sabato 16 gennaio 2010

Ad un anno esatto dalla fine dei bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza, GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING: TO SHOOT AN ELEPHANT


dove CHIAMAMILANO

giorno LUNEDì 18 GENNAIO

ore 18.00


Ad un anno esatto dalla fine dei bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza,

GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING

(www.toshootanelephant.com):

TO
SHOOT
AN
ELEPHANT


Largo Corsia dei Servi 11
Tel 02 76398628


http://www.chiamamilano.it/cgi-bin/testo2.pl?pmid=21&pos=4

negozio@chiamamilano.it


Contenuti


GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING


INFORMAZIONI DI BASE

  1. SINOSSI

  2. IL CONTESTO

  3. AUTORI

  4. UNO SFORZO DI COLLABORAZIONE


GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING

Il 18 gennaio 2010 è il primo anniversario della fine dei bombardamenti da parte di Israele della Striscia di Gaza, un attacco che ha avuto inizio il 27 dicembre 2008, ed è durato fino al 18 gennaio 2009, e in cui 1.412 palestinesi hanno perso la vita. Il documentario “To Shoot An Elephant” (TSAE) è testimone oculare dall'interno della Striscia di Gaza di quanto è avvenuto in quei giorni. Questo racconto diretto e privilegiato diventa uno strumento con cui possiamo affrontare la propaganda israeliana su ciò che realmente è successo lì e il silenzio della comunità internazionale. Per il suo valore come testimonianza della popolazione civile, TSAE è diventato un resoconto legittimo che racconta ciò che è realmente accaduto lì.


Se il battito delicato di ali di una farfalla può produrre un uragano, allora questi sussurri audiovisivi potranno scuotere le persone attorno a noi e aiutare a minare le fondamenta del muro israeliano. Questo ci aspettiamo da questa proiezione globale per noi e per quelli che vi parteciperanno. Maggiore sarà il numero dei partecipanti, maggiore sarà la possibilità che il nostro urlo collettivo penetri lo spesso silenzio che copre le notti infinite di Gaza.

Il desiderio del team TSAE è che sia un evento mondiale, non solo in Rete, ma anche a livello locale, per farlo diventare una realtà nella forma di comunicazione antagonista, e una vittoria oltre il silenzio internazionale esistente. E trasformarsi così in un elemento fondamentale delle reti e della diffusione delle idee.
La proposta di questa proiezione globale è un evento politico che commemora il bombardamento dell'anno scorso, ma è anche un invito ad usare il materiale audiovisivo quale strumento per la condivisione delle informazioni.



Informazioni di base


1. Sinossi


"... dopo, naturalmente, ci sono state infinite discussioni circa l'uccisione dell'elefante. Il proprietario era furioso, ma era solo un indiano e non poteva fare niente. Inoltre, sul piano giuridico avevo fatto la cosa giusta, un elefante pazzo deve essere ucciso come un cane pazzo, se il proprietario non riesce a controllarlo ".

George Orwell ha posto i termini per descrivere l'Asia, che resta ancora valida. "To Shoot An Elephant" è testimone oculare dalla Striscia di Gaza. Operazione 27 dicembre 2008, "Piombo fuso. 21 giorni di tiro all'elefante. Urgenti, insonni, sporche, impressionanti, immagini dagli unici stranieri che hanno deciso e sono riusciti a rimanere nella striscia di Gaza, all'interno delle ambulanze, con i civili palestinesi.

George Orwell: "Shooting un elefante" è stato originariamente pubblicato in New Writing nel 1948.


2. Il contesto


la striscia di Gaza è sotto assedio dal giugno 2007, quando Israele l'ha dichiarata “ente nemico”.
Un gruppo di attivisti internazionali, ha organizzato un movimento per rompere l'assedio, il Free Gaza Movement. Grazie ai loro sforzi, e nonostante il divieto israeliano per corrispondenti stranieri e operatori umanitari ad operare e testimoniare il funzionamento di "Piombo fuso" a terra, un gruppo di volontari internazionali: membri autorganizzati dell'International Solidarity Movement erano presenti a Gaza quando il bombardamento è iniziato il 27 dicembre 2009. Insieme a due corrispondenti internazionali da Al Jazeera International (Ayman Mohyeldin e Sherine Tadros), sono gli unici stranieri che sono riusciti a scrivere, riprendere e denunciare per parecchie stazioni radio quello che stava accadendo all'interno della Striscia palestinese assediata.

Erano giornalisti? Erano attivisti? Che importa! Sono diventati testimoni. Essere giornalista o chiunque altro dipende da come ti senti. Si tratta di una responsabilità etica che si riesce a condividere con un pubblico più vasto di quello che è intorno a te in quel momento. Sarà il risultato del tuo lavoro che ti porterà ad una carriera professionale come giornalista o meno, piuttosto che presupposizioni o etichette. Far sì che loro sappiano. Che quelli che tu vuoi: ascoltino e siano consapevoli di ciò tu sai. Questo è essere giornalisti. Avere un pass, con scritto su “press”, o ricevere un regolare stipendio, non vuol dire necessariamente essere un testimone con una macchina fotografica o una penna. Scordatevi la neutralità. Scordatevi l'obiettività. Noi non siamo i palestinesi. Noi non siamo israeliani. Noi non siamo imparziali. Cerchiamo solo di essere onesti e riferire ciò che vediamo e ciò che sappiamo. Io sono un giornalista. Se qualcuno ascolta, io sono un giornalista. Nel caso di Gaza, nessun "giornalista ufficiale" è stato autorizzato a entrare nella striscia (oltre a quelli che erano già dentro), così siamo diventati testimoni. Con tutta una serie di responsabilità in merito a ciò.

Ho sempre inteso il giornalismo come "una mano che accende la luce all'interno di una camera buia". Un giornalista è una persona curiosa, un indagatore scomodo, una fotocamera ribelle e una penna che fa sentire a disagio chi è al potere. E questo è il concetto del mio lavoro a Gaza: adempiere ad un dovere verso il conflitto più narrato sulla terra, dove la storia dell'assedio e della punizione collettiva imposti da Israele a tutta la popolazione del territorio per rappresaglia contro i razzi lanciati da Hamas non sarà mai narrata con precisione sufficiente. Per questo doveva essere vissuta. Mi sono nascosto all'interno di Gaza, nonostante i tentativi di Israele di impedirci di entrare, e sono stato "gentilmente" invitato a uscire da chi è al potere a Gaza. Questa è la mia idea di giornalismo.
Ogni governo sulla terra deve sentirsi nervoso se qualcuno va in giro con una macchina fotografica o una penna pronto a pubblicare ciò che lui o lei riesce a capire. Per il bene dell'informazione, uno dei pilastri principali della democrazia.

Questo è un film embedded. Abbiamo deciso di essere "embedded all'interno del ambulanze" aprendo un dialogo immaginario con quei giornalisti che sono “embedded” all'interno degli eserciti. Ognuno è libero di scegliere la parte da cui vuole testimoniare. Ma le decisioni spesso non sono imparziali. Abbiamo deciso che i civili che lavorano per il salvataggio dei feriti ci avrebbero dato una prospettiva molto più onesta della situazione di quelli il cui lavoro è colpire, ferire e uccidere. Noi preferiamo i medici, piuttosto che i soldati. Noi preferiamo il coraggio di quei soccorritori disarmati rispetto a quello di chi (con esperienze anch'esse interessanti, ma moralmente ripugnanti) si è arruolato per uccidere. Si tratta di una questione di messa a fuoco. Non mi interessano le paure, i traumi e le contraddizioni di coloro che hanno una scelta: la scelta di rimanere a casa e dire no alla guerra.


3. Autori


Registi: Alberto Arce / Mohammad Rujailah

Testi : Alberto Arce / Miquel Martí Freixas

Montaggio: Alberto Arce / Miquel Martí Freixas

Suono: Francesc Gosalves

Posproduzione: Jorge Fernández Mayoral

Co-produzione/distribuzione: Eguzki Bideoak.

Traduzione: Mohammad Rujailah / Alberto Arce

Design Team: Mr. Brown e Mabrilan

Durata: 112 '



4. Uno sforzo di collaborazione


Questo film non sarebbe mai stato possibile senza la dedizione e l'impegno diMaometto Rujailah, "Il Montatore". Un abitante di Gaza che ha deciso di trascorrere quelle settimane con noi. Per la maggior parte del tempo è stato le mie orecchie, i miei occhi, la mia bocca. La maggior parte dei giornalisti stranieri, che non parla arabo conta su una figura "nascosta" che normalmente è cancellata alla fine del lavoro. Voglio riconoscere la sua collaborazione. Affermare che gli stranieri hanno bisogno dei residenti. E questi devono essere accreditati per il loro lavoro. L'orientalismo è sempre presente nell'approccio degli stranieri al Medio Oriente, è lì che le prospettive locali sono necessarie per superare gli stereotipi e costruire una narrazione onesta della complessa realtà che ci troviamo di fronte.

Questo film non sarebbe mai stato possibile senza la fiducia, il calore e la collaborazione della Mezzaluna Rossa palestinese e degli equipaggi delle ambulanze dell'Health Worker Committee . I soccorritori, come Marwan, Hassan, Jamal e molti altri che erano lì, rispondevano alle chiamate e facevano giorno e notte pazze gare tra bombe e cecchini, sapendo di essere gli obiettivi per gli israeliani. Molti dei loro amici, come Arafa Abdel Daim, sono stati uccisi. Li hanno sparati. I loro mezzi sono stati distrutti. Ma non hanno mai rinunciato. Sono coraggiosi. Coraggiosi senza armi. Uno dei principali obiettivi di "To Shoot An Elephant" è sostenere i Diritti Umani Internazionali, mostrando come squadre di medici e ospedali siano stati direttamente presi di mira mentre svolgevano il loro compito.

A Gaza, abbiamo fatto squadra. Insieme alla gente del posto, Vittorio Arrigoni, Eva Bartlett, Ewa Jasiewicz, Leila, George, Natalie, Jenny uniti a formare un gruppo. Ora vi mostrerò come alcune delle loro intenzioni e del lavoro in quei giorni, non sarebbe stato possibile senza di loro, e neanche senza la forza che ho ricevuto dalle telefonate di un certo numero di attivisti in tutto il mondo che hanno solo telefonato per dire che c'erano, che non eravamo soli. Devono essere ringraziati in modo corretto. Anche se non lo sanno e non riesco a ringraziarli personalmente, loro mi ha moralmente spinto a non rinunciare.
Haidar Eid ed i suoi colleghi dell'Associazione Docenti dell'Università della Striscia di Gaza con il loro sostegno intellettuale mi hanno aiutato a capire cosa stava succedendo e che cosa doveva essere fatto dopo il massacro cui avevamo assistito, in modo efficace, unendo gli sforzi per la giustizia. Nabil, del Palestinian Medical Relief Society è stata la persona che ci ha mostrato tutto il campo profughi di Jabalya in modo che potessimo capire la grandezza e la perversione implicita nel mantenimento della punizione collettiva che gli abitanti di Gaza stanno soffrendo.

Alcuni funzionari del governo spagnolo mi hanno aiutato ad uscire con tutto il materie grezzo. Era loro dovere, ma lo hanno fatto con la migliore professionalità. Altri non lo avrebbero fatto. Mahmud è stato il nostro autista pazzo.
Con il suo taxi e la sua disponibilità a rischiare, siamo riusciti a raggiungere le case direttamente mirate dalle bombe al fosforo bianco o sono riuscito a filmare il bombardamento del magazzino centrale per l'alimentazione delle Nazioni Unite, quando è scomparso, bruciato con il fosforo. Ahmed era un combattente che ha pagato per avermi aiutato.


Miquel ha avuto fiducia in me e ha creduto nel progetto fin dall'inizio, da quando abbiamo parlato per la prima volta. Eguzki Bideoak ha sostenuto me e tutti i partecipanti e coloro che sono stati coinvolti nell'organizzazione di "Incontri di Fotogiornalismo Città di Gijón", e loro mi hanno aiutato a ritrovare l'entusiasmo che avevo in qualche modo perso.

Sarah e la mia famiglia. Sempre Sarah e la mia famiglia. Sono entrato a Gaza col proposito di fare un film perché qualcuno aveva fiducia in me: questo lo devo alla CI Comunicación. Peccato che i nostri percorsi ci hanno poi portato in direzioni differenti.


Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori