lunedì 1 novembre 2010

La Cina è in Europa dell'Est e in Germania cresce la preoccupazione

"La Cina sta cercando un paese che possa fare da ponte tra noi ed i Paesi dell'Unione Europea", ha dichiarato il ministro del commercio cinese Chen Deming al ministro dell'economia della Bulgaria Traicho Traikov, nel corso dello Shangai Expo a luglio.
Sembra proprio che la Bulgaria possa rappresentare questo tipo di paese: dopo l'accentuarsi della crisi in Europa orientale e le delusioni che i Paesi un tempo inseriti nel blocco sovietico hanno provato nel rapporto con l'Ovest, sembra che l'attenzione verso la Cina stia crescendo e dando buoni frutti alla politica espansiva della Repubblica Popolare, che sembra fra l'altro immune dai problemi finanziari che affiggono l'Occidente.
Grandi aziende cinesi come Huwaei e ZTE stanno aggiornando le reti di telecomunicazione bulgare. Great Wall, un'importante azienda automobilistica cinese, ha appena finito di realizzare una fabbrica di auto del valore di 112 milioni di dollari nel nord-est del Paese. Insigma Technology, un'altra azienda cinese, questa volta del settore impiantistico, ha appena sottoscritto un contratto per la desolforizzazione nel più grande impianto petrolifero della Bulgaria, il Maritsa Est 2.
Ma anche altri Paesi dell'Est europeo stabiliscono legami industriali importanti con la Cina: in Romania, alcune aziende cinesi stanno negoziando la costruzione di due impianti di produzione di energia. In Polonia la Cina ha realizzato in tre anni investimenti per 70 milioni di euro e punta a raggiungere i 500 milioni quest'anno. In Ungheria, il governo sta finanziando corsi di lingua per imprenditori cinesi, per incrementare le relazioni economiche fra i due Paesi.
La miglior conferma della serietà dell'impegno profuso dalla Repubblica Popolare Cinese nell'Europa dell'Est è data dal disagio che la Germania sta dimostrando davanti a questa strategia. Lo scorso mese, il Comitato per le Relazioni Economiche con l'Europa Orientale, espressione degli ambienti industriali tedeschi, ha pubblicato un rapporto nel quale la politica cinese viene giudicata assai più dipendente da interessi geopolitici che da criteri economici. Nello studio si stigmatizza "il dumping dei prezzi, la finanza aggressiva e le generose coperture dei rischi" offerte dal governo di Pechino alle proprie aziende per scalzare le posizioni dei rivali europei in quei mercati, citando il caso di progetti cinesi che in Polonia e in Serbia hanno prevalso sugli occidentali grazie ad offerte al ribasso sostenute da crediti alle imprese cinesi garantiti dallo Stato.
Zhang Zuqian, ricercatore della Chinese Association for European Studies, ricorda però che "l'Occidente ha sempre considerato questa parte dell'Europa come il premio per aver vinto la Guerra Fredda". "Ma - aggiunge - la guerra è finita e non è più una sua riserva di caccia esclusiva. In genere sono le aziende europee carenti sul piano della competitività a lamentarsi dei buoni affari della Cina e ad invocare la teoria della minaccia cinese".


di Andrea Bartoletti
Fonte: Clarissa

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori