lunedì 24 gennaio 2011

MOSCA: un'esplosione enorme

Un terrorista si è fatto esplodere nell'area delle salette vip, vicino al ristorante Asia Cafè. Un italiano tra i feriti. Medvedev: "Li prenderemo, serve un regime speciale di sicurezza". Controlli serrati negli altri scali, nella metro e nei principali punti nevralgici della città. La Farnesina sta verificando la presenza di altri italiani.


MOSCA - Un'esplosione enorme. Di una forza tale da far cadere tutta la neve dal tetto dell'edificio. L'esplosione all'aeroporto Domodedovo di Mosca, avvenuta alle 16.32 locali (le 14.32 in Italia) ha ucciso almeno 35 persone e ne ha ferite centinaia (130, di cui 20 in condizioni gravissime), ma il bilancio è incerto e destinato a salire. Tra i feriti ci sarebbero anche un italiano e un francese. Un kamikaze con addosso fra i cinque e i sette chili di tritolo, si è fatto esplodere nell'area delle salette vip, vicino al ristorante Asia Cafè, dello scalo più grande di tutta la Russia. Nella zona, accessibile al pubblico, non c'è metal detector. L'attacco è stato compiuto in un momento di grande affollamento, mentre erano in arrivo 30 voli di cui 15 internzionali.

A quanto pare, l'attentatore suicida è arrivato dall'esterno, non da un aereo, ha detto una fonte inquirente all'agenzia di stampa Interfax. Il kamikaze attendeva nell'area d'attesa degli arrivi, quella aperta al pubblico dall'esterno. "Di conseguenza - ha spiegato la fonte - la bomba non è arrivata a Mosca con un aereo, ma è stata introdotta dall'esterno". La Procura di Mosca ha aperto un'inchiesta per terrorismo. Ci sono già tre ricercati per l'attentato, tre uomini che da qualche tempo vivrebbero nell'area della capitale. Lo ha riferito la polizia, spiegando che i tre sono stati ripresi dalle telecamere mentre entravano nel settore arrivi.

La polizia ha trovato resti di un corpo che potrebbero appartenere al presunto terrorista, ha riferito l'agenzia Itar-Tass citando fonti investigative. Sarebbe un uomo tra i 30 e i 35 anni, dall'aspetto 'arabo'. 

Sul posto una ventina di ambulanze, i feriti sono stati ricoverati in cinque ospedali di Mosca fra cui il principale pronto soccorso nel centro della capitale russa. Testimoni oculari riportano scene di terrore con molte persone, alcune mutilate, che giravano per l'aeroporto insanguinate e fumo ovunque. La polizia ha dovuto abbattere un muro per consentire l'evacuazione della sala. Le autorità russe non hanno ancora la certezza delle generalità delle vittime: i primi dati si dovrebbero avere tra alcune ore, riferisce il ministero federale per le situazioni di emergenza. Tra i feriti ci sarebbero due cittadini stranieri. "Sulla base dei primi rapporti, due stranieri sono rimasti feriti per l'esplosione", ha detto una fonte medica. "Entrambi - ha continuato - sono stati ricoverati".

Tranne che nell'area colpita, secondo quanto riferito da alcune compagnie aeree, l'aeroporto sta attualmente svolgendo normalmente la sua attività, ha detto la portavoce dell'aeroporto, Ielena Galanova, che ha detto anche che non ci sono stati ritardi nelle partenze. ''Siamo rimasti chiusi per circa 20 minuti dopo l'esplosione'', ha dichiarato.

Dopo l'ordine del presidente russo Dmitri Medvedev - che ha rimandato la sua partenza per il Forum economico internazionale di Davos - è stata rafforzata la sicurezza negli altri aeroporti di Mosca, Vnukovo e Sheremetyevo, e al Pulkovo di San Pietroburgo. Il presidente, parlando durante una riunione di emergenza al Cremlino, ha confermato l'atto terroristico e assicurato che i colpevoli saranno catturati e puniti: "Occorre instaurare un regime speciale per garantire la sicurezza". La polizia sorveglia tutte le stazioni ferroviarie e la metropolitana, mentre è stato disposto un servizio di emergenza in tutti gli ospedali della capitale. 

Un testimone: "Ho visto attentatore in azione". Artiom Zhilenkov, 30 anni, che si trovava allo scalo per accogliere un passeggero, dice di aver visto l'attentatore: ''Ho visto un uomo di schiena tra la folla che attendeva parenti o amici, ho visto che è andato in mezzo a loro e subito dopo è avvenuta l'esplosione'', ha dichiarato alle agenzie Itar-Tass e Interfax. ''L'ordigno - ha aggiuunto - poteva essere addosso a lui o in una borsa, io sono stato salvato da due colonne che si trovavano alla mia destra e alla mia sinistra e che mi hanno protetto
dall'onda dell'esplosione''. Secondo Zhilenkov, la maggioranza delle vittime erano persone che aspettavano i passeggeri e tassisti, spesso abusivi. 

Aerei da Londra e Bruxelles atterrati 30 minuti prima dell'esplosione. Nei 30 minuti precedenti l'attentato, all'aeroporto di Domodedovo erano atterrati voli da Londra e Bruxelles, come pure dalla Grecia, dall'Ucraina e dall'Egitto. Un volo della British Airways diretto allo scalo moscovita è tornato invece a Londra. 

Servizi segreti avvertiti su possibile attentato. I servizi segreti russi erano stati avvertiti "almeno una settimana fa" che qualcuno aveva pianificato un attentato contro uno degli aeroporti di Mosca. Lo ha riferito una fonte dei servizi di sicurezza citata dall'agenzia Ria Novosti.

La condanna delle comunità internazionali . Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha espresso "a nome personale e dell'intero Governo la ferma condanna del vile attentato terroristico all'aeroporto di Mosca. Alle famiglie delle vittime, all'amico popolo russo e ai suoi leader vanno il nostro cordoglio e la nostra vicinanza", si legge in una nota. "Fermissima condanna per il grave attentato" che ha avuto luogo oggi all'aeroporto Domodedovo è stata espressa anche dal ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, che ha definito l'attacco un atto "barbaro e ingiustificabile" e ha anche sottolineato la piena solidarietà dell'Italia al Governo russo nella lotta contro il terrorismo.  Parole di dura condanna arrivano anche dal presidente americano, Barack Obama: ''Condanno fermamente questo atroce atto di terrorismo contro il popolo russo''. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, si è detto "scioccato", e ha anche assicurato che l'Alleanza atlantica è "al fianco della Russia" nella lotta al terrorismo. Dura la condanna del Consiglio d'Europa: durante il suo intervento all'Assemblea parlamentare, riunita in sessione plenaria, il segretario generale dell'organizzazione di cui la Russia è uno Stato membro ha condannato l'attentato e inviato le sue condoglianze alle famiglie delle vittime. Il presidente dell'Assemblea ha chiesto un minuto di silenzio e ha ricordato come ogni atto terroristico rappresenti un attacco a tutto quello che il Consiglio d'Europa rappresenta. Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, ha definito "odioso" l'attentato e ha parlato di un atto di terrorismo "barbaro e vile". Il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, ha parlato della spia luminosa di "un atto barbaro" e ingiustificabile. "È con costernazione che ho appreso la notizia dell'attentato all'aeroporto di mosca, dove tanta gente ha perso la vita", ha dichiarato westerwelle in un comunicato, condanno questo omicidio crudele nel modo più energico". Il presidente in carica dell'Osce (organizzazione per la cooperazione e la sicurezza in Europa), il ministro degli Esteri lituano Audronius Azubalis, ha rivolto "le più sincere condoglianze alle famiglie delle vittime e augurato ai feriti una pronta guarigione. Non può esserci giustificazione per un brutale attacco contro civili innocenti". Il presidente estone, Toomas Hendrik Ilves, poi, ha sottolineato che l'attentato di oggi "conferma ancora una volte l'urgenza e la necessità di una cooperazione internazionale contro il terrorismo". Solidarietà è stata espressa dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

I precedenti in Russia. È la prima volta che un terrorista colpisce un aeroporto di Mosca. L'ultimo attacco alla capitale russa risale al marzo dello scorso anno, quando due donne kamikaze si fecero esplodere nella metropolitana 1 uccidendo 40 persone. La prima, 17 anni, si fece esplodere alle 7.56 durante la fermata di un convoglio alla stazione Lubianka e 40 minuti dopo un'altra donna azionò il suo ordigno alla stazione di Park Kulturi, vicino al Gorki Park. La prima era daghestana e la seconda cecena. La responsabilità allora ricadde su un gruppo terroristico legato al Caucaso del Nord.

Controlli sulla presenza di italiani. L'ambasciata e il consolato generale d'Italia a Mosca stanno verificando la presenza di italiani tra le vittime. L'aeroporto internazionale Domodedovo è lo scalo civile più grande della Federazione russa per numero di passeggeri (nel 2010, oltre 22 milioni di persone) ed è raggiunto anche da voli provenienti dall'Italia. Si trova a 22 chilometri a sudest di Mosca e fu inaugurato nel 1965. Dal 2003, la torre di controllo è in grado di gestire oltre 70 decolli e atterraggi ogni ora. Lo scalo è in piena espansione: l'anno prossimo dovrebbe essere completato il terminal T3 che incrementerà la capacità dello scalo fino a 24-28 milioni di passeggeri l'anno.

Twitter in tilt. Twitter è andato in tilt nella Russia centrale e in alcuni Paesi europei dopo l'attentato: 20 minuti dopo l'episodio, il network è stato invaso dagli utenti per fare e fornire informazioni, ma non ha retto l'eccesso di traffico, come riferisce l'agenzia Ria Novosti. Nella prima ora dopo l'attentato erano stati postati circa 20 mila messaggi.


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori