martedì 1 marzo 2011

I 'cartelli' messicani diversificano le attività illecite e investono denaro all'estero

I cartelli messicani sono sempre alla ricerca di nuove rotte e nuove alleanze. I loro affari si diversificano e aumentano gli investimenti all'estero (e di conseguenza i loro interessi). Da qualche anno sembrano aver scalzato anche gli storici gruppi colombiani. E nel frattempo hanno stretto solide alleanze. Anche con la criminalità italiana. Gli ultimi arresti di narcos messicani avvenuti nella Costa Rica sono la conferma che il cambio di strategie e location è da tempo nelle loro agende.

Ne abbiamo parlato con Piero Innocenti dirigente generale della Polizia di Stato, esperto di narcotraffico messicano e autore di numerose pubblicazioni sull'argomento. "I cartelli messicani hanno soltanto un obiettivo: il profitto. Non si differenziano molto nell'organizzazione da quelli che furono i cartelli colombiani. Sono poderosi con importanti riserve finanziarie e gruppi di sicari che si occupano di regolare i conti con le persone scomode e con i concorrenti. Inoltre, hanno sviluppato negli ultimi anni una buona organizzazione amministrativa con figure preposte al riciclaggio del denaro e al suo investimento" dice Innocenti.
"Dobbiamo anche valutare un altro aspetto - continua l'ex questore di Piacenza e Bolzano - che è quello delle rivalità. Fino a pochi anni fa i cartelli della droga erano quattro o cinque. Oggi sono più che raddoppiati e possiamo contarne circa dodici. Forse tredici con l'ultimo nato chiamato Indipendente del Golfo. Scontato che ci siano lotte fra loro per impossessarsi di fette di mercato, rotte di esportazione, controllo di territori e di conseguenza alleanze con peruviani, colombiani e boliviani".


Quindi è da considerare normale conseguenza il fatto che i gruppi criminali cerchino nuove location come basi per i loro affari, magari in altre nazioni?
"In Messico i cartelli hanno occupato gran parte del territorio. Se escludiamo il Districto Federal e la capitale Città del Messico, il resto del Paese è in buona sostanza controllato da loro. Hanno comprato terreni, immobili e stanno investendo molto denaro. Gli investimenti poi, da un certo periodo stanno avvenendo anche fuori dai confini nazionali. E hanno sviluppato strette alleanze con i narcos guatemaltechi soppiantando di fatti gli storici cartelli colombiani. In più sono venuti fuori contatti anche con la 'ndrangheta calabrese e nell'aprile 2009 in seguito ad una operazione conclusasi in Italia, anche con la camorra.


Possibile che la prevalenza delle organizzazioni criminali messicane passi anche dalla loro violenza? Sono all'ordine del giorno veri e propri massacri...
Sono di una primitività che non ha paragoni rispetto al panorama delle mafie del narcotraffico mondiale. Io non ho mai visto nulla di simile. Mutilazioni, decapitazioni. Entrano in centri per il recupero di tossicodipendenti e compiono vere mattanze che non si vedevano nemmeno nel periodo più brutto della guerra dei cartelli colombiani, quando il noto trafficante Pablo Escobar faceva esplodere autobombe.


Violenza e buona organizzazione. Un mix perfetto per delinquere?
Sì, certo. Inoltre, non stanno più solo trafficando con le sostanze stupefacenti. Hanno diversificato molto le loro attività e si occupano anche di estorsioni, sequestri, traffico di esseri umani, come abbiamo potuto scoprire negli ultimi tempi soprattutto nella zona meridionale del Paese, quella al confine con il Guatemala. Solo l'anno scorso si calcola siano stati sequestrati dieci-undici mila cittadini provenienti dal Salvador e dall'Honduras e che erano diretti verso gli Usa. Los Zetas era il braccio armato del cartello del Golfo. Da un anno e mezzo è diventato più o meno autonomo e con il traffico di droga e le altre attività e diventato uno dei cartelli più potenti del panorama criminale mondiale.


Ma il primo aspetto da valutare in tutta questa situazione non è quello della corruzione dei pubblici ufficiali messicani?
"Le organizzazioni che si dedicano al narcotraffico hanno un potere corruttivo enorme. Se consultiamo i dati relativi alle varie polizie dello Stato federale messicano notiamo come solo nell'ultimo anno ci sono stati migliaia di poliziotti federali destituiti. Le storie di corruzione sono centinaia. Come quella del carcere di Veracruz dove la notte i detenuti uscivano e con le armi delle guardie penitenziarie e andavano a fare i regolamenti di conti. Il potere corruttivo dei cartelli è terrificante. Gli stipendi dei funzionari della pubblica sicurezza sono bassi e non è difficile anche con quattro soldi corromperne uno".


di Alessandro Grandi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori