lunedì 17 maggio 2010

Israele stampa il timbro di "denied entry" sul passaporto di Noam Chomsky


Per aderire all'appello in sostegno alla Freedom Flotilla, contattare:reteromanapalestina@gmail.com

Noam Chomsky, massimo linguista contemporaneo, e uno degli intellettuali più ascoltati nel mondo, ieri si è visto negare il permesso di entrare in Israele.
Chomsky che era atteso per una lettura all’università Bir Zeit nei pressi Ramallah, è stato respinto all’Allenby Bridge, il valico di frontiera fra la Giordania e Israele, dove e come successe anche a me nell’aprile del 2003, e accade ogni anno a centinaia di attivisti e liberi pensatori che per entrare nella Palestina occupata sono obbligati a mettere piede in Israele.
2 anni fa era successo lo stesso al professore universitario Norman Finkelstein, e subito dopo a Richard Falk, a capo della commissione per i diritti umani dell’Onu.


Come controllare la popolazione


Immaginiamo una ristretta cerchia di persone, un’oligarchia, che voglia mantenere il proprio potere politico/economico sopra una nazione sfruttandone il popolo: quali sono i metodi migliori per consolidare tale potere e renderlo inattaccabile?

I metodi sono diversi, anche perché ci sono due strategie di fondo per mantenersi al potere:

1) Quella di esercitare il potere in maniera ferrea e dittatoriale, mostrando palesemente che chi si oppone rischia di venire incarcerato, torturato, ucciso
2) Quella di fingere di fare tutto il possibile per il popolo, peccato che ci siano i nemici esterni, i nemici interni, le calamità naturali, le crisi ricorrenti del sistema economico, le recessioni, fattori difficilmente controllabili che vanificano gli sforzi che il potere fa “per il bene del popolo”.

Il Regno Unito sarà il prossimo paese a cadere in crisi profonda?

In questi ultimi mesi c’e stato un grande affanno per cercare di salvare la piccola Grecia. Cosa succecderà quando si dovrà tentare di salvare non un piccolo paese di circa 11 milioni di abitanti come la Grecia, ma un grande paese di sessanta milioni di abitanti e oltre come il Regno Unito o l’Italia?
Tutto sembra indicare che il prossimo paese ad essere colpito da una grave crisi del debito sarà proprio il Regno Unito.

Afghanistan, uccisi due soldati italiani del contingente Isaf, altri due gravemente feriti

KABUL - Due soldati italiani del contingente Isaf impegnato in Afghanistan sono rimasti uccisi e altri due gravemente feriti. L'attacco è avvenuto nella zona di Herat, nel nord-est del Paese. Tra i feriti ci sarebbe una soldatessa.

Iran. quale l'opzione più razionale per la leadership USA?


Sia l’Iran che gli Stati Uniti hanno molto da guadagnare dalla ricerca di un compromesso, e i loro interessi potrebbero essere molto più simili di quanto essi non credano; le altre opzioni sono difficilmente praticabili per Washington; tuttavia, fattori politici interni ed esterni rendono difficile alla leadership USA scegliere l’opzione più razionale – scrive l’analista iraniano Massoud Parsi.

Lo scorso giugno Ahmadinejad fu rieletto presidente dell’Iran dopo una campagna elettorale svoltasi in un contesto insolitamente incerto, lacerante e astioso.
Il voto fu seguito da una serie senza precedenti di manifestazioni, dalle crescenti pressioni internazionali e dall’isolamento orchestrato dagli Stati Uniti, nonostante le iniziali dichiarazioni d’intenti di Barack Obama, il presidente americano.

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori