mercoledì 26 maggio 2010

Tagliamo la guerra, non la spesa pubblica



rete controg8
per la globalizzazione dei diritti
Mercoledì 26 maggio dalle 18 alle 19 sui gradini del palazzo ducale di genova, 417° ora in silenzio per la pace.
Il volantino che verrà distribuito.

COSTI MILITARI

La tragica morte dei due soldati italiani in Afghanistan ripropone con forza la questione del ritiro delle nostre truppe da una guerra sanguinosa che miete vittime tra la popolazione civile e tra soldati mandati in una missione sbagliata, inutile e spacciata falsamente come operazione di pace.

Ma la pace - oltre a non mandare più le persone a morire in guerra- ha bisogno di ben altro: E ha bisogno -a maggior ragione in questi tempi di crisi- di disarmo e riduzione delle spese per le armi.

L'Italia ha un bilancio della difesa che supera i 20 miliardi di euro,

Si è imbarcata nella costruzione di inutili portaerei (la Cavour, per quasi 2 miliardi di euro) e di 131 bombardieri F35 per la somma di 16 miliardi di euro: molti più soldi di quanto si spende per una finanziaria in tempi di crisi.

Per non parlare di un mastodontico corpo delle Forze Armate di 180mila persone in cui ufficiali e sottoufficiali sono più numerosi dei volontari di truppa: (cioè i comandanti sono di più dei comandati).

La scorsa finanziaria ha aumentato del 10% il bilancio della difesa degli «investimenti» (cioè le spese per i sistemi d'arma) e nello stesso tempo mancano i soldi per il funzionamento ordinario ma le pensioni di generali e colonnelli sono tra le più pesanti della pubblica amministrazione.

Eppure per la pace e per far fronte alla crisi ci sarebbe da tagliare nelle Forze armate. Passando da 180mila a 120mila soldati, risparmieremmo quasi 4 miliardi di euro. Fermando la produzione degli F35 ne risparmieremmo altri 16. In questo modo si troverebbero 20 miliardi che permetterebbero di far recuperare il fiscal drag ai lavoratori dipendenti, di garantire ammortizzatori sociali a tutti i precari, di dare la 14ma a tutti i pensionati con pensioni inferiori ai mille euro lordi mensili

E con gli oltre 400 milioni che ci costa la missione in Afganistan si potrebbe varare un corposo piano di cooperazione internazionale (che la scorsa finanziaria ha tagliato di oltre il 50%) che permetterebbe un vera azione di ricostruzione (quella civile, non quella armata) verso un paese che ne ha veramente bisogno. E tagliando su servitù militari e manutenzione di basi altrui (quelle Usa) si potrebbero trovare quei 200milioni di euro per garantire agli oltre 40mila giovani che vogliono svolgere un servizio civile di farlo sul serio, E con i 4 sommergibili U-212 che ci apprestiamo a costruire -per 1miliardo e 880milioni di euro- si potrebbero mettere in sicurezza ben 3500 scuole in aree a rischio sismico o che non rispettano la normativa 626.

Si tratta di proposte realistiche e compatibili con il ruolo europeo e internazionale del nostro paese: forse sono incompatibili con gli interessi di quel complesso corporativo e militar-industriale che anche in Italia si è costruito sugli sprechi, i privilegi e - anche tra i militari- sulla corruzione. La riduzione delle spese militari è quindi una via obbligata per la pace - e il ritiro dall'Afganistan è un modo per salvare vite umane e sottrarsi alla logica dell'intervento bellico- e per la costruzione di un pacchetto di misure contro la crisi, alternativo alle ipotesi dominanti.

Tagliamo pure la spesa pubblica: ma quella per la guerra, non quella per il welfare.

Tratto da un articolo di Giulio Marconilmanifesto“ del 19/05/2010
Inviato a Nuovediscussioni da Norma

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori