domenica 20 marzo 2011

Attacco alla Libia: a Capodichino, Sigonella e Aviano l’inglese e l’italiano non bastano più, ci vorrà anche il francese?


Alla fine è stata la Francia a rompere gli indugi. Sarkozy ha fatto decollare i Mirage francesi contro la Libia e promesso anche truppe di terra. Washington e Londra non aspettavano altro. Gli Usa guidano le operazioni, e  – con la Gran Bretagna – hanno dato il via al lancio di missili e preparano i caccia e le navi, ma non hanno intenzione di inviare truppe di terra. L’Italia si è subito accodata ma con molti se e molti ma. Per il momento si mettono a disposizione sette basi, poi si vedrà. Speriamo in un accordo, come al solito mettiamo il piede in più staffe.
Pur tentennante il ruolo italiano però non è secondario. Anche se non lo volessimo, il nostro paese per la sua posizione nel Mediterraneo, per i rapporti politici, economici, storici con quelle terre, ha un ruolo fondamentale. Vedremo se sapremo sfruttarlo o il gesto di Sarkozy sarà determinante nell’inevitabile futuro riassetto dei rapporti con la Libia, comunque vada.

attacco_libia
Napoli gli americani hanno fissato la cabina di regia delle operazioni. Nel napoletano c’è il cuore pulsante della VI flotta americana. C’è anche il comando Nato ma al momento l’Alleanza Atlantica non può intervenire, bisogna convincere la Turchia e ottenere l’unanimità degli alleati. Ma per gli americani non è un problema. Le truppe americane in Italia e in Europa hanno il “doppio cappello”, sono truppe Nato ma anche truppe americane in Europa, e con questo secondo ruolo sono ospitate in alcune basi italiane, ma dove la presenza Usa è preponderante tanto che spesso le si definisce basi americane in Italia.
Napoli Capodichino è il quartier generale delle infrastrutture terrestri della VI flotta. Da non sottovalutare il comando navale a Nisida e il centro comunicazioni di Licola. Da Napoli gli americani tengono sotto controllo l’intero Mediterraneo. Il braccio operativo è altrove. In primo luogo aSigonella, la base aeronavale che ha svolto un ruolo logistico fondamentale nelle guerre in Iraq e Afghanistan (è una tappa obbligata di passaggio) ma che ora – come in passato – è la base “americana” più vicina al Nordafrica. Sigonella è in fase di espansione proprio in virtù della crescente importanza dell’Africa agli occhi Usa. A questo proposito è bene ricordare che l’attacco alla Libia è il battesimo del fuoco per il neonato comando Usa Africom.
La marina americana può contare ovviamente anche sulle navi da guerra che dopo anni stanno tornando nel Mediterraneo che avevano abbandonato per recarsi nel Golfo Persico. Torna anche una portaerei – e non di passaggio – probabilmente l’Enterprise.
Il dispositivo americano può poi contare sulla base di Aviano, dell’aeronautica Usa, ma che in passato ha ospitato anche aerei della marina americana e di altri paesi Nato, durante le guerre balcaniche e in particolare nella guerra del Kosovo.
Infine da non sottovalutare le basi completamente italiane di Trapani(anch’essa sulla linea del fronte) e di Gioia del Colle. Come tutte le basi italiane possono svolgere ruolo in ambito Nato ma anche in una coalizione multinazionale come quella che sta prendendo forma.
I nostri aerei e le nostre navi (l’Andrea Doria è già in zona) sono sul fronte anche se non lo volessimo. Siamo talmente vicini che non possiamo avere un ruolo distaccato, soprattutto per cercare di evitare ritorsioni. Anche solo per svolgere un ruolo di pattugliamento le nostre forze si trovano sulla linea del fronte.
Ma basteranno gli attacchi aerei e i bombardamenti (e da parte dell’Italia la concessione delle basi) a far capitolare Gheddafi come avvenne per il Kosovo e il serbo Milosevic?

di Alfonso Desiderio
Fonte: liMes

1 commento:

  1. Gheddafi senza questo interveto aereo riprendeva Bengasi in capo a pochi giorni e faceva quello che voleva con gli insorti restaurando il suo regime. Ai buoni intendimenti di Sarkozy io non credo, ma non penso che lasciare cadere Bengasi fosse una buona scelta. Il problema è sempre l'ONU: avrà la forza di operare sul piano diplomatico per fare durare questo intervento il meno possibile? Nel mio post sul mio blog ho definito l'ONU un terribile condominio, ma no ne abbiamo altri.

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori