venerdì 18 giugno 2010

Chi prenderà il posto del capitalismo

Ormai Stato e Mercato appaiono due manufatti della Modernità lesionati dall’usura.
Proprio in questi giorni lo si sta constatando nell’Europa che ha smarrito da tempo il grande sogno visionario dell’integrazione sovranazionale; in cui gli Stati membri traccheggiano, tra calcoli di scarso respiro e pigrizie mentali, innanzi alla crisi finanziaria continentale. Intanto il crollo del muro di Wall Street nell’autunno 2008 aveva spazzato via le non disinteressate elucubrazioni sulle capacità autoregolative del Mercato (forse varrebbe la pena ricordare come l’economista ungherese Karl Polanyi concorresse a smascherare tale abbaglio già nel lontano 1944).

Sicché lo spegnersi delle stelle polari di questa fase storica diffonde evidenti fenomeni di smarrimento. E si torna a parlare di “fine del Capitalismo”.
Ci sarebbe da stupirsi? In fondo è destino delle cose umane quello di finire.
Sorte a cui non sembra potersi sottrarre neppure un ordine economico, prima mercantile e poi industriale, vecchio solo di qualche secolo (ci appariva eterno soltanto perché quello era il paesaggio in cui siamo nati e cresciuti).

In effetti, almeno tre sono le dinamiche che – anche in questo caso – usurano i modi vigenti di riproduzione della ricchezza: il raggiungimento dei limiti fisici dell’ecosistema; l’esaurimento degli eserciti di riserva del lavoro sottopagato (ormai si stanno raschiando i fondi del barile nell’Estremo Oriente, con il paradosso del Partito Comunista cinese che svolge un ruolo tra il caporalato e il kapò della residua manodopera proveniente dalle campagne); le contraddizioni culturali tra principi democratici e interessi economici che vanno giungendo al pettine, in questa stagione di finanziarizzazione: “la finanza come segno dell’autunno”, secondo lo storico Fernand Braudel.

Ma ha senso ricercare uscite di sicurezza dall’esaurimento del ciclo storico imboccando la via di un improbabile “ritorno al passato”? Come da qualche parte si vorrebbe fare; magari lucidando quella decorosa argenteria di famiglia chiamata “Socialismo”, ovviamente nella sua versione democratica e gradualista?

Operazione ormai senza fondamento, visto che quanto definiamo Socialismo è progetto strettamente connesso a condizioni che non sono più date. Influenzato in tutte le sue più intime fibre dalle logiche centralistiche della prima industrializzazione. Qualcuno parla di “modello produttivo fordista”. L’epoca in cui la sede del conflitto centrale era la grande fabbrica, che organizzava non solo il lavoro ma anche i lavoratori. In cui la regolazione si indirizzava a pochi macro-aggregati.

Nel bene come nel male tutto questo non c’è più. Al suo posto troviamo la cosiddetta economia delle Reti o – piuttosto – della Conoscenza, che ridisegna lo spazio secondo filiere sovra o sub statuali e l’estrema complessità dei fattori da tenere sotto controllo rende impossibili regolazioni/pianificazioni di tipo centralizzato. Tanto che oggi si ragiona in termini di “governance”: vaste coalizioni di soggetti – in cui sfuma la distinzione tra pubblico e privato – che mettono a disposizione risorse di saperi e capacità operative per strategie condivise.

Una Grande Trasformazione in cui i rapporti di dominio si ripresentano secondo modalità completamente diverse e che non possono essere affrontate con armamentari concettuali del buon tempo antico, pure loro gravemente usurati. Perché qui non è più in ballo la sfida di cogestire un sistema industriale quanto di indirizzare la convivenza verso assetti più democratici e inclusivi: la competizione tra Economico e Politico per imporre la propria primazia decisionale. Tra un Capitalismo arroccato sulla difesa dell’ordine vigente e forme di partecipazione deliberativa nelle scelte che determinano il futuro collettivo. Tra il modello di società impostato sulle priorità dell’interesse individuale e uno che valorizzi quello generale, la produzione di beni pubblici.

Ergo, innovazione politica e valori. Soprattutto per le nuove generazioni. Perché – come diceva Sylos Labini nel 2002 (testo riproposto dalla raccolta di saggi curata da Cosma Orsi per Manifestolibri “Il Capitalismo invecchia?”) – “i giovani hanno un bisogno addirittura biologico di ideali”.

Fermo restando che se ancora non è chiaro dove la transizione ci stia conducendo, c’è spazio di manovra per un approdo laddove sapremo indirizzare le forze endogene del tempo. Operazione possibile solo se l’intelligenza collettiva saprà orientarsi al futuro, senza ripiegamenti sul remake. Come avvenne agli inizi degli anni Settanta, quando fiorivano convegni sul tema “uscire dalla crisi o dal Capitalismo in crisi” e poi ci ritrovammo nella stagione del Turbocapitalismo rampante.

Da qui l’urgenza di battere strade inesplorate, liberandoci delle mitologie su Stato&Mercato. Quanto dalle nostre parti ancora non avviene: in questa discussione pubblica impigliata tra il similcolbertismo di Giulio Tremonti e il Liberismo di sinistra degli economisti all’orecchio del Pd.


di Pierfranco Pellizzetti, il Fatto Quotidiano

Fonte: Micromega

1 commento:

  1. Mi dispiace Pierfranco Pellizzetti, ma anche se usi un linguaggio roboante non hai capito un caz..o.
    Si dice che il comunismo ha fallito. Ma il comunismo può esserci solo dopo che il capitalismo ha svolto il suo compito di sviluppare le forze produttive. Invece in Russia le forze produttive non erano affatto sviluppate ai tempi della rivoluzione. Per questo in Russia e in altri paesi sottosviluppati c'è stato il collettivismo, che non è comunismo. Quando non ci sono sufficienti mezzi di produzione è chiaro che l'uomo è spinto contro l'uomo per sopravvivere e prevale l'egoismo. Il comunismo vero invece ha bisogno di cooperazione e di pace. Per questo alla base della produzione non ci deve essere più la centralizzazione del capitale in poche mani, ma le fabbriche devono appartenere a tutta la gente e la produzione deve essere sotto il controllo dell'intero popolo. In questo modo le fabbriche potranno restare aperte finchè ci sarà bisogno di beni e tutti otterranno i beni a loro necessari. Poi certamente la scala della produzione si ingrandirà perchè oggi abbiamo macchine molto potenti che possono effettuare il ricambio con la natura e la gente potrà avere anche più dello strettamente necessario.

    RispondiElimina

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori