domenica 16 gennaio 2011

L'autoritarismo cinese e l'imposizione del sistema liberista

L'autoritarismo in Cina non è servito tanto a comprimere artificialmente i salari dei lavoratori, quanto a imporre un sistema liberista. E chi oggi vede nell'eccesso di risparmio cinese un problema per gli equilibri macroeconomici globali, dovrebbe chiedersi se non sia riconducibile proprio all'eccesso di liberismo capitalista e alla conseguente assenza di un adeguato sistema di welfare e di tutela dei lavoratori. Alla Cina serve un buon compromesso tra capitalismo e welfare state, come nell'Europa degli anni Cinquanta e Sessanta. Sarà possibile realizzarlo?


Anche nel 2011 la Cina e il suo enorme surplus di partite correnti saranno certamente al centro del dibattito economico. Gli americani continueranno a esigere una forte rivalutazione dello yuan (20-30 per cento) al fine di rendere le merci cinesi meno competitive sui mercati internazionali. La formidabile propensione al risparmio cinese verrà ancora additata da molti come un problema. Ma quali sono le cause?

MOLTE LETTURE DEL RISPARMIO CINESE
Alcuni economisti neo-keynesiani domanderanno una maggior tutela degli individui, che oggi hanno pensioni irrisorie, una scarsa assistenza sanitaria e una istruzione pubblica inadeguata, al fine di ridurre l’incredibile tasso di risparmio delle famiglie. (1) Qualche studioso cinese continuerà a ritenere che la propensione al risparmio sia dovuta alla politica del figlio unico, che ha prodotto un eccesso di maschi, costretti a risparmiare moltissimo per trovarsi una moglie.(2) Mentre alcuni commentatori neo-liberisti continueranno a pensare che la mancanza di democrazia sia alla base dei forti squilibri economici; la repressione, infatti, terrebbe bassi i salari e non permetterebbe ai lavoratori cinesi di consumare quanto vogliono. (3)
CRESCE IL RISPARMIO E PURE LA DEMOCRAZIA (POCHISSIMO)
Ciascuna di queste spiegazioni contiene una parte di verità; e forse è utile ordinarle in maniera più sistematica, in modo da costruire un quadro più coerente. Cominciamo dall’ultima interpretazione: La carenza dirappresentanza democratica è certamente un problema molto serio in Cina. Tuttavia, mentre il forte accumulo di riserve internazionali e la bassa propensione al consumo hanno cominciato a manifestarsi con intensità solo dalla fine degli anni Novanta (figura 1), il problema della democrazia in Cina esiste almeno dal 1949, data di fondazione della Repubblica popolare cinese, se non da molto prima. Purtroppo, non sono disponibili indicatori affidabili del livello di democrazia di un paese che risalgano abbastanza indietro negli anni. Tuttavia, indici come quello dell'Economist Intelligence Unit, mostrano negli ultimi tempi un lievissimo miglioramento della situazione: mentre nel 2006 la Cina era al 138° posto su 167 paesi con un punteggio di 2,97/10, nel 2010 è passata al 136° posto con un voto di 3,14/10.
AUMENTANO I SALARI NOMINALI E REALI
Per quanto riguarda i salari, l’ultimo rapporto dell’International Labor Office di Ginevra ci ricorda come, mentre nel mondo la loro crescita è stata negli ultimi anni  molto limitata se non vicina allo zero, in Cina si è registrato un tasso di crescita delle retribuzioni di tutto rispetto. (4) Dopo essere saliti del 13,1 per cento nel 2007, i salari sono cresciuti rispettivamente dell'11,7 e 12,8 per cento nel 2008 e 2009 nelle aree urbane, notoriamente più sviluppate e dinamiche e di circa la metà nell’intero paese, aree rurali incluse. Anche se prendiamo un lasso temporale più lungo, ci accorgiamo che i salari cinesi hanno conosciuto tassi di crescita media di oltre il 12 per cento negli ultimi dieci anni, ben al di sopra, anche in termini reali, di quelli osservati in un qualsiasi paese occidentale. A questi ritmi è facile capire come - al di là degli aumenti di produttività che finora sono stati notevolissimi - la competitività cinese sia destinata a ridursi fortemente nei prossimi anni.
ELEVATA INCERTEZZA, ELEVATO RISPARMIO
La verità è che a partire dall’inizio degli anni Ottanta il mercato del lavoro in Cina ha conosciuto graduali ma profonde riforme che lo hanno reso sempre più flessibile sia in termini di salario (dove la componente variabile è diventata via via più rilevante) sia in termini di mobilità (a livello territoriale, di impresa e da occupazione a disoccupazione). La crescita della flessibilità si è accompagnata con un’accelerazione, dalla metà degli anni Novanta, della (senza dubbio necessaria) privatizzazione e ristrutturazione delle aziende controllate dallo Stato o a proprietà collettiva: prima non licenziavano e garantivano salari “politici”, successivamente hanno visto aumentare i loro vincoli di bilancio, hanno potuto offrire contratti a tempo determinato e licenziare liberamente la manodopera. (5) Se da un lato questa trasformazione liberista del mercato del lavoro ha permesso un incredibile aumento della produttività, e quindi dei redditi e della ricchezza, dall’altro ha anche aumentato notevolmente l’incertezza per le famiglie cinesi. Anche perché le liberalizzazioni non sono state compensate da un sistema di ammortizzatori sociali. Così, secondo recenti stime di Marcos Chamon, Kai Liu e Eswar Prasad, la cresciuta incertezza sul mercato del lavoro sembra spiegare buona parte dell’aumento della propensione al risparmio delle famiglie con capofamiglia giovane (figura 2). (6) L’insolita crescita dei risparmi delle famiglie con capofamiglia dai 50 ai 65 anni (figura 2) è invece, secondo questi autori, dovuta all’incertezza causata dalla riforma del sistema pensionistico del 1997, che ha drasticamente ridotto il rapporto tra pensione e ultimo reddito redito da lavoro.
UN COMPROMESSO TRA CAPITALISMO E WELFARE STATE
In sintesi, l’autoritarismo non sembra essere servito a comprimere artificialmente i salari dei lavoratori cinesi, ma piuttosto a imporre un sistema liberista, di cui - sia detto per inciso - l’Occidente ha finora beneficiato in termini di beni a basso prezzo, anche se ha creato a tutti seri problemi di competitività. Se qualcuno pensa che l’eccesso di risparmio cinese sia un problema per gli equilibri macroeconomici globali, dovrebbe riflettere sulla possibilità che tale eccesso sia riconducibile all’eccesso di liberismo capitalista e alla conseguente assenza di un adeguato sistema di welfare e di tutela dei lavoratori (tanto quelli attivi quanto quelli pensionati). Si pone, dunque, alla Cina il problema di un buon compromesso tra capitalismo e welfare state, quel compromesso che accompagnò la forte crescita economica con l’ampia estensione dei diritti sociali e delle tutele nell’Europa degli anni Cinquanta e Sessanta. Ma sarà possibile questo compromesso in un paese, ormai capitalista, dove l’articolo 1 della Costituzione sembra una catena di ossimori: “La Repubblica popolare cinese è uno stato socialista soggetto alla dittatura democratica del popolo”?

(1) Olivier Blanchard e Francesco Giavazzi, “Rebalancing Growth in China: a Three-handed Approach”, 2005 MIT Working Paper, 05-32
(2) Wei, Shang-Jin and Xiaobo Zhang, “The Competitive Saving Motive: Evidence from Rising Sex Ratios and Savings Rates in China”, 2009, NBER Working Paper, 15093
(3) Alberto Alesina e Luigi Zingales, “Più salari, consumi e libertà in Cina per rimediare agli squilibri commerciali nel mondo”, Il Sole-24Ore, 9 dicembre 2010.
(4) Global Wage Report 2010/2011 – Wage policies in times of crisis.
(5) Ray Brooks and Ran Tao, “China’s Labor Market Performance and Challenges” , 2003 IMF WP
(6) Marcos Chamon, Kai Liu and Eswar Prasad, “Income Uncertainty and Household Savings in China” 2010 IMF WP

Figura 1 - Tassi di risparmio delle famiglie     
 
Fonte: National Bureau of Statistics, elaborata in : Chamon M., Kai Liu, Prasad E., (2010)
           Figura 2 - Tassi di risparmio in funzione dell’età del capofamiglia
 
Fonte: Chamon M., Kai Liu, Prasad E., (2010)

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori