domenica 31 gennaio 2010

Keeping Iran honest




Iran's secret nuclear plant will spark a new round of IAEA inspections and lead to a period of even greater transparency

It was very much a moment of high drama. Barack Obama, fresh from his history-making stint hosting the UN security council, took a break from his duties at the G20 economic summit in Pittsburgh to announce the existence of a secret, undeclared nuclear facility in Iran which was inconsistent with a peaceful nuclear programme, underscoring the president's conclusion that "Iran is breaking rules that all nations must follow".
Obama, backed by Gordon Brown and Nicolas Sarkozy, threatened tough sanctions against Iran if it did not fully comply with its obligations concerning the international monitoring of its nuclear programme, which at the present time is being defined by the US, Britain and France as requiring an immediate suspension of all nuclear-enrichment activity.

The facility in question, said to be located on a secret Iranian military installation outside of the holy city of Qom and capable of housing up to 3,000 centrifuges used to enrich uranium, had been monitored by the intelligence services of the US and other nations for some time. But it wasn't until Monday that the IAEA found out about its existence, based not on any intelligence "scoop" provided by the US, but rather Iran's own voluntary declaration. Iran's actions forced the hand of the US, leading to Obama's hurried press conference Friday morning.
Beware politically motivated hype. While on the surface, Obama's dramatic intervention seemed sound, the devil is always in the details. The "rules" Iran is accused of breaking are not vague, but rather spelled out in clear terms. In accordance with Article 42 of Iran's Safeguards Agreement, and Code 3.1 of the General Part of the Subsidiary Arrangements (also known as the "additional protocol") to that agreement, Iran is obliged to inform the IAEA of any decision to construct a facility which would house operational centrifuges, and to provide preliminary design information about that facility, even if nuclear material had not been introduced. This would initiate a process of complementary access and design verification inspections by the IAEA.
This agreement was signed by Iran in December 2004. However, since the "additional protocol" has not been ratified by the Iranian parliament, and as such is not legally binding, Iran had viewed its implementation as being voluntary, and as such agreed to comply with these new measures as a confidence building measure more so than a mandated obligation.

In March 2007, Iran suspended the implementation of the modified text of Code 3.1 of the Subsidiary Arrangements General Part concerning the early provisions of design information. As such, Iran was reverting back to its legally-binding requirements of the original safeguards agreement, which did not require early declaration of nuclear-capable facilities prior to the introduction of nuclear material.
While this action is understandably vexing for the IAEA and those member states who are desirous of full transparency on the part of Iran, one cannot speak in absolute terms about Iran violating its obligations under the nuclear non-proliferation treaty. So when Obama announced that "Iran is breaking rules that all nations must follow", he is technically and legally wrong.

There are many ways to interpret Iran's decision of March 2007, especially in light of today's revelations. It should be underscored that what the Qom facility Obama is referring to is not a nuclear weapons plant, but simply a nuclear enrichment plant similar to that found at the declared (and inspected) facility in Natanz.
The Qom plant, if current descriptions are accurate, cannot manufacture the basic feed-stock (uranium hexaflouride, or UF6) used in the centrifuge-based enrichment process. It is simply another plant in which the UF6 can be enriched.
Why is this distinction important? Because the IAEA has underscored, again and again, that it has a full accounting of Iran's nuclear material stockpile. There has been no diversion of nuclear material to the Qom plant (since it is under construction). The existence of the alleged enrichment plant at Qom in no way changes the nuclear material balance inside Iran today.
Simply put, Iran is no closer to producing a hypothetical nuclear weapon today than it was prior to Obama's announcement concerning the Qom facility.

One could make the argument that the existence of this new plant provides Iran with a "breakout" capability to produce highly-enriched uranium that could be used in the manufacture of a nuclear bomb at some later date. The size of the Qom facility, alleged to be capable of housing 3,000 centrifuges, is not ideal for large-scale enrichment activity needed to produce the significant quantities of low-enriched uranium Iran would need to power its planned nuclear power reactors. As such, one could claim that its only real purpose is to rapidly cycle low-enriched uranium stocks into highly-enriched uranium usable in a nuclear weapon. The fact that the Qom facility is said to be located on an Iranian military installation only reinforces this type of thinking.

But this interpretation would still require the diversion of significant nuclear material away from the oversight of IAEA inspectors, something that would be almost immediately evident. Any meaningful diversion of nuclear material would be an immediate cause for alarm, and would trigger robust international reaction, most probably inclusive of military action against the totality of Iran's known nuclear infrastructure.
Likewise, the 3,000 centrifuges at the Qom facility, even when starting with 5% enriched uranium stocks, would have to operate for months before being able to produce enough highly enriched uranium for a single nuclear device. Frankly speaking, this does not constitute a viable "breakout" capability.

Iran has, in its declaration of the Qom enrichment facility to the IAEA on 21 September, described it as a "pilot plant". Given that Iran already has a "pilot enrichment plant" in operation at its declared facility in Natanz, this obvious duplication of effort points to either a parallel military-run nuclear enrichment programme intended for more nefarious purposes, or more likely, an attempt on the part of Iran to provide for strategic depth and survivability of its nuclear programme in the face of repeated threats on the part of the US and Israel to bomb its nuclear infrastructure.
Never forget that sports odds makers were laying 2:1 odds that either Israel or the US would bomb Iran's nuclear facilities by March 2007. Since leaving office, former vice-president Dick Cheney has acknowledged that he was pushing heavily for a military attack against Iran during the time of the Bush administration. And the level of rhetoric coming from Israel concerning its plans to launch a pre-emptive military strike against Iran have been alarming.

While Obama may have sent conciliatory signals to Iran concerning the possibility of rapprochement in the aftermath of his election in November 2008, this was not the environment faced by Iran when it made the decision to withdraw from its commitment to declare any new nuclear facility under construction. The need to create a mechanism of economic survival in the face of the real threat of either US or Israeli military action is probably the most likely explanation behind the Qom facility. Iran's declaration of this facility to the IAEA, which predates Obama's announcement by several days, is probably a recognition on the part of Iran that this duplication of effort is no longer representative of sound policy on its part.
In any event, the facility is now out of the shadows, and will soon be subjected to a vast range of IAEA inspections, making any speculation about Iran's nuclear intentions moot. Moreover, Iran, in declaring this facility, has to know that because it has allegedly placed operational centrifuges in the Qom plant (even if no nuclear material has been introduced), there will be a need to provide the IAEA with full access to Iran's centrifuge manufacturing capability, so that a material balance can be acquired for these items as well.

Rather than representing the tip of the iceberg in terms of uncovering a covert nuclear weapons capability, the emergence of the existence of the Qom enrichment facility could very well mark the initiation of a period of even greater transparency on the part of Iran, leading to its full adoption and implementation of the IAEA additional protocol. This, more than anything, should be the desired outcome of the "Qom declaration".
Calls for "crippling" sanctions on Iran by Obama and Brown are certainly not the most productive policy options available to these two world leaders. Both have indicated a desire to strengthen the nuclear non-proliferation treaty. Iran's action, in declaring the existence of the Qom facility, has created a window of opportunity for doing just that, and should be fully exploited within the framework of IAEA negotiations and inspections, and not more bluster and threats form the leaders of the western world.

by Scott Ritter - The Guardian

Link: http://www.guardian.co.uk/commentisfree/cifamerica/2009/sep/25/iran-secret-nuclear-plant-inspections

Iran, uno Stato leale?


La centrale nucleare segreta dell'Iran innescherà un nuovo ciclo di ispezioni dell'AIEA e porterà a un periodo di ancora maggiore trasparenza.
È stato davvero un momento di alta drammaticità. Barack Obama, fresco reduce dal suo cimentarsi a fare la storia nell'ospitare il Consiglio di Sicurezza dell'Onu, si è preso una pausa dalle sue funzioni al vertice economico del G20 a Pittsburgh per annunciare l'esistenza di un impianto nucleare segreto e non notificato in Iran, che non risultava coerente con un programma nucleare a scopi pacifici, sottolineando la conclusione che «l'Iran sta violando le regole che tutti i paesi devono seguire».
Obama, appoggiato da Gordon Brown e Nicolas Sarkozy, ha minacciato dure sanzioni contro l'Iran qualora non si conformasse pienamente ai suoi obblighi riguardanti il controllo internazionale del suo programma nucleare, che al momento attuale sta per essere definito da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia come l'obbligo di sospensione immediata di tutte le attività di arricchimento nucleare.
La struttura in questione, che si rivela sia localizzata presso una installazione militare segreta iraniana fuori dalla città santa di Qom e in grado di ospitare fino a 3mila centrifughe, usate per arricchire l'uranio, è stata per qualche tempo controllata dai servizi di intelligence degli Stati Uniti e altre nazioni. Ma non è stato che lunedi che l'AIEA è venuta a sapere della sua esistenza, basandosi non su un qualsiasi "scoop" d'intelligence fornito dagli USA, ma proprio su una spontanea notificazione da parte dell'Iran. Le azioni dell'Iran hanno forzato la mano degli Stati Uniti, spingendo Obama all'affrettata conferenza stampa di venerdì mattina.
Attenzione alle campagne mediatiche con motivazioni politiche. Mentre in superficie l'intervento drammatico di Obama sembrava sensato, il diavolo si nasconde sempre nei dettagli. Le "regole" che l'Iran è accusato di aver violato non sono vaghe, bensì scandite in termini chiari. Ai sensi dell'articolo 42 dell'accordo di salvaguardia dell'Iran, e del Codice 3.1 della parte generale degli accordi sussidiari (altresì noto come il "protocollo aggiuntivo") di tale accordo, l'Iran ha l'obbligo di informare l'AIEA di qualsiasi decisione volta a costruire un impianto che ospiti centrifughe operative, e di fornire informazioni sul progetto preliminare di tale impianto, anche se il materiale nucleare non fosse stato introdotto. Questo avvierebbe un processo di accesso complementare e di ispezioni di verifica della progettazione da parte dell'AIEA.
Questo accordo è stato firmato dall'Iran nel dicembre del 2004. Tuttavia, poiché il "protocollo aggiuntivo" non è stato ratificato dal parlamento iraniano, e come tale non è giuridicamente vincolante, l'Iran ha interpretato la sua attuazione come su base volontaria, e pertanto ha accettato di rispettare queste nuove misure, più come misura di rafforzamento della fiducia che in qualità di un obbligo inderogabile.
Nel marzo del 2007, l'Iran ha sospeso l'applicazione del testo modificato del codice 3.1 della Parte generale degli accordi sussidiari riguardanti la rapida fornitura delle informazioni sui progetti. In questa maniera, l'Iran stava ritornando alle sue condizioni giuridicamente vincolanti dell'accordo di salvaguardia originario, che non richiedevano la dichiarazione iniziale sugli impianti con capacità nucleare prima dell'introduzione di materiale nucleare.
Anche se questa azione risulta comprensibilmente irritante per l'AIEA e per quegli Stati membri che desiderano una piena trasparenza da parte dell'Iran, non si può parlare in termini assoluti di violazioni da parte dell'Iran dei suoi obblighi derivanti dal trattato sulla non-proliferazione nucleare. Così, quando Obama ha annunciato che «l'Iran sta le regolviolando le regole che devono seguire tutte le nazioni», è in errore sia dal punto di vista tecnico sia da quello giuridico.
Ci sono molti modi di interpretare la decisione dell'Iran del marzo 2007, soprattutto alla luce delle rivelazioni di oggi. Occorre sottolineare che l'impianto di Qom cui si riferisce Obama non è un impianto per armi nucleari, ma semplicemente una centrale nucleare di arricchimento simile a quella che si trova nell'impianto notificato (e ispezionato) di Natanz.
L'impianto di Qom, se le descrizioni attuali sono accurate, non può produrre stock-base di alimentazione (esafluoruro di uranio, o UF6) utilizzato nel processo di arricchimento basato sulla centrifuga. Si tratta semplicemente di un altro impianto in cui l'UF6 può essere arricchito.
Perché è importante questa distinzione? Perché l'AIEA ha sottolineato, continuamente, che possiede un resoconto completo delle scorte di materiale nucleare dell'Iran. Non c'è stata alcuna diversione di materiale nucleare per l'impianto di Qom (dal momento che è in fase di costruzione). L'esistenza del presunto impianto di arricchimento di Qom non cambia in alcun modo il bilancio dei materiali nucleari presenti oggi all'interno dell'Iran.
In parole povere, l'Iran non è più vicino a produrre ipotetiche armi nucleari oggi di quanto non lo fosse prima dell'annuncio di Obama sulla struttura di Qom.
Si potrebbe adoperare l'argomento secondo cui l'esistenza di questo nuovo impianto dota l'Iran di una capacità di "autonomo sganciamento" nel produrre uranio altamente arricchito che potrebbe essere utilizzato nella fabbricazione di una bomba nucleare in una qualche fase successiva. La dimensione della struttura di Qom, sospettata di essere in grado di ospitare 3mila centrifughe, non è ideale per attività di arricchimento su larga scala necessarie a produrre quantità significative di uranio bassamente arricchito di cui l'Iran avrebbe bisogno per far funzionare i suoi reattori nucleari in progetto. In tal senso, si potrebbe sostenere che il suo unico vero scopo sia quello di riciclare rapidamente delle scorte di uranio bassamente arricchito in uranio altamente arricchito utilizzabile in un'arma nucleare. Il fatto che si riferisce che l'impianto di Qom sia situato dentro un'installazione militare iraniana non fa che rafforzare questo tipo di pensiero.
Ma questa interpretazione richiederebbe comunque la diversione di notevoli quantità di materiale nucleare fuori dal controllo degli ispettori dell'AIEA, qualcosa che sarebbe quasi immediatamente evidente. Qualsiasi deviazione significativa di materiale nucleare sarebbe una causa immediata di allarme, e ciò provocherebbe un'energica reazione internazionale, che includerebbe molto probabilmente un'azione militare contro la totalità delle infrastrutture nucleari iraniane conosciute.
Allo stesso modo, le 3mila centrifughe dell'impianto di Qom, anche quando iniziassero con il 5% delle scorte di uranio arricchito, dovrebbero operare per mesi prima di essere in grado di produrre abbastanza uranio altamente arricchito per un singolo dispositivo nucleare. In tutta franchezza, questo non costituisce una valida capacità di " autonomo sganciamento".
L'Iran, nella sua notificazione dell'impianto di arricchimento di Qom all'AIEA resa il 21 settembre, lo ha descritto come un "impianto pilota". Dato che l'Iran ha già un "impianto pilota di arricchimento" in funzione presso la struttura notificata di Natanz, questa evidente duplicazione dello sforzo va nella direzione tanto di un programma parallelo di arricchimento nucleare a conduzione militare volto agli scopi più scellerati, quanto, più probabilmente, di un tentativo da parte dell'Iran di fornire profondità strategica e capacità di sopravvivenza al suo programma nucleare, a fronte di ripetute minacce di bombardare le infrastrutture nucleari pronunciate da USA e Israele.
Non dimenticate mai che gli scommettitori sportivi, davano 2:1 probabilità che Israele o gli Stati Uniti avrebbero bombardato gli impianti nucleari dell'Iran entro marzo 2007. Dopo aver lasciato l'incarico, l'ex vice-presidente Dick Cheney ha ammesso che stava spingendo fortemente per un attacco militare contro l'Iran durante il periodo dell'amministrazione Bush. E il livello di retorica proveniente da Israele circa la sua intenzione di lanciare un attacco militare preventivo contro l'Iran è stato allarmante.
Mentre Obama potrebbe aver inviato segnali concilianti verso l'Iran in merito alla possibilità di riavvicinamento a seguito della sua elezione, nel novembre 2008, questo non era l'ambiente fronteggiato dall'Iran, quando aveva preso la decisione di ritirarsi dal suo impegno a notificare ogni nuovo impianto nucleare in costruzione . La necessità di creare un meccanismo di sopravvivenza economica di fronte alla minaccia reale di azione militare sia degli Stati Uniti sia di Israele è probabilmente la spiegazione più probabile che sta dietro la struttura di Qom.
La notificazione dell'Iran di questa struttura all'AIEA, che precede di diversi giorni l'annuncio di Obama, probabilmente è un riconoscimento da parte dell'Iran che questa duplicazione degli sforzi non è più rappresentativa di una politica avveduta da parte sua.
In ogni caso, l'impianto è ora fuori dalle ombre, e presto sarà sottoposto ad una vasta gamma di ispezioni dell'AIEA, rendendo discutibili le speculazioni circa le intenzioni nucleari dell'Iran. Inoltre l'Iran, nel notificare questa struttura, deve sapere che - poiché ha presumibilmente collocato delle centrifughe operative nell'impianto di Qom (anche se non è stato introdotto materiale nucleare) - ci sarà la necessità di fornire all'AIEA il pieno accesso alla capacità di produzione di centrifughe dell'Iran, in modo che un bilancio materiale possa essere acquisito per queste voci allo stesso modo.
Anziché rappresentare la punta di un iceberg in termini di scoperta di una segreta capacità di armi nucleari, l'emergere dell'esistenza dell'impianto di arricchimento di Qom potrebbe benissimo segnare l'avvio di un periodo di maggiore trasparenza da parte dell'Iran, che porti alla sua la piena adozione e attuazione del Protocollo aggiuntivo AIEA. Questo, più di ogni altra cosa, dovrebbe essere il risultato auspicato della "notificazione di Qom".
Gli appelli per sanzioni"paralizzanti" contro l'Iran da parte di Obama e Brown non sono certo le opzioni politiche più produttive a disposizione di questi due leader mondiali. Entrambi hanno espresso il desiderio di rafforzare il trattato di non-proliferazione nucleare.
L'azione dell'Iran, nel dichiarare l'esistenza della struttura di Qom, ha creato una finestra di opportunità per fare proprio questo, e dovrebbe essere sfruttata appieno nel quadro dei negoziati e delle ispezioni dell'AIEA, e non più per le spacconate e le minacce dei leader del mondo occidentale.

di Scott Ritter (*) - The Guardian

(*) Scott Ritter è uno dei massimi esperti mondiali sul controllo di armi nucleari e armi di distruzione di massa. Tra il 1991 (dopo la prima guerra del Golfo) e il 1998 fu a capo degli ispettori dell'Onu in Iraq. Nel 2003 condannò l'invasione statunitense dell'Iraq perché per la sua conoscenza maturata sul campo sosteneva che quel paese non aveva, né poteva avere, armi di distruzione di massa.

Tratto da www.megachip.info

Originale in www.guardian.co.uk

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori