giovedì 13 gennaio 2011

Gaza, il testamento di una vita dedicata all'amore per la sua terra





Un contadino palestinese assassinato dall'esercito israeliano, appena dopo essere stato intervistato da una cooperante italiana.

Un anziano contadino palestinese al lavoro nei campi. Una giovane cooperante italiana che si reca a intervistarlo.

Mentre anche ieri notte caccia F16 ci hanno tirato addosso i loro confetti di morte (tre bombardamenti a sud di Gaza City e uno a Kahn Younis) ho trascritto la registrazione audiodell'ultima intervista a Shaban, anziano contadino ucciso lunedi' da un cecchino subito subito dopo aver incontrato una cooperante italiana.
Il testamento di una vita dedicata all'amore per la sua terra, un amore che alla fine se l'è inghiottito dentro.

Non hai paura degli israeliani che sparano? ''No, non m'importa degli spari. Se succede qualcosa di brutto noi esseri umani moriamo una volta sola, e solo Dio sa quando arriverà la mia ora per morire. Io dormo qui alcune volte e non m' importa di morire, sento sempre i carri armati e bulldozer invadere la mia terra e non mi importa più quello che fanno''.

Cinque minuti dopo aver pronunciato queste frasi dinnanzi ad un registratore acceso, i due cordialmente si congedano.

Poi uno sparo, e la morte rioccupa la scena.

Shaban Karmout, contadino di 65 anni é l'ultima vittima civile dell'escalation di violenza innescata dall'esercito israeliano da due mesi a questa parte, dopo gli omicidi del pastore beduino Salama Abu Hashish il 23 dicembre a Beit Lahiya e del giovane Mohammed Qedeh 5 giorni dopo a est di Khan Younis.
Shaban aveva costruito la sua casa dinnanzi al confine all'inizio degli anni Settanta, e presto nel terreno adiacente aveva fatto fiorire alberi da frutta come limoni, aranci e clementine.
I frutti della terra erano generosi e nonostante l'occupazione Shaban conduceva una vita serena, almeno fino ad una notte del 2003, quando in pieno Ramadan, bulldozer e carri armati israeliani hanno invaso i suoi campi distruggendo tutte le sue colture e sradicando i suoi preziosi alberi: il frutto di trenta anni di duro lavoro raso al suolo in meno di tre ore.
Al termine dell'offensiva israeliana Piombo Fuso, l'anziano contadino non se la sentiva più di dormire tutte le notti nella casa al confine per via delle frequenti incursioni israeliane.
Aveva preso allora in affitto un minuscolo bugigattolo nel campo profughi di Jabalia nel quale viveva stipato con la sua numerosa famiglia, una decina di persone.
D'abitudine Shaban iniziava il lavoro sui campi da poco dopo il sorgere l'alba fino a poco prima del tramonto. Ogni giorno per quarant'anni, fino a lunedi' scorso.
Erano circa le 2 del pomeriggio quando, salutati i visitatori forestieri, il contadino si è recato sulla sua terra per riprendere l'asino legato ad un arbusto, e un cecchino israelianopiazzato su una torretta di osservazione a trecento metri gli ha sparato contro tre colpi: il primo lo ha centrato al collo, gli altri due al torace.
Esalando l'ultimo respiro Shabab ha fatto appena in tempo ha nominare il nome di suo figlio,Khaled. Quando Khaled è accorso nei campi suo padre era già stato disteso esamine di fianco al quadrupede.
"Non c'erano combattimenti nella zonanon c'erano guerriglieri palestinesi ne noi rappresentiamo una minaccia, viviamo in quella casa da decenni, i soldati ci conoscono benissimo. Ci hanno osservato per anni lavorare e vivere tramite le loro telecamere, i droni, perfino i dirigibili spia. E' questo il vero terrorismo, ditelo ai media occidentali". 


Cosi' Khaled si è rivolto agli attivisti dell'International Solidarity Movement durante la veglia funebre in onore di suo padre, e non è possibile dargli torto. E' risaputo infatti che i contadini al confine sono tutti schedati e la terra nella quale lavorano è monitorata minuziosamente centimetro quadrato per centimetro quadrato. Inoltre i cecchini israeliani a differenza dei lanciatori di razzi Qassam non sparano a casaccio nel deserto; come tutti i cecchini inquadrano l'obbiettivo, prendono la mira.  Il sistema più veloce per pulire etnicamente la Palestina.

Come avveniva durante Piombo Fuso, Israele continua a impedire alle ambulanze di raggiungere i luoghi degli attacchi, minacciando di sparare a medici e infermieri.
Cosi', non essendoci altri mezzi disponibili Khaled ha potuto trasportare via il cadavere del padre caricandolo sul braccio di una ruspa. Come si fa con gli alberi sradicati.
Daniela, cooperante dell'ong GVC, a conclusione della riabilitazione di un pozzo nell'area di Beit Hanoun, fra l'altro finanziato coi fondi del governo italiano, si era recata al confine con i suoi collaboratori per intervistare gli agricoltori beneficiari del progetto idrico.
Shaban era stato l'ultimo dei contadini intervistati, cinque minuti prima che venisse ucciso.
Il figlio della vittima, Khaled, ha parlato di terrorismo; per Saber, un amico presente durante l'intervista quest'ultimo assassinio è una sorta di avvertimento mafioso per quanti solidarizzano con i lavoratori palestinesi che resistono, gli ultimi veri uomini in questi tempi anonimi.
Daniela non riesce a tenere in mano le foto scattate poco prima di salutare l'anziano contadino: ''Non posso guardarle ancora, sembra un sogno, un incubo. Da qui all'obitorio nel giro un'ora".
Ho trascritto la registrazione audio dell'ultima intervista a Shaban, il testamento di una vita dedicata all'amore per la sua terra, un amore che alla fine se l'è inghiottito dentro.
Restiamo Umani


scritto per PeaceReporter da

Vittorio Arrigoni
da Gaza City



Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori