martedì 6 luglio 2010

Le multinazionali petrolifere sostengono la dittatura birmana



TotalChevron e la thailandese Pttep. Sono queste le compagnie energetiche chesostengono le politiche repressive della giunta birmana.
Lo afferma un rapporto della Ong americano-thailandese EarthRights International (Eri), secondo cui le tre multinazionali sarebbero indirettamente responsabili di violazione dei diritti umanireati finanziari eproliferazione nucleare a Myanmar.


Nel mirino c'è Yadana, un giacimento offshore di gas naturale dove le tre compagnie operano con la birmana Myanma Oil and Gas Enterprise (MOGE), controllata dai militari al potere.
Dal 1998 - stima il rapporto - il progetto ha generato profitti per nove miliardi di dollari. Di questi, più della metà (circa cinque miliardi) sono finiti nelle tasche della giunta.
Queste revenues avrebbero consentito al regime di "mantenere il potere e lanciare un costoso e illegale programma di riarmo nucleare mentre partecipava all'illecito mercato delle armi in collaborazione con la Corea del Nord, minacciando la sicurezza interna e nell'area regionale".

Non solo. I profitti sarebbero depositati in conti bancari offshore. Già nel 2009, l'Eri aveva indicato in due banche di Singapore i "forzieri" della giunta birmana: la Overseas Chinese Banking Corporation (OCBC) e il DBS Group. Entrambi gli istituti hanno negato le accuse.

Il rapporto collega al progetto Yadana anche violazioni dei diritti umani. A febbraio sono stati per esempio assassinati due membri dell'etnia mon nel villaggio di Ahlersakan nell'area del gasdotto.
Secondo Eri si tratta di "esecuzioni mirate", comandate  "dall'ufficiale Balay (detto) Nyi Nyi Soe del battaglione 282, che ha lo specifico incarico di garantire la sicurezza del personale delle compagnie petrolifere e del gasdotto".

Nella Divisione del Tenasserim - dove si trovano il giacimento e il gasdotto - sarebbero dislocati almeno quattordici battaglioni dell'esercito birmano, a cui Chevron e Total hanno delegato la propria sicurezza. Nell'area vivono  circa cinquantamila persone che - secondo l'Eri - sarebbero sottoposte alla coscrizione obbligatoria non retribuita. Anzi, dovrebbero pagare di tasca propria i costi delle operazioni.

Si tratterebbe quindi di vero e proprio lavoro forzato che si traduce nel prelievo degli abitanti dei villaggi da parte dei soldati per "svolgere lavori pesanti, fare da guide nella giungla, scavare delle trincee nei villaggi di Zinba, Kaleingaung, Michaunglaung, etc."

di Gabriele Battaglia

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori