lunedì 22 marzo 2010

Pax cecena, tutta apparenza


Con l'uccisione di sei miliziani qaedisti si riapre in Russia una ferita che non ha mai smesso di sanguinare.

In seguito all'operazione militare dei giorni scorsi nel distretto di Vedeno, area montagnosa della repubblica cecena, hanno perso la vita anche tre poliziotti. Il leader del gruppo jihadista ucciso, Abu Haled, è stato indicato dal presidente ceceno Ramzan Kadyrov come il responsabile degli attacchi terroristici che hanno sconvolto la regione caucasica negli ultimi anni. Esattamente undici mesi fa la Commissione nazionale antiterrorismo russa aveva ufficialmente decretato per la Cecenia la fine dello status di regione sottoposta ad un regime di operazioni anti-terrorismo. Uno status durato dieci anni. Nell'occasione, Kadyrov aveva salutato la decisione dichiarando che "le finalità delle operazioni di contrasto al terrore sono state pienamente raggiunte. E' una grande gioia, per i russi e per i ceceni".

La verità è che la Cecenia è solo apparentemente pacificata. Dopo aver soffocato nel sangue le spinte nazionaliste e indipendentiste, sia in Cecenia che altrove nel Caucaso settentrionale, l'uomo forte di Mosca non è riuscito a rendere stabile la regione. Nella grave crisi economica e sociale che stringe il Paese, l'Islam fondamentalista continua a trovare alleati in chi protesta contro l'autoritarismo. Sono ancora frequenti gli attacchi contro le forze di occupazione (oltre 20 mila militari russi, metà del contingente, dovrebbero lasciare il Paese entro settembre di quest'anno), così come gli episodi di corruzione, la mafia e gli abusi degli amministratori locali, i rapimenti, le faide interne, i regolamenti di conti tra fazioni pro e anti Kadyrov, che spesso sfociano in esecuzioni anche all'estero, come accadde per gli omicidi di due dissenzienti ceceni a Dubai e in Austria nel 2009. Eppure, Kadyrov continua a parlare di "prosperità", "stabilità" e "felicità del popolo ceceno".

Grozny è stata ricostruita, ma la sbandierata stabilità è un mito creato ad arte, in Cecenia come in Russia, dai media. La ribellione non è terminata, ma continua sotto la superficie, si riversa nelle confinanti repubbliche del Daghestan, dell'Inguscezia, del Tatarstan, fino a spingersi nelle province russe. Tale 'stabilità' è la stabilità della tirannia. Oggi nessuno osa opporsi agli abusi delle autorità, perché ogni tentativo di ottenere giustizia è frustrato dalle conseguenze in cui potrebbe incorrere, sia lui che i suoi familiari: rapimenti, persecuzioni e torture sono ancora l'unica lingua conosciuta da poliziotti e paramilitari.

di Luca Galassi

Fonte: PeaceReporter

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori