domenica 13 giugno 2010

La Brigata Taurinense e l'operazione Bala Murghab



Non c'è tregua per le truppe italiane impegnate sul fronte afgano nord-occidentale.
A fine maggio, terminata l'operazione Subh Bakhair ('Buongiorno', in dari) - dieci giorni di combattimenti, bombardamenti con i mortai e raid aerei condotti dai bombardieri americani B-1 e F-15 - gli alpini italiani della brigata Taurinense si erano attestati sull'altopiano di Bala Mrughab, scavando trincee e costruendo capisaldi con posizioni fortificate. 
La prima settimana di giugno è trascorsa in relativa tranquillità: solo alcune scaramucce e qualche incursione notturna dei talebani nascosti nei campi e nei villaggi a nord del fronte. Fino a martedì scorso, quando i soldati italiani, assieme alle truppe del 207° corpo d'armata dell'esercito afgano, hanno lanciato un attacco contro le postazioni nemiche localizzate nel villaggio di Dari Bom. Dodici ore di furiosi combattimenti proseguiti fino a notte fonda, terminati con la conquista del villaggio. Sul campo di battaglia sono rimasti i cadaveri di ventitré ribelli. Altri sette, feriti, sono stati fatti prigionieri. Poche, pare quattro, le perdite tra le fila delle truppe afgane. Nessuna tra gli italiani.

Le cose vanno molto peggio per le forze alleate sul fronte meridionale, dove negli ultimi giorni i guerriglieri afgani hanno inflitto pesanti perdite alle truppe americane che stanno prendendo posizione nelle campagne attorno a Kandahar in vista della famosa offensiva estiva - il cui inizio, non a caso, è stato rimandato al mese di luglio. Un'operazione, spiegano in questi giorni i comandi Usa e Nato, che sarà molto diversa da quella fallimentare di Marjah, di fatto già tornata sotto controllo talebano. Mentre l'operazione Moshtarak aveva visto una massiccia offensiva militare seguita dall'istallazione di un governo locale, l'operazione Hamkari('Cooperazione', in dari) consisterà, secondo i generali Usa, nella progressiva e capillare occupazione militare del territorio 'nemico' per consentire l'avvio di iniziative civili di ricostruzione e assistenza a favore della popolazione locale. Insomma, niente assalti e bombardamenti contro le roccaforti talebane. ''Non sarà un'operazione cinetica'', ha dichiarato il ministro della Difesa afgano, Abdul Rahim Wardak, usando un gergo militare che indica azioni di combattimento.

Questi piani sembrano dare per scontato che non vi sarà nessuna resistenza, nessuna reazione da parte dei guerriglieri talebani. Pensano forse gli strateghi militari alleati che i ribelli afgani se ne staranno rintanati nei loro nascondigli a fumare oppio mentre migliaia di soldati stranieri e governativi occupano il loro territorio? L'aumento della presenza di truppe produrrà un'escalation di attacchi, imboscate e attentati, sia nei villaggi che nella città di Kandahar. Azioni alle quali le forze Nato dovranno rispondere, se non vorranno essere decimate. La 'cinetica' alla fine sarà inevitabile. 
O sperano forse le truppe d'occupazione di fare in tempo a portare la popolazione dalla loro parte così da poter contare sul loro sostegno contro i talebani? Una prospettiva poco realistica a giudicare dall'accoglienza che la guerriglia sta dando alle prime truppe che affluiscono in zona.
Viene quasi il sospetto che queste anticipazioni (tutte fatte trapelare da fonti anonime sulla stampa americana) siano una tattica per confondere il nemico facendogli credere che non ci sarà un D-day, un grande assalto improvviso, per poi invece attaccarlo di sorpresa così da coglierlo impreparato. Difficile, ma non impossibile.

di Enrico Piovesana

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori