sabato 12 febbraio 2011

Egitto, va a casa l’uomo preferito da Washington

E’ uscita di scena l’usurata protesi vitalizia con cui l’Occidente controllava la nevralgica foce del Nilo, il canale di Suez e le sue genti. Si volta pagina, va a casa l’uomo preferito da Washington, Bruxelles e Tel Aviv. Cade il sicario -perdon, sipario- su un regime spacciato sul mercato mediatico come esemplare, contraltare degli incorreggibili “cattivi” di Teheran. Il nodo bubbonico delle forze che si reggevano principalmente sugli “aiuti” militari  USA e la svendita del gas a Israele
, è stato parzialmente reciso dall’estesa coalizione sociale e politica che incarna il reale “partito della nazione”. 
 Rimane provvisoriamente sulla scena Suleiman, il surrogato designato da coloro che si illudono di salvare la sostanza dell’assetto in via di demolizione, con manovre chiaramente gattopardesche. E’ un miraggio ricorrente in simili scenari, basato su equilibri fuggevoli e instabili. Dopo la caduta dello Sha di Persia si avvicendarono vari “successori” di cui si è perso memoria; dopo il crollo dell’equivalente filippino del faraone, idem; dopo la bancarrota dell’Argentina si alternarono 5 presidenti, durevoli come i funghi.

La questione non si risolve solo con un look elettorale, meno indecente di quello ultratrentennale che riceveva il plauso degli “occidentali” a ranghi completi; nè con qualche giornale in più, radio o televisione appartenente agli stessi gruppi; non con più talk show
o “alternanza politica” intesa come facce nuove ricambiate con più frequenza; nè con concerti pop e libertà di minigonna.
Nel “partito nazionale” non mancherà chi si accontenterà di questo, soprattutto tra i ceti medi e metropolitani, ma per l’immensa maggioranza si tratta di conquistare più reddito, attraverso più occupazione, accesso ai consumi e servizi vitali, istruzione e salute.

Si arriverà al nodo scorsoio del modello economico vigente, disegnato dagli architetti del FMI e basato sulla svendita del gas e materia prime, privatizzazione ad oltranza, e spartizione  degli “aiuti” militari yankee, tra l’alta gerarchia militare e le elites legate al mercato internazionale delle importazioni. Sarà sotto processo un modello sbilanciato verso l’esterno, funzionale e vantaggioso solo per l’oligarchia. Sarà giocoforza metter mano a soluzioni più endogene, incentrate sul mercato interno e che si abbevera all’identità, ai bisogni e alla domanda nazionale.

Non “rivoluzioni colorate”, nè bolsceviche, nè longa manus di chicchesia. Si
tratta di un processo di trasformazione genuino, originale, di cui si è conclusa la prima fase. Si aprono fessure profonde nel muro di contenzione eretto dalle oligarchie locali, eterne
vassalle delle antiche potenze coloniali. Oggi succube del modello liberista con cui autorizzano a depredare le risorse, il lavoro delle genti e la sovranità dello Stato-nazione. Svuotato di potere dalle nuove istituzioni “globali”, vere braccia armate dell’Occidente.

Il pallino è in mano alle forze armate –non solo ai generali- ma l’iniziativa rimane a chi ha fatto scoccare la scintilla che ha infuocato le palizzate. A Wall street e nella City non fanno salti di gioia, neppure al Pentagono e alla NATO. L’alta gerarchia militare egiziana percepisce che gli Stati Uniti non sono più quelli d’una volta, e non garantiscono invulnerabilità e stabilità. Non basta il sostegno dell'Arabia saudita. Israele è isolato da quando la Turchia gli ha voltato le spalle ed agisce in sintonia con l’Iran e la Siria, persino in Libano è tornato al governo Hezbollah.
Per placare la tormenta sociale interna e diradare le nuvole nere che si sono addensate, o si fanno concessioni o ci vorrà un regime più tirannico e liberticida. Forse, è più vantaggioso guardare al paesaggio che il multipolarismo fa emergere in Medioriente e Nordafrica, e trarre maggiore profitto dal Canale, dagli idrocarburi, da una superiore coesione sociale degli egiziani, e dall'alternativa offerta dagli altri attori globali in termini finanziari, economici, militari e commerciali. L'ex egemonia assoluta dell'Occidente è  sempre più relativa.

di Tito Pulsinelli

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori