sabato 23 ottobre 2010

"Se il Medio Oriente ha il petrolio, la Cina ha le terre rare"


"Se il Medio Oriente ha il petrolio, la Cina ha leterre rare", diceva Deng Xiaoping trent'anni fa.
Si riferiva a diciassette elementi contenuti in diversi minerali e necessari alla costruzione di una sfilza di prodotti high-tech: dagli iPod alle fibre ottiche, passando per le batterie delle auto ibride e i missili telecomandati.
Da qualche tempo sono al centro di uncontenzioso tra Cina e Giappone, perché il Dragone ne detiene il novantasette per cento della produzione mondiale e ha repentinamente deciso di interromperne l'export verso il Sol Levante, lasciando all'asciutto la locale industria dell'eccellenza tecnologica.
Dietro alla vicenda delle terre rare, c'è in realtà una matassa che tiene insieme economia, politica e strategia. Un gioco di interessi incentrato sul Mar Cinese Orientale, con molti protagonisti.

Cina e Giappone
Pechino ha interrotto le forniture di terre rare a settembre, dopo il fermo di un peschereccio cinese - e l'arresto del suo capitano - che aveva speronato due motovedette giapponesi presso le contesissime isole Senkaku-Diaoyu.
Si tratta di isolotti a nord-est di Taiwan, che li considera suoi. Dato che Taiwan è secondo Pechino una provincia cinese, anche la Cina li rivendica. Tuttavia appartengono formalmente al Giappone (dal 1895), che li ha inglobati nella prefettura di Okinawa, l'isola-roccaforte della presenza Usa in Estremo Oriente.
I falchi da entrambe le parti hanno soffiato sul fuoco e la situazione si è esacerbata. In Cinaci sono stati cortei nazionalisti, Pechino ha annullato qualche incontro diplomatico e ha sospeso le trivellazioni congiunte alla ricerca di gas. Dal Giappone giunge notizia che le compagnie aeree abbiano cancellato circa undicimila prenotazioni in direzione Cina.
China Daily ha pubblicato una ricostruzione storica dal titolo esplicito, "La sovranità sulle isole Diaoyu è fuori discussione", a cui ha risposto un diplomatico giapponese con "Le isole Senkaku sono chiaramente parte del Giappone" e Seiji Maehara, ministro degli Esteri nipponico, si è spinto a definire "isteriche" le reazioni cinesi.

Giappone e mondo
Se le terre rare non vanno al Giappone, il Giappone va alle terre rare.
Il 3 ottobre Tokyo e Ulan Bator hanno firmato un accordo in base al quale il Giappone fornirà alla Mongolia la tecnologia per l'estrazione di terre rare in cambio della precedenza sulle forniture. Se infatti la Cina ha il novantasette per cento della produzione mondiale, è pur vero che il suo sottosuolo contiene solo il trentasei per cento delle riserve globali. Semplicemente, i cinesi hanno cominciato prima di altri a cercarle.
Per la Mongolia, alla mercè degli appetiti di materie prime di mezzo mondo, l'accordo significa anche smarcarsi dalla presenza ingombrante del Dragone.
KazakistanAustraliaCanada, Botswana e pure Stati Uniti potrebbero essere i prossimi fornitori del Giappone. 

Usa e Cina (e dollari)
La Cina ha il monopolio della produzione di terre rare anche perché ha fatto fuori potenziali concorrenti con la politica dei prezzi bassi. Ora che chiude i rubinetti e determina un rialzo dei prezzi globali, il gioco si fa interessante per altri player e si scopre che le terre sono all'improvviso un po' meno rare. La compagnia statunitenseMolycorp possiede per esempio quella che un tempo fu la più importante miniera al mondo, a Mountain Pass, California. Fu chiusa nel 2002 per ragioni ambientali e perché i prezzi ridotti non rendevano più conveniente l'attività. Lunedì scorso la Cina ha annunciato ulteriori restrizioni all'export (anche verso gli Usa e l'Europa) e le azioni della compagnia hanno registrato un +10 per cento a Wall Street (+124 nelle ultime settimane). Il suo proprietario, Ross Bhappu, è già celebrato come genio degli affari, mentre rastrella soldi per riavviare l'attività estrattiva.
Ma per un'America che ride, ce ne è una che si infuria. Il ministero del Commercio Usa ha interpretato le mosse cinesi come una rappresaglia nei confronti dell'inchiesta statunitense sui sussidi che Pechino fornirebbe ai propri produttori di energia pulita, violando così le regole del Wto. Anzi, il blocco dell'export di materie prime fondamentali per le tecnologie sarebbe un ulteriore trucchetto cinese per favorire la propria industria green.

Ritorno alle "terre"
La Cina ha smentito di avere in programma per il prossimo futuro un nuovo taglio alle esportazioni di terre rare. Il portavoce del ministero del commercio, Shen Danyang, ha però aggiunto che il suo Paese "continuerà anche ad imporre restrizioni allo sfruttamento, alla produzione e all'esportazione di terre rare per proteggerequeste risorse che potrebbe esaurirsi".
Quei diciassette elementi della tavola periodica sono l'unica materia prima che il Dragone possiede in abbondanza e a Pechino si sentono assediati. La vicenda delle Senkaku-Diaoyu, le pressioni sullo yuan, leritorsioni commerciali, la "guerra ideologica dell'Occidente", i rifornimenti di armi a Taiwan, sono percepiti come manovra d'accerchiamento Usa per interposti partner asiatici, finalizzata a contenere la propria ascesa.
Il rubinetto delle forniture si aprirà e chiuderà in base a valutazioni improntate al più accentuato pragmatismo. Ben sapendo che chi possiede una macchina propagandisticamolto più potente della tua, può sempre sbatterti sul banco degli imputati.


di Gabriele Battaglia

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori