sabato 6 novembre 2010

La guerra messicana a quota 10000 morti

L'ultimo l'hanno ammazzato poche ore fa, chissà dove. La sua testa è stata ritrovata ieri mattina, appesa ad un lampione. Aveva gli occhi bendati, il che può significare che l'uomo aveva visto troppo o che era a sua volta un killer o ancora che stava per tradire: a Ciudad Juarez, grigia città alla frontiera con il Texas, il linguaggio dei cadaveri vanta un'infinità di sfumature a seconda della parte del corpo che viene restituita per la sepoltura o della messinscena dell'esecuzione. Tre giorni fa, vicino ad Acapulco, di corpi la polizia ne ha rinvenuti ventisette, ammonticchiati in un canale. I narcos non li avevano neanche seppelliti. La settimana scorsa, invece, a Urapan, nello stato del Michoacán, un'intera famiglia è stata sterminata durante una festa di compleanno.

E' raccapricciante il bollettino della guerra dichiarata quattro anni fa ai trafficanti di droga dal presidente messicano Felipe Calderon. Sono cifre da battaglie di trincea, da offensive tra eserciti regolari. Se nel 2009 ci sono stati 17 omicidi al giorno legati al narcotraffico, nei primi nove mesi di quest'anno i morti quotidiani sono saliti a 38. Dall'inizio del 2010, notizia riferita due giorni fa, i narcos hanno ucciso 10.043 volte. Ogni tre quarti d'ora, c'è qualcuno che viene massacrato di botte o torturato o amputato, e infine ucciso.

Eppure, a Tijuana o Acapulco, Morelia o Ciudad Juarez, il dispiegamento delle forze dell'ordine è massiccio. Nelle strade di questi luoghi operano 50milamilitari e 25mila agenti federali, incapaci però di fermare le violenze. Anzi, il numero dei morti continua ad aumentare, probabilmente perché, come spiega il giornalista Sergio Gonzalez Rodriguez, "dietro ogni gruppo criminale si nascondono rappresentanti del potere economico e politico". Calderon è perciò con le spalle al muro. E la sua guerra sembra averla già perduta da un pezzo.


L'emblema della sconfitta è Ciudad Juarez, capitale mondiale del crimine. Dopo l'eccidio di sedici ragazzi compiuto nella notte tra il 30 e il 31 da un gruppo di sicari del cartello "los Zetas", questo borgo di frontiera cresciuto troppo in fretta è diventato la città più pericolosa del pianeta. Qui si contano 192 omicidi al mese per centomila abitanti: un dato da primato che lo pone molto avanti a San Pedro Sula, in Honduras, dove si ammazza 119 volte al giorno. Ciudad Juarez è assediata da soldati e poliziotti: li vedi ovunque, molti con il passamontagna calato sul viso, altri ai posti di blocco nascosti dietro a pesanti mitragliatrici, altri ancora a bordo di carri armati. Ma il narcotraffico continua a prosperare, e il capo del potente cartello della città, Vicente Carrillo Fuentes, detto "El Viceroy", è sempre ricercato, pur vivendo probabilmente a poche centinaia di metri da una caserma di militari. 


Salvo i poliziotti, a Ciudad Juarez in molti hanno voglia di parlare. Tutti però chiedono di non scrivere il loro nome. Neanche su un giornale italiano. L'eccezione si chiama Francisco Campos, ingegnere, con un passato di assessore municipale. Secondo Campos, l'impennata di morti e di violenza è destinata a proseguire, se non a peggiorare, perché la posta in gioco è sempre più alta: "Il problema del Messico è la sua vicinanza con gli Stati Uniti, dove c'è il più grande mercato della droga del mondo, il cui fatturato supera i 25 miliardi di dollari l'anno. Da noi, invece, dove la maggior parte della popolazione ha meno di 16 anni, il tasso di disoccupazione è uno dei più alti del pianeta. Come stupirsi quindi se dal 2006 i morti per mano dei narcos sono stati 26mila".


Un imprenditore che chiede di restare anonimo racconta che per la prima volta, il 16 luglio scorso, come fossero a Kabul o Bagdad, i narcos hanno fatto esplodere un'autobomba nel centro di Ciudad Juarez: "Poco prima avevano lanciato una granata in una piazza di Morelia, e bloccato tutte le vie di accesso a Monterrey. Negli ultimi cinque mesi sono stati uccisi 9 sindaci. Ormai si comportano come i guerriglieri di Al Qaeda. Non sbaglia chi parla di narcoterrorismo". In un bar del centro, un ragazzo ci mostra su Internet le immagini agghiaccianti che diffondono i clan rivali per minacciare altri trafficanti o, magari, un politico locale. Anche qui salta agli occhi l'analogia con i terroristi islamici, poiché "los malosos", i cattivi, appaiono sempre incappucciati e con un mitra in mano. L'orrore è documentato, fotografato, filmato fino all'ultimo spasimo delle loro vittime. Il sito su cui appaiono queste barbarie, racconta il ragazzo, ha già avuto più di 450mila contatti.
Un'infermiera dell'ospedale principale, che chiameremo Esmeralda, è costretta per mestiere a frequentare i morti ammazzati di Ciudad Juarez. Dice: "Quando c'è una sparatoria con feriti, la grande difficoltà consiste a portarli fino a qui. La maggior parte di essi è connessa al narcotraffico. E' perciò quasi impossibile che l'ambulanza arrivi senza problemi". Perché? Perché c'è sempre qualcuno che la ferma per giustiziare il ferito.


di Pietro Del Re
Fonte: laRepubblica.it

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori