lunedì 31 maggio 2010

Gaza, Freedom Flotilla: prima ignorati dal mondo, poi massacrati e rapiti da Israele

Dopo essersi completamente disinteressati della missione umanitaria diretta a Gaza, fino al momento in cui a massacro compiuto sarebbe stato impossibile ignorare l'accaduto, tutti i rappresentanti politici ed istituzionali italiani ed internazionali stanno prendendo coscienza della tragedia, facendo seguire al proprio "risveglio" qualche messaggio poco convinto d'indignazione, commisto ad ipocrite scene di stupore e costernazione.
Qualcuno, come la Spagna e la Grecia, ostentando maggiori dosi di coraggio, ha perfino avuto l'ardire di convocare l'ambasciatore israeliano per chiarimenti. Altri, come le Nazioni Unite e il ministro Frattini, che con il coraggio hanno assai poca dimestichezza, invocano in queste ore un'inchiesta che chiarisca l'accaduto, dal momento che non é loro chiara la dinamica dei fatti. Le forze speciali israeliane hanno abbordato alcune navi cariche di pacifisti ed aiuti umanitari, sparando addosso ai civili inermi ed ammazzando una ventina di persone, ma in fondo in fondo avranno pure avuto delle buone ragioni per farlo, stanno in tutta evidenza pensando Frattini ed i suoi epigoni in queste ore, dal momento che siffatta violenza non rientra certo nelle corde di un paese pacifico e democratico quale Israele è da sempre.

Insomma le grandi democrazie da esportazione dialogano con gli ambasciatori, s'indignano ed auspicano inchieste, ma fingono d'ignorare il fatto che oltre alla carneficina costata la vita o il ferimento ad una cinquantina di persone, esistono anche altri 600 e più componenti della Flotilla, di cui non si sa notizia, essendo di fatto scomparsi nel nulla.
Oltre 600 persone, fra cui l'amica Angela Lano e altri tre attivisti italiani, sono infatti state deportate insieme alle navi e al loro carico presso il porto israeliano di Ashdod, senza che sia stato reso noto il loro stato di salute ed il loro destino. Il porto è infatti stato dichiarato dalle autorità israeliane zona militare interdetta a tutti, giornalisti compresi.

Israele in parole povere ha secretato ogni cosa, a parte qualche scorcio filmato dell'accaduto ripreso in queste ore dai media.
Non è dato sapere quanti (e chi) realmente siano i morti, quanti (e chi) siano i feriti. Dove ed a quale titolo vengano detenuti i superstiti e quale possa essere il loro destino futuro.
Le famiglie di 700 persone nel frattempo sono costrette a struggersi senza che venga in loro soccorso alcun tipo di supporto e informazione.
Forse oltre a manifestare ipocrita sgomento ed auspicare l'avvio di un'inchiesta che chiarisca l’accaduto, Frattini ed i suoi epigoni farebbero meglio a chiarirsi le proprie idee, iniziando a porre qualche piccola domanda agli "amici" israeliani, riguardo alla sorte dei loro connazionali rapiti dai "pirati" in acque internazionali.
Con comodo naturalmente, dal momento che la politica ha i suoi tempi e comprendiamo come mettere fretta risulti cosa invero assai disdicevole.

di Marco Cedolin
Fonte:  ilcorrosivo

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori