giovedì 17 febbraio 2011

I reazionari non si fermano mai finché non mandano in rovina la rivoluzione

Le popolazioni di molte nazioni stanno manifestando contro i propri governi. Alcuni sostengono che i popoli in rivolta stanno preparando una imminente rivoluzione mondiale. Sia la stampa conservatrice che quella progressista sono in subbuglio. Ma è molto più facile portare a termine una rivoluzione che costruire e mantenere un governo umano e funzionante. Le forze reazionarie non riposano mai e sono riuscite a cancellare la maggior parte delle rivoluzioni popolari durante la storia. I rivoluzionari devono riconoscere che il loro primo obiettivo è quello di difendere i governi appena formati da ingerenze reazionarie, perché appena esse si avvicinano alle porte non si fermano finché non mandano in rovina la rivoluzione.

Il doppio senso è intenzionale [revolting significa in rivolta ma anche rivoltato,disgustato, ndt]. Qualunque persona con un briciolo di umanità, sensibile e con onestà intellettuale non può che sentirsi disgustata quando viene a conoscenza delle condizioni inumane in cui vivono le popolazioni nella maggior parte dei paesi e del peggioramento delle condizioni di vita dei popoli nei cosiddetti paesi sviluppati. 

È un mondo nel quale pochissimi prosperano in modo eccezionale mentre la maggioranza soffre e muore senza che nessuno se ne accorga. E abbiamo il coraggio di chiamarci “umani”. Ma può essere umana una persona priva di ogni umanità? Come si risponde a questa domanda?

Ovviamente, c’è gente che è genuinamente disgustata da quel che i pochi hanno fatto ai tanti. Jeremy Bentham e John Stuart Mill si chiederebbero certamente cosa è successo al principio da loro invocato – la massima felicità per il maggior numero di persone. E si domanderebbero cosa sono diventati gli esseri umani.

Questo rifiuto sta portando molta gente a manifestare contro i propri governi. Alcuni sostengono che la gente si sta ribellando dappertutto e che la rivoluzione mondiale è imminente. La rivoluzione è nell’aria dovunque. Sia la stampa conservatrice che quella proressista sono in subbuglio. È forse l’alba di un nuovo mondo? Siamo al rinnovo dell’eterna speranza? Magari. Ma la storia ci insegna qualcosa, cioè che le cose non vanno proprio in questo modo.

Ci sono alcune voci, poche, che ovviamente chiedono prudenza. Non quella del presidente, che sosteneva di star cercando una transizione pacifica. Piuttosto gente come Mohammed, un egiziano residente negli USA, che dice: “il presidente egiziano Hosni Mubarak deve andarsene”, ma teme che, nonostante le promesse, Mubarak troverà il modo per mantenere i suoi accoliti al potere e che il brutale lascito di crudeltà e di torture continuerà. C’è anche Mahdi Darius Nazemroaya, che ha appena pubblicato un articolo interessante: Revolution: Is 1848 Repeating Itself in the Arab World?, dove sostiene che le forze della reazione potrebbero contrastare le rivoluzioni ora in atto così come lo fecero per le rivoluzioni del 1848.

In effetti, date le condizioni della rivolta che la maggior parte delle persone sostiene, dovrebbe essere evidente che le rivoluzioni, sebbene possano essere sincere in principio, non producono mai le riforme volute dai rivoluzionari. Anche se quel che dice Nazemroaya è vero, tuttavia il suo sguardo non va abbastanza indietro nel tempo.

Mai sentito parlare della rivoluzione francese? Come è andata a finire?

Essa ebbe luogo tra il 1789 e il 1799 e produsse radicali cambiamenti di natura politica e sociale. La monarchia assoluta collassò e la società francese fu sottoposta a una trasformazione di portata epica. I privilegi feudali, aristocratici e religiosi furono abbandonati data la pressione dei gruppi politici liberali e delle masse per le strade. Le vecchie idee furono sopraffatte dai principi illuministici della cittadinanza e dei diritti inalienabili. I principi repubblicani costituivano i canti liberali del tempo.

Allora arrivò la reazione. Quando la Convenzione Nazionale Francese cercò di esportare la rivoluzione, venne creata una coalizione militare formata da Spagna, Napoli, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Austria e Prussia. Le forze repubblicane erano condotte da Napoleone Bonaparte e quando prevalsero, Napoleone diventò Imperatore. La rivoluzione morì tra le mani del generale cui venne affidato il compito di difenderla. Quando l’esercito di Napoleone venne definitivamente sconfitto a Waterloo, il Congresso di Vienna capovolse i cambiamenti politici che erano avvenuti. La monarchia fu restaurata e Luigi XVIII divenne re. La Francia non avrebbe abbandonato la monarchia fino alla fine del 1800, un secolo dopo l’inizio della rivoluzione. Restaurando i principi repubblicani? Chiedete ai francesi. Liberté, égalité, fraternité? Nemmeno per sogno.

Non c’è bisogno di altri esempi per capire l’azione della reazione. Guardiamo invece cosa è successo negli Stati Uniti d’America.

Nel 1776, fu promulgata la Dichiarazione d’Indipendenza. Essa affermava:

“Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzarne i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità. Certamente, prudenza vorrà che i governi di antica data non siano cambiati per ragioni futili e peregrine; e in conseguenza l’esperienza di sempre ha dimostrato che gli uomini sono disposti a sopportare gli effetti d’un malgoverno finchè siano sopportabili, piuttosto che farsi giustizia abolendo le forme cui sono abituati. Ma quando una lunga serie di abusi e di malversazioni, volti invariabilmente a perseguire lo stesso obiettivo, rivela il disegno di ridurre gli uomini all’assolutismo, allora è loro diritto, è loro dovere rovesciare un siffatto governo e provvedere nuove garanzie alla loro sicurezza per l’avvenire. Tale è stata la paziente sopportazione delle Colonie e tale è ora la necessità che le costringe a mutare quello che è stato finora il loro ordinamento di governo. Quella dell’attuale re di Gran Bretagna è storia di ripetuti torti e usurpazioni, tutti diretti a fondare un’assoluta tirannia su questi Stati.”


Le condizioni che provocano le rivoluzioni anche oggi, non vengono forse descritte da questo paragrafo? Non vi si giustifica forse il rovesciamento dei governi tramite la forza? Dopo la promulgazione di questa dichiarazione, i coloni americani non hanno forse combattuto una lunga e brutale guerra con l’Inghilterra?

I coloni ovviamente avevano un’esercito regolare. Ma avevano anche quelli che oggi sarebbero chiamati terroristi. I Figli della Libertà formarono unità in molte città e minacciarono violenze. A Boston, bruciarono gli archivi della Corte dell’Ammiragliato, saccheggiarono la casa del Chief Justice e minacciarono chiunque avesse aiutato i britannici. Gli Stati Uniti sono nati dalla violenza. E allora perché il governo chiede alle popolazioni oppresse in altre terre di avviare solo transizioni pacifiche? Perché la rivoluzione americana venne rovesciata appena fu adottata la Costituzione. L’articolo 3, terza sezione, recita: “Il tradimento nei confronti degli Stati Uniti, consisterà solo nel dichiarare loro guerra, o se si collabora con i nemici.” La rivoluzione violenta andava bene nel 1776 ma non dopo il 1789. I rivoluzionari allora diventarono reazionari! Allora ha ragione il barone Acton? Il potere corrompe? E quello assoluto corrompe in maniera assoluta?

Oggi, in America, i partici politici che appena sostengono la rivoluzione violenta sono illegali. L’unica opposizione politica permessa è quella non-violenta e, ovviamente, le possibilità di successo sono minime. Gli americani non sono neanche stati capaci di organizzare un terzo partito.

Jefferson affermava: “Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati.” La Costituzione recita: “Noi, il popolo degli Stati Uniti, al fine di perfezionare la nostra Unione, garantire la giustizia, assicurare la tranquillità all’interno, provvedere alla difesa comune, promuovere il benessere generale, salvaguardare per noi e per i nostri posteri il bene della libertà, poniamo in essere questa Costituzione quale ordinamento per gli Stati Uniti d’America”.

Chi in America, al giorno d’oggi, può sostenere che tutti gli americani sono creati eguali? Chi in America può sostenere oggi che l’Unione è stata perfezionata, che la Giustizia è stata stabilita, così come lo è stata la tranquillità domestica, che il benessere generale viene promosso e che il bene della libertà è stato garantito a noi e ai nostri posteri? La rivoluzione americana, come tutte le rivoluzioni della storia, è stata cancellata. Più che di pacifiche manifestazioni per le strade, sembra che abbia bisogno di essere resuscitata.

Le forze reazionarie non riposano mai e sono riuscite a cancellare la maggior parte delle rivoluzioni popolari durante la storia. I rivoluzionari devono riconoscere che il loro primo obiettivo è quello di difendere i governi appena formati da ingerenze reazionarie, perché appena esse si avvicinano all’ingresso non si fermano finché non mandano in rovina la rivoluzione.

di John Kozy

John Kozy è un professore di filosofia e logica in pensione. Egli scrive di affari sociali, politici ed economici. Dopo aver partecipato alla guerra in Corea, per 20 anni ha insegnato all’università e per altri 20 è stato scrittore. Ha pubblicato un manuale sulla logica formale commerciale, ha pubblicazioni accademiche, pubblica su un piccolo numero di riviste commerciali e ha scritto editoriali su alcuni giornali. Visitare http://www.jkozy.com/ 

Titolo originale: "A Revolting World. The Forces of Reaction never rest "

Fonte: http://www.globalresearch.ca

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di RENATO MONTINI

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori