giovedì 24 febbraio 2011

Cina, "rivoluzione dei gelsomini" nel Celeste Impero? Con il gelsomino, i cinesi ci fanno solo il tè


Con il gelsomino, i cinesi ci fanno solo il . Così, quando si è diffusa la notizia che un anonimo microblogger aveva postato suTwitter l'appello a fare una "rivoluzione dei gelsomini" nel Celeste Impero, indicando perfino quando e dove (il 20 febbraio, alle14.00 in alcuni luoghi simbolo delle maggiori città), quasi tutti i cinesi e i conoscitori dellaCina hanno pensato a uno scherzo o a una provocazione di matrice straniera.

Sono state le forze di sicurezza e la voglia di "evento" dei media occidentali a creare la notizia che di fatto non c'era.
Le prime hanno messo in atto un preventivo giro di vite - invitando qualche dissidente a "prendere il tè" - e presidiato in forze lo spazio antistante il McDonald's di Wangfujing, la maggiore via commerciale di Pechino, uno dei luoghi indicati dall'anonimo micro-postatore.
Ad attenderli c'era uno spiegamento di zoom e videocamere degno di ben altra causa e così sono accorsi anche i curiosi che magari stavano da quelle parti per fare shopping, la polizia ha spintonato un paio di persone e la faccenda si è chiusa lì. Però tutti ne hanno parlato.


La paranoia della sicurezza cinese fa quindi il gioco della propaganda occidentale che, però, riesce a fare proseliti solo in Occidente: un circolo vizioso e un gioco a somma zero.

Il commento più interessante è forse quello di C. Custer sul blog ChinaGeeks: "È chiaro che se ci sarà qualche cambiamento in Cina, questo verrà dall'interno. Una rivoluzione non può essere auspicata o 'twittata' dai cinesi oltremare o da troppo zelanti fan di Twitter inebriati dalle cosiddette 'loro' vittorie in Nord Africa".

Ma come può avvenire una trasformazione - se non una rivoluzione - "secondo caratteristiche cinesi"? Un mutamento, si intende, mediato proprio dai social media?
Il Twitter cinese si chiama Sina Weibo. Nel ventesimo anniversario degli eventi di piazza Tiananmen - giugno 2009 - il governo cinese bloccò Twitter. Un mese dopo, durante larivolta in Xinjiang - anche Facebook venne oscurato. Il vuoto lasciato dai social mediaimportati dagli Usa venne riempito proprio da Sina Weibo, che seppe cogliere l'attimo.

Prodotto da Sina Corp., la piattaforma di microblogging "autarchica" intercetta ormai l'87 per cento del traffico cinese. Come il Twitter "originale", limita i messaggi a 140 caratteri, ma con quel numero di caratteri cinesi si può dire molto di più di quanto sia fattibile con le nostre lettere alfabetiche. Su Sina Weibo è possibile inoltre postare foto e video. Così vi circolanopost sensibili e messaggi critici (e ironici).

Come quello di Yang Hengjun, un noto blogger e professionista che a proposito di Libiascrive: "Grande novità! Ci sono solide prove che la Cina esporta i propri valori: nel suo discorso in televisione, il leader libico e compagno rivoluzionario Gheddafi ha detto che ha studiato l'indomita resistenza cinese all'interferenza straniera nei propri affari interni e che non avrebbe lesinato sull'intervento militare per reprimere chi causa disordine, per preservare la stabilità e l'unità nazionale. A quanto ci risulta, questa è la prima volta che un leader straniero dichiara pubblicamente di avere imparato dall'esperienza della Cina."
Il messaggio è stato ripreso e ripostato non meno di quattrocento volte in circa quaranta minuti, poi è sparito.


D'altra parte, il Twitter prodotto in casa, seppur scomodo, svolge per il potere cinese anche una funzione utile, perché è un collegamento tra i funzionari e le pulsioni che sorgono dal basso.

Secondo il giornale finanziario I-meigu, un post di Li Dongsheng - deputato all'assemblea del popolo e presidente del Tcl Group (prodotti elettronici) - ha per esempio provocato un fuoco di fila di circa settemila commenti. Li chiedeva consigli e proposte da trasmettere al congresso nazionale del popolo. La maggior parte dei post suggeriva riforme in ambiti molto materiali, che riguardano i livelli di vita: prezzo della casaistruzionefisco e sistema sanitario.

Così da un lato circolano informazioni scomode, dall'altro si trasmettono informazioni che innescano una trasformazione. Solo quelle, ovviamente, che possono essere recepite senza provocare "disordine" - parola spauracchio per tutti i cinesi - senza cioè mettere in dubbio lastruttura fondamentale del potere.
Con il gelsomino, i cinesi ci fanno solo il tè. Produce un delicato aroma che si distingue appena dall'acqua calda. Ai cinesi non piace il nostro tè, è troppo forte.

di Gabriele Battaglia

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori