mercoledì 16 giugno 2010

La Cina scopre gli scioperi

Gli scioperi in Cina, iniziati negli stabilimenti della Honda, si vanno diffondendo e intensificando.
LA MODERNIZZAZIONE È UN PROCESSO COMPLESSO
La stampa cinese ha riferito che nel solo mese di maggio si sono verificati dodici scioperi in varie fabbriche di grandi imprese tra cui, oltre alla Honda, le altre due giapponesi Sharp Electronics e Nikon e la coreana Xingyuche. Alla Pingmian Textile nella provincia di Henan gli addetti hanno scioperato per due settimane, sostenuti da familiari e compagni licenziati; alla Yihua Equipment Engineering nella provincia dello Jangsu continua lo sciopero di 700 addetti iniziato il 21 maggio. Si protesta soprattutto per i bassi salari, duemila yuan circa al mese (meno di 300 dollari), che si riducono drasticamente nei periodi di non lavoro in cui viene percepito solo l’80 per cento del salario base (circa 500-600 yuan). Consultando il China Statistical Yearbook, si rileva come i salari cinesi siano costantemente cresciuti negli ultimi anni (di quasi cinque volte dal 1995 a oggi) e come contemporaneamente siano aumentate le diseguaglianze tra settori produttivi, aree geografiche, tipo di proprietà dell’impresa e in particolare tra lavoratori specializzati e non. Come spesso accade, i più combattivi non sono gli addetti di imprese locali relativamente arretrate, ma i lavoratori di fabbriche tecnologicamente avanzate, con salari medi relativamente migliori e che nutrono tuttavia maggiori aspettative. 
Gli scioperi non riguardano solo gli operai di alcune fabbriche lontane, né solo la società cinese nel suo complesso, ma interessano tutti, anche noi, data l’importanza che ha la Cina, il paese con i più elevati tassi di crescita che sta vivendo uno straordinario processo di modernizzazione, nel mondo contemporaneo. Gli scioperi rappresentano una prima verifica della tesi della modernizzazione come processo complesso e multidimensionale. Non si può, infatti, considerare, come avviene nella grande maggioranza dei racconti e delle analisi, lo sviluppo cinese soltanto dal punto di vista economico (sia pure in tutti i diversi aspetti, industriale, commerciale, finanziario, monetario), prevedendo sorpassi imminenti del Pil cinese su quelli delle economie più sviluppate, fondando le previsioni sulla semplice estrapolazione dei dati presenti e deducendo una inesistente linearità e omogeneità del percorso di sviluppo.
La modernizzazione cinese, come e più di ogni modernizzazione, date le dimensioni del paese, è un processo complesso che investe tutti gli aspetti della società; si svolge tra contraddizioni e conflitti, genera sia grandi opportunità di crescita individuale e collettiva sia grandi diseguaglianze, rimette in discussione rapporti istituzionali e di potere che sembravano consolidati, sfida valori e atteggiamenti culturali, modifica comportamenti.
Gli scioperi come esempio di azione collettiva e i suicidi come forma estrema di protesta individuale sono la spia di disagi diffusi che provocano risposte di grande intensità. Riflettiamo sugli scioperi, partendo dall’analisi economica del mercato del lavoro, ma integrandola: si sostiene che grazie all’enorme esercito industriale di riserva costituito dalle centinaia di milioni di contadini, l’industrializzazione cinese può continuare a ritmi assai elevati e con salari assai bassi, mantenendo quindi (anche grazie all’aiuto della sottovalutazione della moneta cinese nei rapporti di cambio con le altre valute) una elevata competitività delle esportazioni della Cina e una convenienza a delocalizzare in Cina attività produttive per molte imprese di paesi più sviluppati (come la Honda giapponese). Èvero che lo sviluppo cinese è in parte rilevante trainato dalle esportazioni (export-led), che i salari industriali sono incomparabilmente più bassi che nelle nostre società (130 dollari è il salario mensile degli operai della Honda); ma non è vero che la domanda di lavoro sia dovunque inferiore alla offerta. Esistono, infatti, ostacoli sociali (connessi alla struttura della famiglia, alla difficoltà di gestire flussi massicci di immigrazione urbana), resistenze culturali, ritardi burocratici e normativi, che contribuiscono a creare situazioni di carenza di mano d’opera per certi tipi di qualifica e in settori produttivi e aree geografiche particolari. E non va trascurato neppure il fatto che la globalizzazione delle comunicazioni consente ai lavoratori cinesi di fare confronti e di chiedersi perché a parità di prodotto la loro retribuzione debba essere tanto più bassa.

UNA VISIONE DISTORTA
Questi sono i fenomeni alla radice dell’ondata di proteste in atto, che si rivolge per il momento alla dirigenza delle fabbriche (un bersaglio più facile trattandosi di stranieri e per giunta di giapponesi), ma che non può non coinvolgere le rappresentanze sindacali e il Partito comunista cinese che le controlla, e che può anche dar luogo alla formazione di sindacati autonomi secondo una sorta di modello polacco alla Solidarnosc. Èbene evitare al riguardo comparazioni frettolose e ricordare la specificità del contesto in cui avviene la modernizzazione cinese. E tuttavia non va dimenticato che per comprendere le dinamiche e gli esiti di un processo di modernizzazione non bisogna limitarsi a analizzare i processi economici, ma studiare anche la società, la politica, la cultura e la storia con un approccio multidisciplinare.  Èovvio ad esempio che gli effetti delle proteste dipenderanno molto dalle scelte della politica cinese - sia delle elite al potere che dei cittadini che si mobilitano.
L’opinione pubblica dei paesi sviluppati sembra invece guardare alla modernizzazione cinese con un occhio solo: le borse (americana, europea, giapponese) vedono positivamente il dato sul valore quasi raddoppiato delle esportazioni cinesi nel mese scorso come segnale di ripresa mondiale e non vedono le contraddizioni della modernizzazione cinese. Se queste dovessero diventare ingovernabili, le conseguenze sarebbero drammatiche per tutti. 



Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori