venerdì 18 febbraio 2011

Il Sudan e la tensione generata dal petrolio

A poche settimane dal referendum per l'indipendenza di Juba, la tensione fra Nord e Sud Sudan si intensifica per la gestione delle risorse petrolifere meridionali. Le aree contese. La risposta del governo. Il timore di nuovi scontri.

Carta di Laura Canali tratta da Limes 3/2006 "L'Africa a colori


Il sangue che continua a scorrere in Sud Sudan e le violente repressioni delle sommosse anti-governative organizzate dagli studenti a Khartoum segnano i primi passi del nuovo Sudan spaccato in due dal referendum di autodeterminazione del meridione.

La tensione nel paese è palpabile.

La decisione del governo, annunciata dal segretario generale del Sudan's people liberation movement, Pagan Amum, di pagare al Nord soltanto un canone per l'utilizzo dei gasdotti che trasportano il petrolio a Port Sudan e di non condividerne i proventi come stabilito dal Compehensive peace agreement destabilizza ulteriormente il quadro geopolitico sudanese.

Secondo l'accordo del 2005, il Nord dovrebbe ricevere metà degli introiti derivanti dal greggio estratto nel Sud, che non ha sbocchi sul mare e dipende completamente dalle infrastrutture del settentrione e dal porto sul Mar Rosso per esportare il prodotto raffinato all'estero.


Ma Juba non ha alcuna intenzione di continuare a cedere le ricchezze del proprio territorio e chiede che le regole siano ridefinite. 

La maggior parte della produzione petrolifera quotidiana, attualmente di 500 mila barili, è garantita dai giacimenti nel sud mentre gli oleodotti e le raffinerie sono situati nel nord. 

Entrambe le parti, per sostenere le rispettive economie, hanno interesse a mantenere la cooperazione in materia di greggio, principale fonte di guadagno dello Stato, ma sulle condizioni c'è una netta spaccatura.

Il Sudan del Sud ha le idee chiare su come gestire le proprie risorse energetiche.

Se scoprisse nuove riserve petrolifere, sarebbe pronto a costruire altri oleodotti e a sviluppare una più ampia rete di trasporti verso i porti del Kenya, di Gibuti e della Repubblica democratica del Congo come ha confermato, irritando Khartoum, il segretario dell'Splm.

Irritazione che potrebbe trascendere in ben più gravi azioni, soprattutto a fronte del processo di demarcazione dei confini che coinvolgerà anche la mappatura delle aree contese come Abiey, tra le più ricche di giacimenti.

La regione a statuto autonomo avrebbe dovuto decidere attraverso un referendum, parallelo a quello per l'indipendenza del Sud, se restare parte del Nord o seguire il meridione indipendente.

Il voto è stato rinviato per le controversie tra National congress party e Sudan's people liberation movement su chi avesse diritto di voto.

Su questo punto Salva Kiir Mayardit, il presidente del Sud Sudan, ha manifestato non pochi timori parlando di «ostacoli post-referendum che segnano l'inizio di una nuova lotta».

Il timore che non parlasse solo in senso figurato dovrebbe far riflettere sul futuro che attende questo turbolento e instabile paese che si appresta ad affrontare l'indipendenza attesa cinque anni con un fardello di problematiche che schiaccerebbe anche il più navigato e stabile stato occidentale.


di Antonella Napoli 
Fonte: liMes

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori