domenica 16 gennaio 2011

Wikileaks tra Russia e Italia

Agli Stati Uniti piace poco che Berlusconi ammiri Putin e che l’Eni sia un ottimo alleato di Gazprom. Ma anche gli ambasciatori sbagliano, come nel caso della Georgia.


I dispacci della diplomazia americana resi pubblici da Wikileaks stanno attirando l’attenzione dei media più del necessario. Fermandoci a quelli italiani, come quello dell’Ambasciatore Ronald Spogli in cui si ripercorrono le relazioni tra Russia e Italia (cablegate.wikileaks.org), non è che si trovino elementi nuovi o sconvolgenti. Quando Spogli scrive che “Berlusconi ammira in Putin lo stile macho, decisionista e autoritario del suo modo di governare” non racconta probabilmente qualcosa di inesatto, più che altro offre materiale per un dibattito interno italiano. Stesso dicasi per le preoccupazioni sull’avvicinamento energetico di Roma a Mosca tramite Eni e Gazprom. Preoccupazioni che a Washington avevano già a partire dagli anni Sessanta con la strategia neoatlantica di Mattei. E si sa come è andata a finire.


L’ambasciatore americano si spinge però oltre quando sempre riferendosi al premier italiano nota che “il suo desiderio più impellente è di rimanere nelle grazie di Putin e ha spesso dato voce a opinioni e dichiarazioni che gli erano state passate direttamente da Putin. Un esempio: nei giorni successivi alla crisi della Georgia, Berlusconi ha cominciato a dire che la Georgia era l'aggressore e che il governo della Georgia era responsabile per la morte di centinaia di civili nell'Ossezia del Sud”.

Ecco. Spogli sceglie proprio l’esempio sbagliato. Visto che nel caso della guerra in Georgia è stata proprio la commissione indipendente voluta da Berlino e Parigi e affidata alla diplomatica svizzera Heidi Tagliavini ad affermare che il conflitto è stato aperto dall’attacco georgiano ordinato dal presidente Mikhail Saakashvili sulla capitale dell’Ossezia del Sud Tskhinvali. Il Tagliavini Report è datato settembre 2009, seguente dunque alla missiva di Spogli, e dice chiaramente che se all’escalation hanno partecipato tutte le parti, l’inizio della guerra è da attribuire a Tbilisi. E questo non è certo un particolare di poco conto. Altro che Berlusconi megafono di Putin.

Open hostilities began with a large-scale Georgian military operation against the town of Tskhinvali and the surrounding areas, launched in the night of 7 to 8 August 2008. Operations started with a massive Georgian artillery attack. At the very outset of the operation the Commander of the Georgian contingent to the Joint Peacekeeping Forces (JPKF), Brigadier General Mamuka Kurashvili, stated that the operation was aimed at restoring the constitutional order in the territory of South Ossetia”( ceiig.ch).

Insomma, quando “Berlusconi ha cominciato a dire che la Georgia era l'aggressore e che il governo della Georgia era responsabile per la morte di centinaia di civili nell'Ossezia del Sud” non ha fatto altro che raccontare quello che era accaduto e che in realtà da Berlino e Parigi sapevano tutti. Il conflitto russo-georgiano è complesso e ancora irrisolto, nessuno è immune da colpe, ma che Saakashvili non sia un martire lo hanno capito ormai anche i sassi.

Quando infine l’ambasciatore Spogli dichiara che “la combinazione di simpatia, dipendenza dall'energia, mancanza di influenza istituzionale e la relazione personale tra Putin e Berlusconi forniscono alla Russia un alleato affidabile, disponibile a lavorare all'interno della Ue in favore della Russia” indica probabilmente una delle paure americane. E cioè che insieme alla Germania ci siano importanti stati dell’Unione Europea che pensino a Mosca come a un partner e non come a un competitor da contenere.

di Stefano Grazioli - Russia Oggi

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori