mercoledì 12 gennaio 2011

In classe col cappotto

I genitori protestano e si organizzano nel coordinamento 'Una crepa in Comune'. L'assessore ai Lavori pubblici Simini si difende: "Spendiamo il 30% del bilancio per l'edilizia scolastica".
Nei corridoi il termometro segna nove gradi. Aule umide, serramenti marci, impianti fuori norma. Sei scuole di Milano attendono urgenti ristrutturazioni. E secondo i tecnici comunali, l’istituto Cassinis di via Hermada va abbattuto e ricostruito. Da almeno un decennio questi lavori sono inseriti nel piano annuale delle manutenzioni straordinarie previste dal Comune, ma alla fine gli interventi non vengono mai finanziati. La situazione peggiora di anno in anno e ora i genitori hanno deciso di passare al contrattacco.


Le famiglie degli alunni di sei istituti milanesi hanno dato vita da poco al coordinamento ‘Una crepa in Comune’. Ma già da anni si rimboccano le maniche. Imbiancando aule, sistemando banchi e armadi, mettendo in sicurezza gli impianti. Eppure i problemi sono tanti. In alcune delle sei scuole del coordinamento mancano gli accessi per gli alunni con disabilità. All’istituto Don Orione di via Iseo, scuola che risale al 1921, quello per i disabili è un percorso a ostacoli. Nei corridoi poi le temperature non superano i nove gradi. “E nello spogliatoio della palestra fa ancora più freddo”, garantisce Simona Regondi, mamma di un alunno. Ma le condizioni più proccupanti riguardano l’istituto Cassinis, un prefabbricato costruito nel 1963 per durare quindici anni: oggi sta per compierne cinquanta e cade a pezzi. “La struttura è così malconcia che subiamo continue intrusioni e tentativi di furto”, spiega Emanuela Russo di ‘Una crepa in Comune’. “Adesso tocca al Comune – attacca Alberto Forni del coordinamento – A primavera tecnici e assessori hanno visitato le scuole promettendo interventi entro il 2010. Ma ancora una volta nulla di specifico è stato programmato. Siamo stanchi delle continue promesse: il 31 gennaio saremo davanti a Palazzo Marino per un presidio di protesta”.

L’assessore comunale ai Lavori pubblici Bruno Simini ribatte alle accuse: “Investiamo il 30% del bilancio nell’edilizia scolastica. Quest’anno abbiamo stanziato trenta milioni di euro e altri ne stanzieremo, ma a Milano ci sono più di 500 scuole e una su quattro ha più di quarant’anni”. Gli interventi, precisa Simini, vengono decisi in base alle priorità e in accordo con i dirigenti scolastici: “Partiamo dai cedimenti e dagli edifici in cui piove dentro”.

“E’ vero, di soldi se ne spendono di più rispetto a dieci anni fa – spiega Marco Cormio, consigliere comunale del Pd – ma si tende a voler accontentare tutti. Così si rifanno gli intonaci a decine di scuole mentre gli edifici che avrebbero bisogno di ingenti risorse continuano ad aspettare”.

di Franz Baraggino

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori