sabato 3 aprile 2010

Is the international perception of the Palestinian question changing?


VERSIONE ITALIANA


The dispute between the Obama administration and Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu has ended for the time being without any winners or losers. Netanyahu has not accepted the White House’s conditions and he has returned home without any tangible retaliatory measures on the part of the U.S. Yet no one is celebrating among Israeli political circles.

Netanyahu’s trip to Washington started with a speech delivered in a friendly climate at the annual conference of the AIPAC, the powerful U.S. pro-Israel lobby, and ended with the tough one-on-one meeting with President Obama, which clearly marked the split with the White House and the mutual aversion between the U.S. President and the Israeli Prime Minister.

At this point, it is difficult to foresee what will happen in the future. Up to now Obama has shown that he has no intention of yielding to Netanyahu’s stance – which is bound to block any negotiation between the Israelis and Palestinians – but, at the same time, he is not able to exert any real pressure on the Israeli government.

Things may change though. Some Arab commentators have interpreted the approval of the health care reform by the U.S. as an encouraging signal, which can politically bolster Obama at home and make him less vulnerable to pressure by the pro-Israel lobby in the U.S.

However, Obama’s real testing ground will be the congressional elections in November. Before then, it is rather unlikely that he take any tangible measures against Netanyahu, who, in turn, is fully aware of this and probably hopes that the upcoming elections will help him in case of a Republican victory. The gridlock is bound to continue.

It is quite likely that the Israeli-U.S. crisis has led to no tangible result. This is not the case, though: there have been tangible yet negative consequences. Netanyahu’s obstinacy and Obama’s helplessness have convinced the Arabs that negotiations will lead to nothing. The Middle East will have to wait further in the hope for a better future.

However, the situation in Israel is not that much better. While Netanyahu has drawn much criticism for his conduct during the current diplomatic crisis with the U.S., his power base seems to have been left unscathed for the time being. There are several who accuse the White House of having been too harsh with Israel. There seems to be a climate of distrust between these two close allies – and, above all, their two governments – and this situation is leading Israeli political circles to take even more uncompromising stances rather than softening them.

However, the crisis in relations between Washington and Tel Aviv is only the most recent of a series of diplomatic crises involving the Netanyahu government.

The assassination of Mahmoud al-Mabhouh, a leading Hamas figure, on January 19th in Dubai, almost unanimously ascribed to the Mossad, has drawn criticism leveled at Tel Aviv from all over the world and it has recently led the United Kingdom to expel an Israeli diplomat from the country.

In the month of January, the humiliation of Turkish ambassador Oguz Celikkol by Israeli Deputy Foreign Minister Danny Ayalon caused a further setback in relations between Ankara and Tel Aviv. Relations had started to deteriorate already before Netanyahu took power during the Israeli attack on Gaza between 2008 and 2009.

The Gaza campaign marked a watershed in relations between Israel and the international community. Besides having had a huge impact on the Arab world and caused a crisis in Turkish-Israeli relations, the military campaign put Israel in the spotlight of the international community and the United Nations due to alleged war crimes committed by the Israeli army.

However, other signs, too, show that the international community may not be willing anymore to put up with Israel’s policy centered on maintaining the status quo.

The recent crisis between Washington and Tel Aviv coincided with the Middle East visit of Brazilian President Luiz Inacio Lula da Silva, leader of one of the world’s emerging powers. He visited the mausoleum of late Palestinian President Yasser Arafat, leaving flowers as a sign of respect, but he refused to leave a laurel wreath at the tomb of Theodor Herzl, the father of Zionism.

Moreover, the Israeli decision to go ahead with its building development plan in East Jerusalem has given rise to great concern among Arab countries, which at the Arab League summit last Saturday in Sirte, Libya, condemned the “Judaization of East Jerusalem” reaffirming that it is “integral part of the Palestinian territories occupied in 1967”.

Turkish Prime Minister Recep Tayyip Erdogan has defined the Israeli decision to continue building in East Jerusalem and its intention to consider the entire city as the eternal and indivisible capital of the State of Israel “a folly”.

While all of these signs may not have an impact on the Israeli-Palestinian question in the short term, they do point in the direction of what everyone already knows: the status quo in Palestine is no longer sustainable and it is bound to lead to dramatic consequences if the negotiation process is not resumed and a fair solution is not found to the Palestinian Question.

To date, there is no real change in the perception of the West, as a whole, and the U.S., in particular, towards the Palestinian Question. It seems though that Israel is progressively developing a feeling that what is changing is actually the world’s perception of the State of Israel.

The recent diplomatic crises with the U.S. and Great Britain, for instance, have led many in Israel to look with suspicion at the two countries, which have always been among Israel’s closest friends. This suspicion is fueled by the fact that in many cases Israelis seems to lack the ability of seeing the link between the reactions of other countries and Israel’s actions. This feeling is heightened by the hypocrisy at time behind these reactions, especially those of Western countries.

For instance, Great Britain’s harsh reaction to the use of fake British passports to assassinate al-Mabhouh (the Hamas leader killed in Dubai), has led some in Israel to accuse London of hypocrisy, because the British secret service has often used the very same methods of the Israelis.

UN focus on alleged war crimes committed by the Israelis in Gaza is considered by many Israelis as an example of “double standards” applied against Israel, because no one cares about the war crimes committed by Western troops in Iraq and Afghanistan.

These two objections are flawless, thus making the criticism levied against Israel fizzle. However, this does not mean that some Israeli practices are not to be condemned, as is the case for those of other Western countries.

The fact that countries like the U.S. and Britain have never forsaken their policies in the Middle East makes it much easier for many in Israel to refuse criticism from these countries for Israel’s actions, and also favors the spreading among Israelis of a “siege mentality” by which any criticism levied against Israel is the fruit of pure and simple hostility against it and not the consequence of any of its policies.

This attitude is further favored by the belief – fallacious yet widespread in Israel – that the State of Israel is the outpost of the West in a hostile Middle East and that it is forced to fight a war it shares with the rest of the West, namely the war against radical Islam, a merciless enemy found in all Islamic countries (and increasingly in the West, too, as a result of immigration) whose actions have nothing to do with what Israel does.

According to this fallacious idea, the hatred of radical Islam for Israel and the West as a whole has nothing to do with Israel’s actions (the occupation of the West Bank, the expansion of its settlements, the Gaza siege, etc.) and with those of the West (the devastating wars in Iraq and Afghanistan, just to mention the latest examples).

This is the view expressed by Netanyahu in his speech delivered to the AIPAC last week. Of course, from this perspective, any criticism levied against Israel by the West sounds like a betrayal.

Then there is the fact that many Israelis perceive any condemnation of Israel’s policies in Gaza, the West Bank and East Jerusalem – put otherwise, any opposition to Israeli occupation – as a condemnation of the State of Israel as such. Based on this rationale, questioning Israeli occupation means questioning Israel and its “right to exist”.

This fuels the “siege mentality” mentioned above, which, instead of favoring a critical review of Israeli policies, increasingly encourages its closing not only towards the Arab world, but also towards the entire world.

If this attitude prevails in Israel, a more critical approach by the international community towards Israeli policies in Palestine may lead Israel to isolate itself more and more, instead of reconsidering its own strategies.

This attitude has already proven to be counterproductive for Netanyahu. As Ari Shavit has written in the Israeli newspaper Haaretz, it is clear that it is in Israel’s interest that any possible response to Iran – be they sanctions, military action or acceptance of a nuclear Iran – should be the result of close Israeli-U.S. cooperation. By challenging the Obama administration, Netanyahu has prejudiced his own objective of effectively opposing (hence, inevitably, in a concerted manner with the U.S.) what he perceives as the “Iranian threat”.

The “siege mentality” also leaves deterrence as the only available approach in dealing with an enemy with whom dialogue is deemed impossible. So Finance Minister Yuval Steinitz has spoken once again of the inevitable need for a new military campaign in Gaza to destroy Hamas’ “hostile” regime once and for all despite the latter’s recent opening on finding a two-state solution.

In the meantime, some in Israel are already imagining new scenarios in which the next enemy could actually be the moderate Salam Fayyad, current PNA prime minister, who is working to build the institutions of a future Palestinian State. According to some Israeli analysts, once he will have finished his task, he may call for independence by relying on a force of 20,000 men (namely PNA security forces currently being trained by the U.S.) who could point their weapons against Israel!

Clearly, by following this approach, there could always be new enemies of Israel. The reason is simple: the occupation of another people without end is not sustainable, and a country cannot base its existence on its own power of deterrence.

The Arab States have stated that they are willing to accept Israel within the framework of the Arab diplomatic initiative calling for “land for peace”, namely the creation of a Palestinian State within the 1967 borders in exchange for Arab recognition of Israel and the establishing of normal diplomatic relations with Tel Aviv.

Sooner or later the world’s perception of the Palestinian Question is inevitably bound to change, and it will lead to the recognition of the rights of the Palestinian people within a State of their own or a bi-national State.

The latter will become inevitable to the extent in which the former becomes unfeasible. Therefore, it is in Israel’s interest to change its policies soon to help bolster the moderates in the Arab world who are calling for dialogue and are willing to accept an Israeli State in Palestine.


Fonte: Medarabnews

La percezione internazionale della questione palestinese sta cambiando?



La disputa tra l’amministrazione Obama ed il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è conclusa per il momento senza vincitori né vinti. Netanyahu non ha accettato le condizioni poste dalla Casa Bianca, ed è ritornato in patria senza aver subito ritorsioni concrete da parte americana. Eppure negli ambienti politici israeliani non ci sono trionfalismi.

Il viaggio di Netanyahu a Washington, iniziato con il discorso tenuto nel clima amichevole della conferenza annuale dell’AIPAC, la potente lobby filo-israeliana negli Stati Uniti, si è concluso con il difficile faccia a faccia con il presidente Obama, che ha sancito definitivamente la spaccatura con la Casa Bianca e l’antipatia tra il presidente americano ed il premier israeliano.

A questo punto, è difficile prevedere cosa potrà avvenire in futuro. Obama fino a questo momento ha dimostrato di non volersi inchinare alla linea politica di Netanyahu – che è destinata a paralizzare qualsiasi tentativo di negoziato sul fronte israelo-palestinese – ma allo stesso tempo di non essere in grado di esercitare una pressione reale sul governo israeliano.

Le cose però potrebbero cambiare. Alcuni commentatori arabi hanno interpretato l’approvazione della riforma sanitaria da parte del Congresso americano come un segnale incoraggiante, che potrebbe rafforzare politicamente Obama in patria e renderlo meno vulnerabile ai “ricatti” della lobby filo-israeliana negli Stati Uniti.

Tuttavia, il vero banco di prova per Obama saranno le elezioni del Congresso che si terranno a novembre. Prima di allora, è difficile che egli possa adottare provvedimenti concreti contro Netanyahu. Quest’ultimo ne è consapevole, e probabilmente spera che le prossime elezioni possano aiutarlo, magari con un’affermazione dei repubblicani. L’impasse sembra dunque destinata a prolungarsi.

Si potrebbe dunque ritenere che la crisi israelo-americana non abbia prodotto alcun risultato concreto. In realtà non è così: essa ha determinato delle conseguenze tangibili, che sono purtroppo di segno negativo. L’intransigenza di Netanyahu e l’impotenza di Obama hanno convinto gli arabi che non ci si può aspettare nulla, in questa fase, dai negoziati. Il Medio Oriente, ancora una volta deve attendere, nella speranza di un futuro migliore.

Ma neanche all’interno di Israele il clima è roseo. Sebbene Netanyahu abbia attirato su di sé molte critiche per la sua condotta nell’attuale crisi diplomatica con gli USA, la sua base di consenso per il momento non sembra vacillare più di tanto. Non sono pochi quelli che accusano la Casa Bianca di aver avuto un atteggiamento troppo duro nei confronti di Israele. Fra i due stretti alleati – e soprattutto fra i loro governi – sembra prevalere attualmente un clima di sfiducia che, invece di spingere gli ambienti politici israeliani all’autocritica, potrebbe portarli su posizioni di ulteriore chiusura ed intransigenza.

La crisi nei rapporti tra Washington e Tel Aviv, tuttavia, è solo l’ultima di una serie di crisi diplomatiche in cui il governo Netanyahu ha spinto Israele.

L’assassinio dell’importante esponente di Hamas Mahmoud al-Mabhouh il 19 gennaio scorso a Dubai, attribuito quasi unanimemente al Mossad, ha attirato su Tel Aviv la condanna internazionale, e recentemente ha spinto il Regno Unito a espellere dal paese un diplomatico israeliano.

Sempre nel mese di gennaio, l’umiliazione dell’ambasciatore turco Oguz Celikkol ad opera del viceministro degli esteri israeliano Danny Ayalon aveva determinato un ulteriore raffreddamento delle relazioni fra Ankara e Tel Aviv. Tali relazioni in realtà avevano cominciato a guastarsi ancor prima che Netanyahu salisse al potere, a seguito dell’aggressione israeliana a Gaza a cavallo tra il 2008 e il 2009.

La guerra di Gaza ha rappresentato in effetti un punto di svolta nei rapporti fra Israele e la comunità internazionale. Oltre ad aver avuto un enorme impatto in tutto il mondo arabo, e ad aver determinato la crisi dei rapporti turco-israeliani, tale conflitto ha posto Israele al centro dell’attenzione internazionale e delle Nazioni Unite a causa dei presunti crimini di guerra compiuti dall’esercito israeliano.

Ma anche altri segnali lasciano ritenere che la politica israeliana basata sul mantenimento dello status quo potrebbe non essere accettata a tempo indeterminato dalla comunità internazionale.

La recente crisi fra Washington e Tel Aviv ha coinciso con la visita in Medio Oriente del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, leader di una delle potenze emergenti a livello mondiale. Egli si è recato al mausoleo del defunto presidente palestinese Yasser Arafat, portando dei fiori in segno di rispetto, ma si è rifiutato di deporre una corona d’alloro presso la tomba di Theodor Herzl, il padre fondatore del sionismo.

Inoltre, la decisione israeliana di continuare a costruire a Gerusalemme Est ha ovviamente suscitato l’allarme dei paesi arabi i quali, al vertice arabo di sabato scorso a Sirte, in Libia, hanno condannato la “giudaizzazione di Gerusalemme Est” ribadendo che quest’ultima è “parte integrante dei territori palestinesi occupati nel 1967”.

Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan ha definito “una follia” la decisione israeliana di continuare a costruire a Gerusalemme Est, e l’intenzione di considerare l’intera città come capitale eterna e indivisibile dello stato di Israele.

L’insieme di questi segnali, sebbene potrebbe non avere una grossa incidenza sulla questione israelo-palestinese nel breve periodo, lascia intuire ciò che in realtà tutti dovrebbero sapere: lo status quo in Palestina non è sostenibile, ed è destinato ad avere conseguenze drammatiche, se non verrà sbloccato un processo negoziale in grado di portare in tempi ragionevolmente certi ad una giusta soluzione del problema palestinese.

Allo stato attuale non si può ancora parlare di un reale cambiamento nella percezione che l’Occidente in generale, e gli Stati Uniti in particolare, hanno della questione palestinese. Sembra però che in Israele stia progressivamente prendendo piede la sensazione che ad essersi modificata sia più che altro la percezione che il mondo ha dello stato israeliano.

Le recenti crisi diplomatiche con gli Stati Uniti e con la Gran Bretagna, ad esempio, hanno spinto molti in Israele a guardare con sospetto a questi due paesi, da sempre ritenuti come due fra gli amici più stretti degli israeliani. Al fondo di questo sospetto sembra che in molti casi vi sia l’incapacità israeliana di individuare il nesso tra le reazioni di altri paesi e le azioni di Israele, facilitata peraltro dall’ipocrisia che a volte è alla base di queste reazioni, in particolare quando esse provengono dai paesi occidentali.

Ad esempio, la dura reazione della Gran Bretagna di fronte al fatto che erano stati utilizzati falsi passaporti britannici per portare a termine l’assassinio di al-Mabhouh (il dirigente di Hamas assassinato a Dubai), ha spinto alcuni in Israele ad accusare Londra di ipocrisia, poiché i servizi segreti britannici hanno usato in molti casi gli stessi metodi adottati dagli israeliani.

L’attenzione dell’ONU sui presunti crimini di guerra commessi dagli israeliani a Gaza è stata giudicata da molti israeliani un esempio di “doppio standard” applicato nei confronti di Israele, poiché nessuno si è preoccupato dei crimini di guerra commessi dalle truppe occidentali in Iraq ed in Afghanistan.

In entrambi i casi si tratta di obiezioni ineccepibili, di fronte alle quali le critiche rivolte ad Israele sembrano perdere vigore. Ma ciò non toglie che alcune pratiche israeliane siano assolutamente da condannare, così come lo sono quelle di altri paesi occidentali.

Il fatto che paesi come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna non abbiano compiuto un’autocritica in merito alle politiche da essi adottate in Medio Oriente facilita il compito di chi in Israele non vuole accettare le critiche rivolte da questi paesi alle azioni compiute dallo stato israeliano, ed inoltre favorisce il radicarsi tra gli israeliani di una “mentalità da assedio” che vede ogni critica rivolta ad Israele come il frutto di pura e semplice ostilità nei suoi confronti, e non come la conseguenza di alcune sue politiche.

A facilitare ulteriormente questo atteggiamento vi è la convinzione – erronea, ma molto diffusa in Israele – che lo stato israeliano sia un avamposto occidentale in un Medio Oriente ostile, costretto a combattere una guerra che lo accomuna al resto dell’Occidente: la guerra contro l’Islam radicale, un nemico implacabile presente massicciamente in tutti i paesi islamici (e sempre più anche in Occidente, attraverso l’immigrazione) le cui azioni sarebbero totalmente indipendenti da ciò che fa Israele.

Secondo questa convinzione erronea, l’odio che l’Islam radicale nutre nei confronti di Israele e di tutto l’Occidente sarebbe totalmente slegato dalle azioni di Israele (l’occupazione in Cisgiordania, l’espansione degli insediamenti, l’assedio di Gaza, ecc.), così come da quelle dell’Occidente (le devastanti guerre in Iraq e in Afghanistan, solo per citare gli esempi più recenti).

E’ questa la visione espressa da Netanyahu nel suo discorso tenuto all’AIPAC la scorsa settimana. Una visione di questo genere non può che percepire ogni critica rivolta ad Israele da parte dell’Occidente come un tradimento nei suoi confronti.

A ciò si aggiunga il fatto che molti israeliani percepiscono ogni condanna rivolta contro le politiche di Israele a Gaza, in Cisgiordania ed a Gerusalemme Est – in altre parole, ogni disapprovazione dell’occupazione israeliana – come una condanna contro lo stato israeliano in quanto tale. In base a questa logica, mettere in discussione l’occupazione israeliana equivale a mettere in discussione Israele e il suo “diritto ad esistere”.

Ne deriva la “mentalità da assedio” a cui abbiamo accennato sopra, la quale, invece di incoraggiare una revisione critica delle politiche adottate dallo stato israeliano, favorisce un atteggiamento di chiusura sempre più accentuato, non solo nei confronti del mondo islamico, ma del mondo intero.

Se questa mentalità avrà la meglio in Israele, un atteggiamento maggiormente critico della comunità internazionale nei confronti delle politiche israeliane in Palestina potrebbe portare Israele a isolarsi sempre di più, invece che a riconsiderare le proprie strategie.

Questa mentalità si è già rivelata controproducente per lo stesso Netanyahu. Come ha scritto Ari Shavit sul quotidiano israeliano Haaretz, è evidente che nell’interesse israeliano qualunque possibile risposta all’Iran – che siano le sanzioni, un’azione militare, o l’accettazione di un Iran nucleare – dovrebbe essere il risultato di una stretta cooperazione israelo-americana. Ponendosi in contrapposizione con l’amministrazione Obama, Netanyahu ha compromesso il suo stesso obiettivo di contrastare efficacemente (e dunque, inevitabilmente, in maniera concordata con gli americani) quella che egli percepisce come la “minaccia iraniana”.

La “mentalità da assedio”, inoltre, fa sì che, di fronte a un nemico con il quale dialogare è ritenuto impossibile, l’unico approccio praticabile sia considerato quello della “deterrenza”. Ed ecco allora il ministro delle finanze Yuval Steinitz parlare ancora una volta dell’inevitabilità di una nuova guerra a Gaza, per distruggere definitivamente il regime “ostile” di Hamas, nonostante alcune aperture recentemente compiute da quest’ultimo a favore della soluzione dei due stati.

Nel frattempo, alcuni in Israele già formulano nuovi scenari in cui il prossimo nemico potrebbe essere nientemeno che il moderato Salam Fayyad, l’attuale primo ministro dell’ANP il quale sta lavorando alla costruzione delle istituzioni di un futuro stato palestinese. Quando egli avrà portato a termine il suo compito – ipotizzano alcuni analisti israeliani – potrà chiedere l’indipendenza contando su una forza di 20.000 uomini (gli uomini delle forze di sicurezza dell’ANP attualmente addestrati dagli americani) che potrebbero rivolgere le proprie armi contro Israele!

E’ evidente che, se si utilizza questo approccio, i nemici di Israele potrebbero non finire mai. Il motivo è semplice: l’occupazione, e la sottomissione di un altro popolo a tempo indeterminato, non sono sostenibili; ed uno stato non può basare la propria esistenza esclusivamente sul proprio potere di deterrenza.

Gli stati arabi hanno affermato di essere disposti ad accettare Israele , in base all’iniziativa diplomatica araba che chiede “terra in cambio di pace”, ovvero la creazione di uno stato palestinese entro i confini del 1967 in cambio del riconoscimento arabo di Israele e dell’instaurazione di normali rapporti diplomatici con Tel Aviv.

Prima o poi la percezione del mondo nei confronti della questione palestinese è inevitabilmente destinata a cambiare, e porterà al riconoscimento dei diritti del popolo palestinese all’interno di un proprio stato o all’interno di uno stato bi-nazionale.

La seconda opzione diventerà inevitabile nella misura in cui la prima sarà ormai diventata impraticabile. Per questo, è nell’interesse di Israele cambiare al più presto le proprie politiche, in modo da rafforzare i moderati nel mondo arabo che vogliono il dialogo e sono disposti ad accettare uno stato israeliano in Palestina.

One Response to “La percezione internazionale della questione palestinese sta cambiando?”


Mosca, vi è una strategia della tensione?


All'indomani degli attentati nella metropolitana di Mosca che hanno causato la morte di 39 persone, Garry Kasparov, l'ex campione mondiale di scacchi, oggi leader dell'opposizione più radicale al regime putiniano, ha puntato il dito contro i servizi segreti russi avanzando dubbi sulla matrice caucasica e dicendosi preoccupato che questa tragedia venga sfruttata dal premier Vladimir Putin per "azioni energiche" contro il crescente malcontento, il moltiplicarsi delle proteste e la stessa opposizione. "Il prossimo passo che possiamo attenderci - ha dichiarato Kasparov - potrebbe essere l'accusa all'opposizione di tenere rapporti con la clandestinità armata cecena".

Come nel 1999? Molti in Russia non hanno dimenticato la vicenda del coinvolgimento dei servizi segreti russi (Fsb) negli attentati ai condomini di Mosca, Volgodonsk e Buinaksk che nel settembre del 1999 uccisero oltre 300 persone.
I vertici dell'Fsb incolparono subito i separatisti ceceni, scatenando un'ondata di nazionalismo che spianò la strada del Cremlino all'ex capo dell'Fsb, Vladimir Putin (in carica fino al mese prima) e garantì un ampio sostegno popolare alla seconda guerra in Cecenia.

Terroristi dell'Fsb. Una settimana dopo le stragi, nella città di Ryazan due terroristi vennero arrestati dalla polizia dopo aver piazzato in un altro condominio detonatori ed esplosivo dello stesso tipo di quello usato negli altri attentati. I due uomini, dopo aver mostrato il tesserino dell'Fsb, vennero immediatamente rilasciati su ordine di Mosca. Nikolai Patrushev, direttore dei servizi segreti, si giustificò dicendo che si trattava di un'esercitazione per testare le capacità di reazione della polizia e l'inchiesta venne secretata.
Nei mesi successivi, emerse che la sostanza esplosiva usata negli attentati, l'hexogen, proveniva da un deposito governativo e che le cantine di tutti i palazzi nei quali le bombe erano piazzate erano stati affittate poco prima degli attacchi da Vladimir Romanovich, ex agente dell'Fsb.

Litvinenko & Co. Il ruolo dei servizi segreti russi negli attentati fu pubblicamente sostenuto dal vicepresidente della Commissione d'inchiesta governativa sugli attentati, Sergei Yushenkov (che verrà assassinato da ignoti nel 2003), suffragato dalle rivelazioni pubblicate in un libro dall'ex agente segreto Alexander Litvinenko (che sarà mortalmente avvelenato nel 2006) e dimostrato dalle inchieste indipendenti svolte dai giornalisti della Novaya Gazeta (il giornale della Politkovskaya).
Successive rivelazioni a sostegno della 'pista interna' provocarono altri misteriosi decessi, minacce di morte e arresti per 'violazione di segreti di Stato'. La possente macchina di propaganda mediatica e politica del Cremlino fece il resto.

Putin in difficoltà. Nel settembre del 1999 Putin aveva bisogno di creare le premesse per il suo avvento al potere.
Nel febbraio del 2004 quando altri attentati attribuiti ai ceceni colpirono la metropolitana di Mosca uccidendo 41 persone, Putin era in piena campagna elettorale per ottenere il secondo mandato presidenziale.
Oggi l'ex dirigente dell'Fsb fronteggia una crescente opposizione popolare al suo governo, dovuta alle sempre più gravi difficoltà economiche di gran parte della popolazione. Nelle scorse settimane in Russia ci sono state le più grandi manifestazioni antigovernative degli ultimi anni, con centinaia di migliaia di persone scese in piazza per chiedere le dimissioni del premier. Sabato scorso, due giorni prima degli attentati di Mosca, le opposizioni avevano proclamato una 'giornata della rabbia' organizzando manifestazioni in cinquanta diverse città e preannunciando una primavera di crescente mobilitazione. Ma ora, dopo le bombe e il terrore, le cose sono cambiate.


di Enrico Piovesana

Fonte: PeaceReporter

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori