lunedì 17 gennaio 2011

Hezbollah si ritira dal governo. Il Libano sprofonda nella crisi

La minaccia era nell'aria da tempo, ieri, 12 gennaio, Hezbollah è passato dalle parole ai fatti. I ministri del Partito di Dio e i loro alleati si ritirano dal governo di unità nazionale libanese e mettono di fatto in crisi l'esecutivo. L'annuncio è arrivato mentre il premier Saad Hariri si trovava in visita alla Casa Bianca, oggi sarà ricevuto a Parigi da Nicolas Sarkozy.
La crisi è scoppiata al rifiuto di Saad Hariri di disconoscere il Tribunale speciale per il Libano sulla morte di suo padre, Rafic Hariri, e dopo che era stato impedito al Consiglio dei ministri l'esame di un dossier relativo a presunti falsi testimoni utilizzati dal Tribunale. Undici ministri, sciiti e cristiani, hanno massicciamente rassegnato le dimissioni determinando l'automatica caduta del governo.
Questi sviluppi sono seguiti ad una serie di incontri "maratona" a New York e Washington a cui hanno partecipato il re saudita Abdallah, i presidenti Barack Obama e Nicolas Sarkozy, la segretario di Stato Hillary Clinton e lo stesso Saad Hariri. 
A Beirut, quasi unanimemente stampa e commentatori politici ritengono che Washington abbia posto il veto ai tentativi siriano-sauditi che puntavano a trovare un accordo inter-libanese per far uscire il paese dalla crisi, disinnescando la bomba a tempo del Tribunale internazionale che da mesi sembra in procinto di incriminare i vertici di Hezbollah per l'omicidio di Rafic Hariri avvenuto nel febbraio 2005. Per gli Stati Uniti, al contrario, proprio l'azione del Tribunale è un fortissimo strumento di pressione contro Hezbollah ed i suoi sponsor, la Siria e l'Iran. 
A questo punto l'interrogativo più pressante è comprendere come possa svilupparsi la crisi. Dal punto di vista istituzionale la prossima tappa sarà rappresentata dalle consultazioni parlamentari per la scelta di un nuovo primo ministro. L'esito appare quanto mai incerto poiché pare mancare una maggioranza solida in Parlamento, visto che dopo una parentesi filo-occidentale il leader druso Walid Jumblatt è tornato ad avvicinarsi alla Siria.
Se verrà rinnovato l'incarico a Saad Hariri, l'opposizione gli renderà la vita difficile. Gli saranno probabilmente necessari mesi per formare un nuovo governo, sempre ammesso che ci riesca, ma del resto nessun altro candidato sembra avere la necessaria legittimità democratica perché in ogni caso il nuovo premier avrà bisogno di almeno una parte dei voti sunniti ottenuti da Hariri alle scorse elezioni. Nel baratro della crisi una candela di speranza rimane accesa: finora nessun leader politico ha evocato lo spettro, sempre incombente in Libano, della guerra civile.
Il timore di vedere la crisi politica libanese degenerare in conflitto è vivo nella Comunità internazionale e nei paesi della regione.
Israele "vigila con estrema attenzione" la situazione in Libano, ha dichiarato il portavoce del ministro della Difesa di Tel Aviv Ehud Barack. Lo stato ebraico è il nemico giurato di Hezbollah che ha il controllo del suo confine nord. Nel 2006 tra Israele e Libano scoppiò la cosiddetta guerra dei trentatré giorni, durante la quale il tentativo di invasione del Libano del sud fu respinto dalla capacità militare delle milizie sciite.
Per il capo della Lega araba, Amr Moussa, la situazione è quanto mai "pericolosa" e si chiamano tutte le parti a perseguire ogni possibile soluzione pur di evitare un confronto immediato. Moussa esprime l'inquietudine di vedere nuovamente il Libano sprofondare nel caos, come nel 2008, quando il paese arrivò vicino alla guerra civile.
L'Egitto, dal canto suo, chiama alla moderazione a afferma di star conducendo contatti con altri paesi per tentare di portare un aiuto al Libano. Ma ormai i giochi paiono fatti. La mediazione siriano-saudita, fallita l'11 gennaio, sembrava l'unica in grado di permettere al governo libanese di superare l'odierna crisi.


di Miriam Pace

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori