mercoledì 29 settembre 2010

Avviato il gasdotto transafgano

Dopo anni di incertezze e trattative, lunedì adAshgabat, capitale dell'ex repubblica sovietica del Turkmenistan, i ministri energetici afgano, pachistano, indiano e turkmeno hanno firmato l'accordo quadro per la costruzione della gasdotto 'Tapi' (dalle iniziali dei quattro paesi coinvolti) entro la fine del 2014.

Una tubatura lunga 1.680 chilometri che trasporterà (a un ritmo di circa 90 miliardi di litri al giorno) il gas naturale estratto dai giacimenti turkmeni di Daulatabad attraverso l'Afghanistan occidentale e meridionale (Herat, Farah, Helmand e Kandahar) fino in Pakistan e in India.

Il gas verrà completamente captato lungo il suo percorso attraverso i tre paesi: ogni giorno, circa 14 miliardi di litri rimarranno in Afghanistan, 38 finiranno nei gasdotti pachistani e altrettanti in quelli indiani.

Il Tapi, quindi, non servirà a rifornire i mercati energetici occidentali, com'era previsto nel progetto iniziale della compagnia petrolifera californiana Unocal, che non includeva l'India e prevedeva che i gasdotto terminasse al porto pachistano di Gwadar, sul Mar Arabico, da dove poi avrebbe dovuto essere trasportato via mare.

Ma le compagnie petrolifere occidentali ci guadagneranno lo stesso, partecipando allacostruzione e alla gestione del gasdotto, finora sponsorizzato dalla dalla Banca per lo sviluppo dell'Asia (Adb), istituto finanziario internazionale controllato da Stati Uniti e Giappone. Il suo costo di realizzazione è calcolato attorno agli 8 miliardi di dollari.

Probabile il coinvolgimento dell'italiana Eni, non solo perché la compagnia di Paolo Scaroni è già il principale partner energetico occidentale del Turkmenistan per lo sviluppo dei suoi giacimenti, ma anche perché buona parte del tratto afgano del Tapi dovrebbe passare nel territorio sotto controllo militare italiano: la provincia occidentale di Herat.

Nonostante l'entusiasmo suscitato dalla firma dell'accordo di lunedì, l'effettiva realizzazione di questo gasdotto nel giro di quattro anni appare ancora un progetto al quanto velleitario, visto che le regioni afgane dove dovrebbe passare il tubo sono le più insicure del paese.

Il viceministro dell'Interno afgano, generale Munir Mangal, presente alla firma dell'accordo di Ashgabat, ha ostentato sicurezza, garantendo che le forze di sicurezza di Kabul saranno perfettamente in grado di proteggere il gasdotto da eventuali attacchi. Difficile credergli.

L'unica condizione che permetterebbe al tratto afgano del Tapi di venire costruito e di funzionare in sicurezza, sarebbe l'assenza della minaccia armata talebana. Ma questo accadrà solo se e quando i talebani saranno formalmente tornati al potere, se non a Kabul, almeno nelle province pashtun - ipotesi, quest'ultima, sempre più in voga a Washington.

di Enrico Piovesana

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori