sabato 26 giugno 2010

Stati Uniti e Israele si apprestano ad accendere il falò in Iran?

L’effetto ipnotico indotto dal Mondiale sudafricano di calcio agisce come fattore di distrazione di massa e il Pentagono sta utilizzandolo contro l’Iran; così come durante l’Olimpiade di Pechino mossero infruttuosamente i valvassini della Georgia contro la Russia. Ora completano il dispiegamento bellico aereo-navale nel golfo Persico e nel Mar Caspio, per stringere il nodo scorsoio attorno all'Iran.
Gli Stati Uniti ed Israele non erano affatto contenti delle sanzioni approvate nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, in versione molto attenuata per evitare che la Russia e la Cina si defilassero. Erano troppo light, inadatte per ottenere risultati immediati.
A distanza di una sola settimana, infatti, Stati Uniti ed Europa si sono affrettati a varare un pacchetto aggiuntivo di sanzioni e divieti contro Teheran che riguardano non solo le forniture militari, ma pure i prodotti farmaceutici, chimica, banche, veicoli di trasporto, beni di consumo. Prendono di mira anche i prodotti energetici come petrolio, gas liquido e derivati, colpendo gli interessi di molte piccole e medie aziende europee che forniscono strumentazione per raffinare il petrolio in Iran. Troppe cose che poco hanno a che vedere con gli armamenti ed il nucleare.

Gli Stati Uniti hanno poco da perdere, visto che da 40 anni non fanno affari con l’Iran, ma per gli europei non è così, e pagheranno un prezzo elevato. Ammonta a 30 miliardi di dollari l’interscambio con l’Iran, e la Francia, Germania e Italia sono soci commerciali di spicco. Inoltre, gli idrocarburi rapresentano il 90% delle esportazioni verso l’Europa, e sicuramente il succoso export europeo svanirà nel nulla. E’ impensabile che gli iraniani si lascino metter sotto embargo economico senza applicare contromisure della stessa indole.
I divieti alle piccole imprese fornitrici di parti tecnologiche per le raffinerie e tuberie difficilmente riusciranno a privare l’Iran della benzina, che continuerà ad affluire dall’India, con cui è in piedi il progetto di un gasdotto e contratti per forniture ventennali. Tra un mese gli europei cominceranno a chiudere anche i porti, aeroporti e banche. Molti pensano che la Cinaapprofitterà -senza colpo ferire- della ghiotta occasione per rimpiazzare la concorrenza “occidentale”.
La dislocazione dei mezzi aereo-navali sul teatro d’operazione iraniano si è accelerata, in quella che si preannuncia come una missione di lunga durata per isolarne ermeticamente le coste ed i porti. Con un obiettivo: mettere in ginocchio l’avversario con un mega-embargo economico. Questa versione modernizzata della coloniale “politica delle cannoniere” è abbinata anche alla necessità di mantenere aperti e transitabili lo stretto di Ormuz e l’area del golfo Persico. Garantire il vitale transito delle petroliere dirette nei porti del sud degli Stati Uniti. Più del 70% del petrolio passa da lì.
Le portaerei, i sommergibili e gli aerei devono neutralizzare la prevedibile risposta simmetrica di Teheran nell’area marittima, proteggere Israele ed Arabia saudita e rendere possibile il bombardamento delle istallazioni nucleari, molto gettonato da Tel Aviv. Questo sarebbe uno schiaffo agli ayatollah che -in combinazione con la guerra economica- ritengono che provocherà un corto circuito capace di metterli in ginocchio. E’ una costosa e micidiale azione disciplinaria per mettere in riga una scomoda potenza regionale emergente, per nulla funzionale e compatibile con gli USA. E che l’Europa si lascia imporre come nemico, pur essendo un socio commerciale di primo piano, e una fonte energetica alternativa a quella russa.
Come sempre, gli “occidentali” sembrano sottovalutare un avversario che dispone di una forza armata di un milione di uomini, oltre ai Guardiani della Rivoluzione. Collaudata in una guerra decennale vittoriosa contro un nemico armato con la migliore tecnologia bellica fornita da Washington e vari Paesi europei. Il loro pupillo si chiamava Saddam Hussein.
Il falò che sta per accendersi non sarà circoscritto alle frontiere iraniane, può invischiare militarmente l'intera regione, e il suo riverbero economico negativo -a parte le fabbriche d'armi- si sentirà su scala globale, soprattutto in Europa.
di Tito Pulsinelli
Fonte: Selvas.org

1 commento:

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori