venerdì 25 marzo 2011

Siria: Le proteste di Daraa hanno fatto scattare l'allarme a Damasco

Oggi è il Venerdì della Dignità. Nemmeno la Siria è risultata immune alla ventata rivoluzionaria. È ancora presto per prevedere quale scenario si aprirà sulla Siria per effetto del germoglio di libertà che sta gonfiando il petto a decine di migliaia di siriani. Qualcuno la chiamerà la rivoluzione dei bambini, visto che da loro - o attraverso loro - è partita la prima scintilla.
I primi movimenti si sono registrati a Damasco sul finire della settimana scorsa, di venerdì, come spesso è accaduto nel resto del mondo arabo, ma gli effetti più devastanti per il presidente Bashar al-Assad e il regime baathista- al governo da quasi cinquant'anni - si stanno verificando nella città di Daraa, cento chilometri più a sud.
Le richieste della gente di Daraa, roccaforte proprio del partito Baath, sono simili a quelle cui siamo ormai abituati ad ascoltare da gennaio scorso quando, per primi nell'universo arabo, i tunisini marciavano pacificamente per chiedere la fine del regime di Ben Ali, la fine delle ingiustizie e lo stop alla corruzione, il virus più pericolo per la salute di uno stato. In quest'inizio di rivoluzione, annunciata sulla rete Internet, il governo di Damasco si trova ad affrontare un fenomeno totalmente nuovo in un paese in cui vigono Leggi di Emergenza,fortemente repressive, dal 1963. E in nome di quelle leggi le forze di sicurezza siriane agiscono per soffocare la protesta.

Le vie di accesso alla città di Daraa sono presidiate dai check point dell'esercito enessun giornalista può avervi accesso: quelli che ci hanno provato si sono visti sequestrare tutte le attrezzature e i materiali. Nella giornata di mercoledì, giorno che ha fatto registrare il più alto numero di scontri, la rete di telefonia cellulare è stata schermata. Solo giovedì sono arrivate le prime frammentarie notizie da chi si trova all'interno della città assediata; prima di tutto il numero delle vittime: tre è il bilancio ufficiale fornito dalle autorità, venticinque secondo le fonti medichetrentasei nel conteggio di alcune organizzazioni per i diritti umani, cento secondo alcuni testimoni che hanno preso parte alle manifestazioni. La variabilità sarebbe determinata anche in ragione del numero di dispersie di diversi corpi portati via dalle strade.
Giovedì in ventimila hanno partecipato ai funerali di nove delle venticinque vittime (tra cuiuna bambina di undici anni) di Daraa e stando alle poche informazioni che fuoriescono dalla città la polizia avrebbe aperto il fuoco anche sul corteo funebre (non è stato specificato se si tratti di gas lacrimogeni, pallottole di gomme, o proiettili).
Damasco, invitata alla cautela e al rispetto dei diritti umani da Ue, Usa e Onu, ha annunciatoprovvedimenti immediati per "rispondere alle richieste legittime" dei manifestanti. Bashar al-Assad che in un'intervista al Wsj del 31 gennaio escludeva che la "Siria, paese stabile" fosse raggiunta dall'ondata di proteste, ha poco tempo per agire.     

di Nicola Sessa

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori