lunedì 17 maggio 2010

Il Regno Unito sarà il prossimo paese a cadere in crisi profonda?

In questi ultimi mesi c’e stato un grande affanno per cercare di salvare la piccola Grecia. Cosa succecderà quando si dovrà tentare di salvare non un piccolo paese di circa 11 milioni di abitanti come la Grecia, ma un grande paese di sessanta milioni di abitanti e oltre come il Regno Unito o l’Italia?
Tutto sembra indicare che il prossimo paese ad essere colpito da una grave crisi del debito sarà proprio il Regno Unito. Ma sullo sfondo già si intravede la grave crisi che sta per abbattersi sul più grande paese capitalista del mondo, ovvero gli USA. Se per trovare i 110 miliardi necessari a salvare la piccola Grecia si è dovuta muovere praticamente l’intera Europa, cosa succederà quando sarà necessario trovare somme di denaro dell’ordine delle migliaia di miliardi? 

Il Regno Unito sarà il prossimo paese a cadere in crisi profonda. Infatti, il debito pubblico è ormai fuori controllo: per quest’anno è previsto un deficit di oltre il 13% del PIL, duqnue superiore al 12.5% del deficit greco. Nel Regno Unito, ancora nel 2007, il deficit di bilancio era ineriore al 3%; nel 2008 sale al 5%, nel 2009 ad oltre l’11% e per l’anno in corso è previsto un 13% e più. 

Complessivamente in tre anni si è passati da un debito complessivo del 38% al 68% del 2009 e supererà l’80% nel 2010, quindi per il 2012 arriverà al 100%. 

Il problema vero, però, è che i governi inglesi non hanno molto spazio di manovra, in quanto i cittadini del Regno Unito già oggi sono tra i più tartassati al mondo, quindi impensabile poter trovare i soldi per via dell’aumento delle tasse.
Morgan Stanley (1), una delle compagnie autoproclamatesi giudici delllo stato di salute delle economie mondiali, ossia una delle compagnie che dettano legge in materia di rating ha già preannunciato che prima della fine dell’anno molte delle economie che ancora godono della triplice A, andranno incontro ad un ridimensionamento; tra queste la più indicata a subire un declassamento è proprio l’economia inglese. 

Mervyn King, il governatore della Banca d'Inghilterra ha recentemente avvertito che presto dovranno essere messe in atto "misure di austerità", anche più dolorose di quelle adottate per la Grecia. Inoltre, lo stesso King ha avvertito questa è la peggior crisi finanziaria di sempre (2). Il resto del mondo non sta meglio a partire dall’Italia e dal Giappone; ma il colpo di grazia al sistema arriverà dagi Stati Uniti, che stanno per conoscere il piu grande tracollo economico della loro storia. 

Quando la crisi del debito esploderà in tutta la sua violenza in paesi come il Regno Unito, il Giappone, l’Italia e gli Usa, allora si che saremo ad un punto di svolta. Già due anni fa (3) avevamo definito questa crisi, di cui ancora non si conoscevano con esattezza i contorni, come la terza grande crisi del sistema capitalistico, dopo il grande crack dl 1873, che determinò il tracollo dell’Inghilterra, fino ad allora prima potenza mondiale e la crisi del 1929 che sfociò nella secoda guerra mondiale; avevamo definito questa nuova grande crisi, come la crisi che determinerà il tracollo degli USA ed accellererà il tramonto del’occidente. Ogni giorno che passa le nostre previsioni sembrano sempre più azzeccate. 

di Attilio Folliero
Fonte: http://selvasorg.blogspot.com/
Link http://selvasorg.blogspot.com/2010/05/la-crisi-bussa-alla-porta-inglese.html

(1) Fonte: Telegraph, http://www.telegraph.co.uk/finance/economics/6693162/Morgan-Stanley-fears-UK-sovereign-debt-crisis-in-2010.html 
(2) Fonte: Washington’s Blog, http://www.washingtonsblog.com/2010/05/mervyn-king-worlds-worst-financial.html 
(3) Attilio Folliero e Cecilia Laya, Due crisi a confronto: la crisi del 1929 e quella del 2008, http://www.folliero.it/02_articoli_attilio_folliero/2008/2008_11_12_crisi_1929_crisi_odierna.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori