domenica 7 febbraio 2010

"Ha ragione Stiglitz"


"Ha ragione Stiglitz". Pausa, silenzio. Andrea Di Stefano è il direttore di Valori, il mensile della Banca Etica. Al telefono è laconico, perché il concetto base è semplice. "Siamo di fronte a una grande operazione di tipo speculativo. Un pesante attacco di una parte del sistema finanziario che fa manovre per guadagnare sui soggetti più deboli".
Il tuffo delle Borse, il dito puntato contro i conti pubblici spagnoli, portoghesi e greci. Ma ha ragione l' economista statunitense e premio Nobel 2001 Stiglitz che afferma in una intervista a La Stampa: " I governi varano misure di austerità per ridurre l'indebitamento. I mercati decidono che non sono sufficienti e speculano al ribasso sui loro titoli. Così i governi sono costretti a misure di austerità aggiuntive. La gente comune perde ancora di più, la grande finanza guadagna ancora di più. La morale della favola è: colpevoli premiati, innocenti puniti".
E tutte le parole che si leggono sulle debolezze del governo di Madrid? Grecia, Portogallo?
"I conti pubblici della Eurozona sono peggiorati, certo - prosegue Di Stefano - possiamo anche dire che in un Paese come la Spagna esiste una dipendenza esagerata a certe variabili economiche, come l'indebitamento legato alla bolla immobiliare che ha giocato su un valore pari al 30 per cento del Pil (Prodotto interno lordo) spagnolo. Ma non sono quelle le cause principali, ci sono dati peggiori a livello internazionale negli stessi Usa o in Giappone".

I principali giornali spagnoli, e quelli internazionali, oggi usano un rosario di parole che vanno da 'allarme' fino a 'panico' e puntano il dito contro disoccupazione, deficit pubblico, mancanza di piani di previsione da parte del governo Zapatero.
"Eppure le politiche portate avanti fino a qui dal primo ministro spagnolo non possono essere attaccate con grande facilità, grossi errori non ce ne sono stati", aggiunge il direttore di Valori che cita anche la buona tenuta del sistema bancario spagnolo rispetto alla crisi del credito legata allo scoppio della bolla internazionale.
Un'interpretazione che getta una luce diversa sui commenti pubblicati oggi dai principali quotidiani spagnoli. La stampa di destra attacca Zapatero. El Pais, filo socialista, anche. Nell'editoriale, dopo una analisi delle cifre e l'interpretazione della voragine di borsa di Madrid direttamente collegata con la situazione greca, scrive letteralmente: "L'emergenza si potrà abbandonare quando il governo presenterà un piano affidabile di ristrutturazione della spesa pubblica (inclusa la riforma pensionistica), quando esisteranno prospettive di riduzione della disoccupazione (il che esige un patto sul lavoro) e quando i responsabili politici dimostreranno che hanno davvero capacità di gestione". La chiusa è ancora più dura: "Oggi - scrive El Pais - risulta difficile credere che il presidente del governo o il capo dell'opposizione abbiano la credibilità sufficiente per convincere i mercati che possono fare tutto ciò".

Tornando all'interpretazione di Stiglitz e di Di Stefano rimane un interrogativo che muove da lontano. La grande crisi che si sta consumando si abbatte a livello finanziario, economico e occupazionale sui cittadini. Sono loro che pagano i nuovi interventi di Stato per arginare le nuove speculazioni finanzirie. L'interrogativo riguarda il perché della mancanza di quelle regole e assetti che, a crisi iniziata, i grandi capi di stato e di governo annunciavano a suon di fanfara. Non se n'è più trovata traccia, è rimasta solo l'enunciazione, mai un vero rimedio.
"L'assenza di controllo - si congeda Andrea Di Stefano - aumenta ovviamente le possibilità di speculazioni. Così come una regolamentazione e un sistema di nuova trasparenza avrebbe contenuto gli effetti di chi ha dato il via a questa manovra".
Fra i rimedi che Stiglitz ha proposto per uscire da rischi come quelli che si stanno avverando in queste ore ve n'è uno che suscita sempre brividi alla classe politica, che non governa la finanza, ma che dalla finanza è governato. Dice il premio Nobel: "Bisogna imporre tasse molto alte sui guadagni di capitale. Oggi è più vantaggioso speculare che lavorare per vivere. Deve tornare ad essere il contrario".

di Angelo Miotto

Fonte: PeaceReporter

I 300 agricoltori greci sono pronti a tutto


Sono pronti a tutto come i 300 Spartiati guidati da re Leonida che fermarono i persiani alle Termopili. Ma non sono guerrieri, sono gli agricoltori greci che coi loro trattori stanno mettendo in ginocchio il Paese. Per far fronte alla grave crisi economica chiedono 350 milioni di euro di risarcimenti
Hanno bloccato il passo delle Termopili, come i 300 Spartiati guidati da re Leonida per fermare gli invasori Persiani nel 480 a.C. Hanno tagliato la Grecia in due, impedendo la circolazione di automobili private e camion sull’autostrada che da Lamia va ad Anfissa, nel cuore nevralgico del Paese. Ma sono molto più di 300 guerrieri pronti a tutto, gli agricoltori ellenici inferociti. Di giorno in giorno aumenta il numero delle superstrade, degli aeroporti e dei posti di confine presidiati dalla loro rivolta cominciata il 15 gennaio e ancora in pieno corso. La loro arma? I trattori che, schierati in formazione di battaglia in lunghissime file, hanno finora bloccato 23 nodi stradali strategici da Creta all’Epiro. Ci sono tutti. Dai produttori del profumato olio della Calcidica ai coltivatori del cotone tessalo. Dai lavoratori del tabacco della Tracia ai proprietari delle serre cretesi che assicurano in febbraio a mezza Europa primizie come pomodori e cetrioli.

Sono scesi sul piede di guerra come già avevano fatto l’anno scorso, quando avevano assediato la capitale Atene. Ma ora la crisi morde feroce e ha dimezzato i prezzi all’ingrosso mentre, a causa della catena di distribuzione, i prezzi al dettaglio nei supermercati sono rimasti invariati. E i guadagni degli agricoltori sono precipitati.

Così gli uomini della terra e delle fattorie sono tornati a far ruggire i loro trattori sulle strade, a costo di rischiare incidenti diplomatici con i Paesi confinanti e sanzioni, “per impedimento alla libera circolazione dei beni e delle persone” (come ha detto recentemente il presidente della Commissione Ue Manuel Barroso), nei confronti di un Paese che già è “tenuto sotto stretto controllo” da parte dell’Unione europea per le sue finanze statali da brivido.

“Non ci sono soldi per nessuno” continua a ripetere ai contadini il ministro dello Sviluppo Agricolo Katerina Bazeli che deve gestire, insieme al resto del governo guidato dal socialista Georghios Papandreu, uno scenario che ha fatto addirittura ipotizzare agli analisti l’uscita della Grecia dall’euroclub: 12,7% il deficit sul Pil mentre il debito del Paese sul Pil marcia dal 99% del 2008 al 135% del 2011, con i titoli di Stato decennali greci a tassi d’interesse che schizzano, per il loro alto rischio, a più di 4 punti sui tassi dei titoli decennali tedeschi.

Ma a Ghiannis Voghiatzis, portavoce degli agricoltori macedoni che giovedì 4 febbraio hanno bloccato l’accesso all’aeroporto di Salonicco dalle strade circostanti, della crisi economica “scatenata dalle banche e dal capitalismo selvaggio” importa poco. Lui innalza sul proprio trattore lo striscione “Basta prese in giro” e snocciola nei suoi comizi le richieste di tutti i colleghi.

Primo: via le tasse dai terreni coltivabili. Secondo: abbassare l’età pensionistica a 60 anni per gli uomini e a 55 per le donne e raddoppiare l’entità degli esigui assegni di anzianità e di
vecchiaia. Terzo: assicurazione totale del raccolto perduto a causa di calamità naturali (vedi gli incendi che hanno sconvolto la Grecia negli ultimi due anni). Quarto: tutelare la produzione nazionale contro le imitazioni straniere. Quinto: abolire le tasse sull’acquisto di nuove macchine e sull’acquisto di carburante, per diminuire i costi di produzione. “Il governo non ha ancora capito la
disperazione di chi lavora la terra. Ci hanno detto che non hanno soldi, eppure il ministro ha ammesso che abbiamo avuto una perdita secca del 40 per cento del nostro reddito”. La loro richiesta? Un risarcimento di 300-350 milioni di euro.

A partecipare alla rivolta dei trattori sono sia i sindacati “azzurri” (conservatori, legati al partito Nuova democrazia che ha perso le ultime elezioni lo scorso ottobre) sia i sindacati di sinistra. “Se abbandonerete i blocchi stradali, perderete tutto” si è schierata dalla loro parte Aleka Papariga, leader del Partito comunista KKE, terza forza politica del Paese con circa il 10 per cento dei voti.

Il governo si trova in un vicolo cieco. Da una parte rischia il commissariamento da parte dell’Unione europea, la quale teme che il crollo dei titoli greci contagi anche quelli di altri Paesi deboli dell’euroclub (Irlanda, Portogallo, Spagna) colpendo la moneta unica. Dall’altra i trattori stanno bloccando la già difficile ripresa dell’economia. Al posto di frontiera fra Grecia e Bulgaria di Promachonas, si è fatto vedere persino il primo ministro bulgaro Boyko Borisov minacciando di ricorrere al Tribunale europeo contro la Grecia a causa della chiusura dei confini, chiusura che impedisce anche ai camionisti di Sofia di portare le loro merci verso il resto del vecchio Continente.

Come andrà a finire, con gli agricoltori che da un lato chiedono 350 milioni di euro, e dall’altra il governo Papandreu costretto ad annunciare a tutti i greci misure da “lacrime e sangue” per rendere credibile il proprio piano di risanamento che vede una riduzione al 3 % del deficit di qui al 2013?

Il governo prevede misure draconiane tra le quali l’innalzamento dell’età pensionistica fino a 67 anni, il congelamento degli stipendi dei dipendenti pubblici (se non il loro taglio del 20%), l’aumento della benzina. Proprio il contrario di quello che chiedono gli agricoltori, abituati, anche questo è vero, da decenni al “foraggio” fornito regolarmente dai fondi di mamma Bruxelles. Ora però l'Unione europea sta chiudendo i rubinetti: gli aiuti comunitari agli agricoltori ellenici saranno fortemente ridimensionati, un po’ a causa della crisi globale, un po’ a causa dell’ampliamento a 27 paesi membri, alcuni dei quali, come i paesi dei Balcani, sono spesso più bisognosi di sostegno della Grecia in questo campo.

di Gilda Lyghounis

Fonte: osservatorio balcani

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori