venerdì 25 marzo 2011

Nella Striscia di Gaza sale la tensione e ritorna a scorrere sangue

Nella striscia di Gaza nelle ultime ore sono stati uccisi otto Palestinesi, di cui almeno quattro civili (fra i quali due bambini), ed alcune decine di civili sono rimasti feriti a seguito di interventi delle forze armate israeliane, mentre a Gerusalemme un attentato terroristico, il primo dopo molti anni, ha provocato oltre 20 feriti. Questi nuovi episodi fanno seguito ad una escalation iniziata esattamente una settimana fa, quando aerei israeliani hanno attaccato una sede di Hamas presso le rovine del villaggio di Netzarim, sempre nella striscia di Gaza, uccidendo due militanti del movimento palestinese.
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rinviato un viaggio a Mosca programmato per oggi, mentre il vice-primo ministro Silvan Shalom ha dichiarato alla radio israeliana che il paese deve prendere in seria considerazione l'ipotesi di una seconda operazione Cast Lead ("Piombo fuso"), il nome dell'attacco che lo Stato ebraico attuò nel dicembre 2008 contro la Striscia di Gaza. Shalom ha aggiunto: "Dico questo nonostante il fatto che so bene che un evento del genere potrebbe portare la regione ad una situazione ancora più esplosiva".
Il governo israeliano ha anche espresso sospetti che il nuovo attentato sia attribuibile a fazioni filo-iraniane del movimento di resistenza palestinese, in tal modo collegando questi avvenimenti alla nota questione della minaccia rappresentata dall'Iran.
Si tratta di un collegamento assai pericoloso dal momento che l'Arabia Saudita è intervenuta militarmente in Bahrein proprio accusando l'Iran di fomentare contro i Paesi arabi del Golfo Persico la componente shiita di quegli Stati e dal momento che anche in Siria la tensione interna al Paese sta salendo in modo piuttosto preoccupante, con numerose vittime civili nelle ultime ore a seguito dell'intervento duramente repressivo delle forze di sicurezza siriane nella città di Dara'a, nel sud del Paese.
Delicatissima poi anche la situazione in Libano, il paese arabo che si è prestato al compito di presentare all'Onu la risoluzione sulla no-flight zone contro il regime di Gheddafi: pochi giorni fa c'è stata una importante manifestazione in cui le forze politiche filo-occidentali hanno chiesto il disarmo di Hezbollah, come si sa un grande avversario di Israele, in tal modo accrescendo la polarizzazione fra sostenitori e avversari del movimento filo-iraniano nel Paese.
La tentazione di ricorrere alla forza delle armi per ricostituire un equilibrio regionale maggiormente favorevole allo Stato ebraico potrebbe a questo punto rappresentare un rischio altissimo per la pace in tutto il Medio Oriente.


di A. T.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori