venerdì 30 aprile 2010

LACRIME E SANGUE SOTTO IL PARTENONE

Atene - Licenziamenti a catena, aziende e negozi chiusi, scioperi e manifestazioni, ma soprattutto rabbia e rancore. Perché – questo è il sentire comune - mentre i cittadini devono accettare il piano di austerità, i mercati continuano a speculare. La Grecia è sull’orlo del baratro e i greci devono attenersi alle regole imposte dall’emergenza.
E' un paese che sembra schiacciato da due sentimenti: rabbia e rassegnazione. Una fotografia di Thanassis Stavrakis, un reporter dell'Associated Press che è andato in giro a fotografarli, immortala un signore che passa, a testa china, davanti a una saracinesca abbassata su cui campeggia la scritta malamente scritta a spruzzo: “Io non voglio pagare. Non passeranno”. Si riferisce ai draconiani piani di un governo in seria difficoltà di consenso e che rimandano a uno slogan, caro anche a molti movimenti giovanili italiani e ormai tradotto in molte lingue: “Noi la crisi non la paghiamo!”. Kathimerini, giornale che ha anche un'edizione inglese, ha scelto una satira omerica, con una vignetta (in alto nell'immagine) che raffigura il primo ministro George Papandreou che gira nello spazio in motorino: incontra un alieno e gli chiede la strada per Itaca...

Tra i greci cresce la paura di un naufragio totale e un non celato desiderio di rivolta verso il piano di austerity che le autorità del paese vogliono far trangugiare a forza in un clima dove ogni ora, ogni giorno, ogni momento si preparano mobilitazioni, proteste, sit in in cui si ritrovano vicini anarchici e colletti bianchi, studenti e operai 
Ma a pesare più di tutte è la mancanza di speranza per un destino che non sembra riservare vie d’uscita: i cittadini greci vivono sulla propria pelle gli effetti della crisi dovuta alle irresponsabilità e agli scandali dei governi precedenti, soprattuto quello dei conservatori della “Nea Dimokratia”, al potere per cinque anni, quando a farla da padrona erano le bolle speculative e l'avidità dei banchieri. Gli stessi che hanno ora nel mirino il Portogallo e gli altri paesi del mediterraneo, Italia compresa e senza tener conto che in gioco c’è l’architettura dell’Unione europea. O forse, come si sospetta, é proprio questo il loro vero obiettivo. Nessun greco del resto dubita del fatto che nel suo Paese ci sia stata una corruzione di tipo mafioso, una grande economia sommersa alimentata dall’evasione fiscale, un debito e un settore pubblico cresciuti a dismisura grazie a politiche clientelari. Le famose greek statistics, l’alterazione cioè dei dati statistici economici, erano note ai tecnocrati di Bruxelles fin dagli inizi del 2000. Com’è ormai noto che il governo precedente di Costas Karamanlis era “riuscito”, in poco più di un anno, a far crescere il deficit dal 6% al 13,6% del Pil. Ma di questi scandali gli unici che non hanno colpa sono le classi economicamente più deboli, gli strati sociali medi e bassi, proprio coloro che oggi vengono chiamati a pagare la crisi.
Il programma “lacrime e sangue” annunciato due mesi fa dal governo socialista ha già messo in ginocchio imprenditori e dipendenti pubblici, oltre che i pensionati. E il piano di risanamento di Jorgos Papandreou - congelamento dei salari, tagli delle indennità, riforma fiscale, misure severissime contro gli evasori, tasse su sigarette, alcool e benzina, aumento dell'età pensionabile, non ha dato i frutti attesi. 


di Pavlos Terantzalis
Fonte: Lettera 22








Anche sui giornali del Gruppo Espreso Repubblica

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori