mercoledì 30 giugno 2010

Una base azera come pedina del "Grande Gioco"


Dopo Gates, anche la Clinton a Baku: Washington vuole una base in Azerbaigian a supporto della guerra in Afghanistan.

A inizio giugno la visita a Baku del capo del Pentagono, Robert Gates. I primi di luglio sarà la volta del segretario di Stato, Hillary Clinton. L'attivismo diplomatico di Washington in Azerbaigian ha uno scopo ben preciso: ottenere dal regime di Ilham Aliyev il permesso di istallare nel suo paese una base militare a supporto della guerra in Afghanistan, per sopperire all'eventuale chiusura della base americana in Kirghizistan. E non solo per quello.


Già oggi lo spazio aereo del paese caucasico è regolarmente attraversato da aerei militari Usa carichi di soldati americani diretti al fronte afgano (100 mila solo nel 2009), mentre sulle ferrovie azere e nel porto di Baku transita un terzo dei rifornimenti non militari destinati alle truppe Usa.
Ma una base aerea in Azerbaigian consentirebbe agli Stati Uniti di avere una comoda alternativa alla base kirghisa di Manas per gestire direttamente la propria logistica militare verso il teatro di guerra afgano. Inoltre costituirebbe una presenza militare strategica a guardia delle rotte energetiche che partono dal Mar Caspio (la pipeline Baku-Tbilisi-Cheyan) e molto utile in caso di conflitto con l'Iran (Teheran dista solo 500 chilometri dal confine azero).

Per ora i rappresentanti dei due governi smentiscono, ma da ambienti diplomatici e militari azeri trapelano insistenti conferme su una trattativa in corso basata su uno scambio molto rischioso. Secondo Casur Sumarinli, esperto militare azero, il presidente Aliyev sarebbe pronto a concedere una base agli Usa in cambio dell'impegno di Washington a sostegno delle rivendicazioni di Baku sulla regione secessionista del Nagrono-Karabakh controllata dall'Armenia. Regione delicatissima dove la tensione rimane sempre alta, con frequenti scontri armati tra gli eserciti dei due paesi: l'ultimo, una decina di giorni fa, ha provocato quattro morti tra le forze azere e due tra quelle armene.

Al di là delle smentite ufficiali, però, qualcosa sembra si stia già muovendo. Subito dopo la visita di Gates a Baku, a inizio giugno, il parlamento azero ha approvato una nuova dottrina militare nazionale che prevede, ''in circostanze eccezionali'', la possibilità di ospitare basi militari straniere. Difficile pensare a una semplice coincidenza. 
I piani del presidente Aliyev suscitano però la preoccupazione dell'opposizione azera, secondo la quale l'istallazione di una base Usa nel paese rovinerebbe i buoni rapporti tra Baku e Teheran e esporrebbe l'Azerbaigian al rischio di rappresaglie militari iraniane in caso di un attacco Usa all'Iran dal territorio azero.

Preoccupazioni che trovano conferma nel recente annuncio del governo iraniano, che ha dichiarato lo stato d'allerta e ha mobilitato la Guardia rivoluzionaria lungo il proprio confine nord-occidentale denunciando la presenza di truppe statunitensi e israeliane nel sud dell'Azerbaigian. Una presenza che, finora, non ha trovato conferme né smentite.

di Enrico Piovesana

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori