venerdì 4 giugno 2010

Netanyau, la Nato, l’embargo di Gaza e la crisi con Ankara

Il Consiglio dei diritti umani dell’ONU ha approvato –con l’opposizione degli Stati Uniti, Italia e Olanda- che venga svolta un’inchiesta internazionale sull’assalto della Marina militare israeliana alla Flottiglia della Libertà (1).
Il terzetto dissenziente, invece, deplora il crimine, non censura l’esecutore materiale e sostiene che Israele può benissimo auto-indagare per un delitto eseguito ai danni di un'imbarcazione civile in acque internazionali; e per i civili fulminati dai commandos speciali.
L’effetto inmediato del terrorismo di Stato ordinato da Netanyau e Barack –all’insaputa di tutti gli altri ministri- è stata la riapertura a tempo indefinito del valico di Rafah ordinata dall’Egitto, e la dura presa di posizione della Turchia: “Se non ci volete come amici saremo dei nemici implacabili”. Ha sospeso le esercitazioni militari in programma, interrotto tutti gli accordi con Israele relativi al settore idrico e quello eneregetico.Nell’opinione pubblica israeliana c’è smarrimento, nessun applauso per il governo e la fine della fiducia cieca nelle forze armate (già battute da Hezbollah in Libano). Prende corpo la sindrome di Gaza=Vietnam sionista.
L’intransigenza di Israele, la contrapposizione frontale a tutto e tutti, si sta trasformando in una ingombrante palla al piede per i suoi amici storici. «Israele si sta progressivamente trasformando da risorsa, in peso ingombrante per gli Stati Uniti» dice il capo del Mossad. Per gli Stati Uniti e i vassalli europei, il prezzo del fiancheggiamento ad oltranza e dell’omertà 100%, si fa sempre più alto. Nel futuro molto prossimo c’è in vista il distanziamento definitivo con la Turchia e l’incrinamento della NATO, di cui Ankara è una parte non certo secondaria.
Washington e Bruxelles possono chiudere gli occhi se Israele fa delle risoluzioni dell’ONU un rotolo di carta per i gabinetti ministeriali, ma non possono certo mettere a repentaglio la consistenza del loro braccio armato. Di fatto, la NATO ha ordinato la liberazione inmediata di tutti i 680 prigionieri e la riconsegna delle imbarcazioni: Netanyau ha docilmente eseguito.
La Turchia recupera sovranità ed autonomia geopolitica nel teatro d’operazione Mediorientale, si riavvicina e collabora con la Siria, l’Iran e il Libano, e spiazza definitivamente l’Egitto ridotto a zerbino degli "occidentali".
USA ed EuroNATO devono ora fare i conti con questo nuovo equilibrio, e non sono più in grado di tracciare a loro piacimento la geografia politica di questa parte del mondo. La Turchia è il nuovo attore di peso entrato sulla scena regionale ed araba. E non solo.
L’accordo siglato con l’Iran dal Brasile e dalla Turchiasull’energia nucleare conferma l’accresciuto ruolo delle medie potenze nel nuovo contesto della multipolarità, e la loro capacità di sottrarre spazi strategici agli “occcidentali”. Sono molto di più di bastoni tra le ruote. Gli atlantisti hanno una gran voglia di menar le mani e soffiano su tutti i possibili fuochi planetari (Corea, Iran) come fuga in avanti –o per occultare- la crisi paralizzante che li accomuna.
L’arrembaggio piratesco contro la Flottiglia della Libertà ha un costo alto per gli esecutori materiali e per i loro sponsorstranieri. E’ ormai impossibile regolare la materia nucleare ed applicare sanzioni all’Iran senza che Israele firmi il Trattato di non-proliferazione nucleare. Senza che si sottometta ai relativi controlli dei suoi arsenali atomici.
E’ sempre più oneroso continuare a sostenere l’embargo di Gaza senza correre il rischio che la crisi con Ankara ripercuota sulla NATO. Si avvicina il momento in cui è più ragionevole condizionare Israele piuttosto che fiancheggiarla sistematicamente: sta diventatando “un peso ingombrante”. Soprattutto per i suoi finanziatori.
(1) Assieme all'Italia hanno votato contro gli Stati Uniti e i Paesi Bassi.
Gli astenuti sono stati nove: Belgio, Burkina Faso, Francia, Ungheria, Giappone, Regno Unito, Ucraina, Slovacchia, Corea.
A favore hanno votato Angola, Arabia Saudita, Argentina, Bahrain, Bangladesh, Bolivia, Bosnia-Herzegovina, Brasile, Cile, Cina, Cuba, Djibouti, Egitto, Gabon, Ghana, India, Indonesia, Giordania, Kyrgyzstan, Mauritius, Messico, Nicaragua, Nigeria, Norvegia, Pakistan, Filippine, Qatar, Russia, Senegal, Slovenia, Sud Africa e Uruguay.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori