ouattara in queste ore stanno cercando di sigillare l'intera frontiera e di strangolare il regime prendendo il porto di San Pedro. Ma chi sono queste forze pro-Ouattara? Fino a qualche giorno fa, la risposta sarebbe stata semplice: le Forces Armées des Forces Nouvelles (Fafn), ovvero la guerriglia che dal 2002 controlla il nord del Paese, fedele al premier e ministro della Difesa nominato da Ouattara, Guillaume Soro. Oggi la risposta è più complessa, perché il presidente il 17 marzo ha creato un nuovo esercito sotto il suo diretto comando, le Forces Républicaines de Cote d'Ivoire (Frci), una mossa che risponde a più obiettivi. Innanzitutto, quello di dare una veste più ufficiale (e più presentabile) alla guerriglia; in secondo luogo, cosa più importante, permettere ai tanti soldati che continuano a lasciare l'esercito regolare pro-Gbagbo di entrare in un gruppo armato senza dover passare nelle fila delle Forces Nouvelles, facilitando la fusione tra i due gruppi. Ma c'è un terzo motivo: probabilmente Ouattara sta cercando di emanciparsi dal suo premier che, attraverso l'Fafn, lo teneva quasi in ostaggio e con il quale i rapporti si ssarebbero fatti tesi. E, infatti, al giuramento all'Hotel du Golf mancavano sia Soro che alcuni uomini del vertice dell'Fafn, come Soumaila Bakayokò, il comandante, e Michel Gueu. Il nuovo esercito ha collezionato molte vittorie, conquistando diverse città dell'ovest e del sud, territori in cui fino a pochi giorni fa comandava Gbagbo. Ma non sono queste sconfitte che stanno portando il leader golpista alla resa quanto l'arretramento ad Abidjan, la capitale economica, ridotta a città fantasma.
Guardando a cosa accade nella metropoli, ci si fa l'idea che il quadro politico vada complicandosi quanto più Gbagbo perde posizioni. Ad Abobo e Anyama comandano i "Commando invisibili", soldati apparsi dal nulla, spesso descritti come pro-Ouattara ma in realtà guidati da un ex generale dell'Fafn, Ibrahim Coulibaly, tagliato fuori dalla spartizione di poltrone e potere seguita alla guerra civile di otto anni fa. Fama di sadico e di golpista, Coulibaly l'ha giurata a Soro e che i suoi uomini siano disposti ad obbedire a Ouattara, è tutto da vedere. Si stanno spingendo a sud, verso Yopougon, Plateau, Adjamé, Marcory, per prendere il controllo dei distretti principali di Abidjan. Il regime è nervoso: si sente assediato in casa e così ricorre all'epurazioni. L'ultimo a saltare è stato il colonnello Aka Benjamin, comandante dei mezzi corazzati della Gendarmeria. E nella città, è tutto un proliferare di gruppuscoli armati: mercenari liberiani e della Sierra Leone pro-Gbagbo, burkinabe, senegalesi e nigeriani pro-Ouattara, commando invisibili, brigate della federazione studentesca. Abidjan è un cratere in ebollizione. Gbagbo è il passato. Condannato dal presidente americano Barack Obama ("Gbagbo usa i suoi teppisti per restare al potere", ha detto), mollato anche dall'Angola, che fin qui era stato un suo buono sponsor diplomatico e militare. Ma qual è il futuro? A questa domanda, nessuno ha ancora risposto, nemmeno l'Unione Africana che ha collezionato solo flop e passi falsi. Sabato 26, per esempio, ha proposto l'ex ministro degli Esteri di Capo Verde, Jose Brito, come mediatore ufficiale nella crisi. Brito è un amico di lunga data di Gbagbo, che fu suo insegnante al liceo classico di Abidjan. Ovviamente Ouattara ha respinto l'offerta. Ma prima è necessaria un'ammissione: in Costa d'Avorio la guerra è già arrivata, come testimoniano gli oltre 800 mila sfollati e un numero di morti che le Nazioni Unite hanno smesso di contare. Continuanuo a riportare circa 500 vittime ma nessuno, nemmeno l'Unoci, ha idea di cosa stia accadendo fuori da Abidjan.

di Alberto Tundo

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori