domenica 23 gennaio 2011

La stretta relazione tra il picco della produzione del petrolio e la popolazione

C’è una relazione stretta tra il picco della produzione del petrolio e la popolazione. Già dagli anni ’50 c’erano diverse stime sulla crescita e la diminuzione della produzione globale di petrolio, e probabilmente era inevitabile che nel corso del tempo si passasse dall'ottimismo al realismo. Tutto sommato, per la propria reputazione è meglio fare qualche errore sul lato della prudenza piuttosto che apparire uno stupido annunciando una catastrofe che non avviene. Con l'aumento degli studi, tuttavia e con l'avvicinarsi degli eventi critici, ha prevalso infine il realismo. 

Partiamo da due fatti di base. Il primo è che il consumo globale di petrolio è di quasi 30 miliardi di barili all’anno. Il secondo è che oggi la popolazione globale conta circa 7 miliardi. Partendo da queste due premesse, possiamo fare delle valutazioni ragionevoli tanto sul picco della produzione del petrolio quanto sulla diminuzione della popolazione. 

Il picco della produzione di petrolio globale sarà circa nel 2010 e il tasso di declino più probabile dopo il picco è del 6% [ 5, 7, 11]. Ciò significa che dopo il picco la produzione diminuirà al 50% del picco entro 11 anni, cioè entro il 2021. 

La dimensione della popolazione è legata direttamente alle riserve di petrolio. Nella società industriale il petrolio è sempre stato la fonte d’energia principale. In realtà, è proprio grazie all’abbondanza di petrolio che è stata possibile una grande popolazione globale, essendo anche il petrolio il motivo per cui la popolazione è cresciuta così velocemente. [1] 

Quindi se nei prossimi 11 anni la produzione del petrolio toccherà la metà del suo picco, anche la popolazione dovrà diminuire alla metà, cioè a 3,5 miliardi. Una diminuzione da 7 miliardi a 3,5 miliardi di persone significa che, come la produzione di petrolio, anche la popolazione diminuirà del 6 % all’anno. 
Ma come sarà possibile diminuire la popolazione da 7 miliardi a 3,5 miliardi in soli 11 anni? Sarebbe mai possibile una tale riduzione della popolazione con un programma di cessazione volontaria delle nascite, ma senza nessun altro cambiamento drastico del comportamento umano? Funzionerebbe una politica di zero-nascite? Sfortunatamente, è poco probabile che un tale programma funzioni. Prima di tutto, per avere degli effetti significativi il programma dovrebbe essere globale ed immediato. Oltre a questo, la maggior parte della gente è poco aperta al suggerimento della politica del figlio unico, come in Cina, e quindi è ancora meno probabile che una politica del genere sia tollerata.

In tutti i casi, i numeri non sarebbero influenzati dalla diminuzione del tasso di natalità senza la crescita del tasso di mortalità. Siccome la maggior parte delle persone che vivono adesso sarebbero ancora vive nel 2021, la popolazione non diminuirebbe abbastanza. Quindi, è chiaro che non c’è nessuna strategia politica per ridurre la popolazione del 6% all’anno. 

L’unica soluzione sarà la carestia, ma questa scelta non toccherà agli uomini. Sarà la scelta della Madre Natura, come nei casi delle altre specie. Il processo verrà messo in moto dalla diminuzione globale e sistematica delle risorse e della diminuzione della produzione industriale. Senza i combustibili fossili i campi di agricoltura diminuiranno del 30%. [7, 8, 9] Se pensiamo alla diminuzione globale delle risorse di cibo, ormai la carestia è cominciata. [3, 4] Lo stesso processo di diminuzione influirà su ogni cosa: l’estrazione mineraria, l’elettricità, le fabbriche, i trasporti, le comunicazioni. [2, 6] 

Avremmo già dovuto cominciare a prepararci per un tale scenario. Comunque, adesso pur essendo tardi dobbiamo almeno accettare i fatti e rendere le cose più facili per i pochi che diventeranno il futuro dell’umanità. Almeno su piccola scala un programma del genere funzionerà. 

di Peter Goodchild
Fonte: www.countercurrents.org
Link: http://www.countercurrents.org/goodchild070710.htm
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAFY

Note: 

1. Catton, William R., Jr. Overshoot: The Ecological Basis of Revolutionary Change. Champaign, Illinois: University of Illinois Press, 1982. 
2. Duncan, Richard C. The Olduvai Theory: Energy, Population, and Industrial Civilization. The Social Contract, Winter 2005-2006. http://www.thesocialcontract.com/pdf/sixteen-two/xvi-2-93.pdf
3. Earth Policy Institute. Earth Policy Indicators. 15 June 2006. Grain Harvest: http://www.earth-policy.org/index.php?/indicators/C54/
4. -----. Earth Policy Indicators. 22 June 2005. Fish Harvest. http://www.earth-policy.org/index.php?/indicators/C55/
5. Foucher, Sam. Analysis of Decline Rates. The Oil Drum. 25 February 2009. http://iseof.org/pdf/theoildrum_4820.pdf
6. Gever, John, et al. Beyond Oil: The Threat to Food and Fuel in the Coming Decades. 3rd ed. Boulder, Colorado: University Press of Colorado, 1991. 
7. Höök, Mikael, Robert Hirsch, and Kjell Aleklett. Giant Oil Field Decline Rates and Their Influence on World Oil Production. Energy Policy. June 2009. http://www.tsl.uu.se/uhdsg/Publications/GOF_decline_Article.pdf
8. Pimentel, David. Energy Flows in Agricultural and Natural Ecosystems. CIHEAM (International Centre for Advanced Mediterranean Agronomic Studies). 1984. ressources.ciheam.org/om/pdf/s07/c10841.pdf
9. -----, and Carl W. Hall, eds. Food and Energy Resources. Orlando, Florida: Academic Press, 1984. 
10. -----, and Marcia H. Pimentel. Food, Energy, and Society. 3rd ed. Boca Raton, Florida: CRC Press, 2007. 
11. Poston, Steven W. Decline Curves. Hamilton Group. http://www.hamiltongroup.org/documents/Decline%20Curves%20-%20Dr%20Stephen%20Poston.pdf

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori