martedì 22 marzo 2011

Gaza City bombardata dall'aviazione israeliana

Gaza - Ma'an, Pal-Info, InfoPal. 18 feriti, tra cui 8 bambini e 7 donne: è l'ultimo aggiornamento del tragico bilancio proveniente dalla Striscia di Gaza.
Ieri sera è tornato il terrore tra la popolazione palestinese assediata. L'aviazione israeliana è stata impegnata fino a tarda notte a bombardare numerose aree di Gaza, principalmente a Gaza City e nel nord.
F-16 israeliani hanno bombardato la postazione della polizia intitolata al leader di Hamas assassinato da Israele, 'Abdel 'Aziz ar-Rantisi, ubicata nell'area di at-Tuwam, a nord-ovest di Gaza City.
E' stata colpita anche la clinica medica "Hijaz", struttura ospedaliera già distrutta nel corso della vasta guerra israeliana su Gaza, tra il 2008 e il 2009, "Piombo Fuso", e in seguito ricostruita. Fonti medico-ospedaliere hanno confermato il bombardamento della clinica e gli ingenti danni riportati dalle strutture nei reparti.
La clinica "Hijaz" fornisce assistenza in diversi settori medici a circa 10mila cittadini palestinesi.
Molto grave il bombardamento sferrato da Israele ad est del quartiere di ash-Shuja'yah, a Gaza City. Qui un garage per le riparazioni di autovetture è andato totalmente in fiamme. Al suo interno vi erano ammassati pneumatici e i due missili qui lanciati dall'aviazione israeliana hanno anche colpito una zona deserta sul retro del cimitero "Khaza'ah". Nessun ferito.

Nella catena di bombardamenti israeliani anche una fabbrica di blocchi di cemento è stata colpita a nord della Striscia di Gaza. Per l'esattezza di tratta di un cantiere situato a Jabal ar-Ra'is (Jabaliya est).
Altri missili sono stati lanciati dagli aerei da guerra israeliana contro Gaza City: nel quartiere di az-Zaytun è stata distrutta una fabbrica metallurgica di proprietà della famiglia ad-Daya. Anche qui, non si sono riportati feriti.
Nel quartiere di at-Tuffaha, ad est di Gaza City, una fabbrica di plastica presso "Jabal as-Surani", nella zona di Sha'ef, è stata bombardata.
A sud della Striscia di Gaza è stata colpita l'area della moschea "'Ebad Rahman", a est di Khan Younes. I due missili qui lanciati hanno fatto temere il peggio perché Khan Younes è una delle zone maggiormente popolate in tutta la Striscia di Gaza. Le abitazioni adiacenti alla moschea, tra cui quella della famiglia an-Najjar, sono state fatte evacuare. Via Jalal, altra arteria stradale particolarmente trafficata, non è tata risparmiata dall'aviazione israeliana.
Adham Abu Salmiyah, portavoce dei servizi medici locali ha fatto sapere che sui 18 feriti finora accertati, 8 sono bambini e 7 donne. Dieci sono stati condotti d'urgenza presso l'ospedale di Gaza, "ash-Shifa" e il resto presso quello di Kamal 'Adwan, a nord. Non ci sarebbero casi critici.
Era intervenuto in pubblico già in seguito alla catena di attacchi e controffensive nel fine settimana scorso, e nelle ultime ore, il portavoce delle brigate al-Qassam, Abu 'Obeidah, ha proposto nuovamente una tregua a Israele, ribadita questa volta in forma scritta.
"Qualora Israele decidesse di fermare gli attacchi contro la Striscia di Gaza, anche la resistenza si fermerà nel lancio di colpi di mortaio verso. In caso contrario, non avremo altra scelta se non rispondere".
Per ulteriori informazioni:
Comparso su Megachip

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori