martedì 30 marzo 2010

CRIMINI DI GUERRE Quali danni a chi sopravvive?



Dimostrare-condannare-sanzionare
e ripagare/rimediare,

chi lo farà?


MILANO, 30 marzo, Camera del Lavoro ore 20,30


Relatori:


Enzo Barone


Ugo Giannangeli


Paola Manduca


Proponiamo di esporre i fatti che minacciano la salute della popolazione e le iniziative della legislatura internazionale a proposito di Gaza.

Parleranno uno scienziato di Newweapons, gruppo che ha svolto e sta svolgendo ricerche sui danni di guerra alla popolazione a Gaza e due esperti di legge.

Illustreremo la difficoltà di avere documentazione di fatto dei danni di guerra, le implicazioni per il futuro benessere delle persone dei paesi aggrediti e occupati che derivano da questa difficoltà e come si può iniziare con strumenti scientifici ad ottenere una definizione del danno e a prefigurare cautele e rimedi.

I giuristi illustreranno come la continua violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni ONU ha garantito a Israele una assoluta impunità. L'indifferenza internazionale è complicità.

Illustreremo il percorso della commissione Goldstone, l'importanza ed i limiti istituzionali della stessa e il quadro delle leggi internazionali e di quelle che governato (?) le guerre, vis a vis con l’aggressione a Gaza.

Parleremo delle iniziative in corso per denunciare i responsabili dei crimini dell’aggressione su Gaza e del ruolo dei Tribunali di iniziativa popolare.

Aderiscono:


Associazione antirazzista e interetnica “3 Febbraio” * Associazione dei Palestinesi in Italia *Associazione Senza Paura Restiamo Umani * Associazione Usciamo dal Silenzio Genova * Cobas* Collettivo telefono viola T28 Okkupato * Comitato varesino per la Palestina * Comunità Palestinese Milano * Donne in Nero * Gruppo Mente e Guerra.Imperia * International Solidarity Movement.Italia * Istituto di Ricerca per la Pace.Italia.Rete Corpi Civili di Pace * Berretti Bianchi Onlus * Lega Obiettori di Coscienza * Libera Università delle Donne * Lista Massimo Gatti.per un'Altra Provincia * Medicina Democratica nazionale * Mouvement Chrétien Pour la Paix.Bruxelles* Peace Reporter * PeaceLink * Rete ECO.ebrei contro l’occupazione * Stop Agrexco Italia.Coalizione italiana contro l'Agrexco * Stopagrexcoroma * Sumud.Volontariato e resistenza *trimestrale Marea * Un ponte per... * Zaatar * Women International League for Peace and Freedom


Entro una settimana dall'inizio della guerra tra Israele e Libano il 12 luglio 2006 i medici in Libano e nella Striscia di Gaza denunciano armi mai viste prima dal personale medico che in entrambi i casi avevano una lunga esperienza di medicina d'emergenza in una situazione di guerra. La domanda che ci è stata diretta è: "non abbiamo mai visto prima ferite e cadaveri come quelli che arrivano in reparto. Quali sono le nuove armi che provocano tali ferite e morti orribili? Aiutateci a scoprire che cosa possiamo fare per la popolazione". La grande maggioranza delle vittime erano donne, bambini ed anziani, colpiti sia per diretta conseguenza degli attentati su case, mercati, strade e vie di comunicazione, sia per l'uso della forza largamente eccessiva.

http://www.newweapons.org/


Tecnologie di morte

Munizioni cluster, Fosforo, Termobariche, Uranio


Fonti utilizzate

  • Comitato per lo Studio delle Nuove Armi,

  • Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP)

  • Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)

  • Militari

  • Organizzazioni per i diritti umani

  • Organizzazioni Pacifiste

  • Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Relazione Goldstone


Problematiche:

Uso delle armi sulla popolazione civile, Leggi internazionali di guerra, Diritti delle vittime,

Occupazioni e blocchi.


Delle vittime civili non dimentichiamo che:


Yugoslavia 1999. A fine dell'aggressione dei bombardieri della N.A.T.O. si contarono 1.500 civili jugoslavi uccisi.


Afghanistan 2009 . Secondo le cifre offerte dalla Missione ONU di assistenza all’Afghanistan (Unama), i civili morti nel 2009 sono stati oltre 2.412, un 14% in più rispetto all’anno precedente.

http://pietrocostanzo.wordpress.com/2010/01/13/afghanistan-2009-anno-nero-morti-oltre-2-400-civili/


Iraq. Oltre un milione le vittime civili della guerra.

http://www.osservatorioiraq.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4978

La guerra non è finita: c’è un conflitto che continua, facendo centinaia di vittime civili ogni mese.http://www.osservatorioiraq.it/modules.php?name=News&file=article&sid=8109


Gaza . Piombo fuso, 1417 morti, di cui 2/3 di vittime civili, un terzo dei quali bambini.


In generale, la proporzione di vittime civili ha raggiunto livelli senza precedenti: dal 70% della seconda guerra mondiale agli oltre 90% degli anni Novanta. http://www.presentepassato.it/Dossier/Guerrapace/Documenti2/doc2_3.htm


Decessi in relazione agli eventi bellici


Anni

Morti per guerre

Su 1.000 persone

1500 – 1599

1600000

3,2

1600 – 1699

6100000

11,2

1700 – 1799

7000000

9,7

1800 – 1899

19000000

16,2

1900 – 1995

109700000

44,4


Fonte: William Eckhardt, War-related Deaths Since 3000 BC, Bulletin of peace proposals, December 1991 Ruth Leger Sivard, World Military and Social Expenditures 1996, Washington. World Priorities, 1996

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori