domenica 31 gennaio 2010

Keeping Iran honest




Iran's secret nuclear plant will spark a new round of IAEA inspections and lead to a period of even greater transparency

It was very much a moment of high drama. Barack Obama, fresh from his history-making stint hosting the UN security council, took a break from his duties at the G20 economic summit in Pittsburgh to announce the existence of a secret, undeclared nuclear facility in Iran which was inconsistent with a peaceful nuclear programme, underscoring the president's conclusion that "Iran is breaking rules that all nations must follow".
Obama, backed by Gordon Brown and Nicolas Sarkozy, threatened tough sanctions against Iran if it did not fully comply with its obligations concerning the international monitoring of its nuclear programme, which at the present time is being defined by the US, Britain and France as requiring an immediate suspension of all nuclear-enrichment activity.

The facility in question, said to be located on a secret Iranian military installation outside of the holy city of Qom and capable of housing up to 3,000 centrifuges used to enrich uranium, had been monitored by the intelligence services of the US and other nations for some time. But it wasn't until Monday that the IAEA found out about its existence, based not on any intelligence "scoop" provided by the US, but rather Iran's own voluntary declaration. Iran's actions forced the hand of the US, leading to Obama's hurried press conference Friday morning.
Beware politically motivated hype. While on the surface, Obama's dramatic intervention seemed sound, the devil is always in the details. The "rules" Iran is accused of breaking are not vague, but rather spelled out in clear terms. In accordance with Article 42 of Iran's Safeguards Agreement, and Code 3.1 of the General Part of the Subsidiary Arrangements (also known as the "additional protocol") to that agreement, Iran is obliged to inform the IAEA of any decision to construct a facility which would house operational centrifuges, and to provide preliminary design information about that facility, even if nuclear material had not been introduced. This would initiate a process of complementary access and design verification inspections by the IAEA.
This agreement was signed by Iran in December 2004. However, since the "additional protocol" has not been ratified by the Iranian parliament, and as such is not legally binding, Iran had viewed its implementation as being voluntary, and as such agreed to comply with these new measures as a confidence building measure more so than a mandated obligation.

In March 2007, Iran suspended the implementation of the modified text of Code 3.1 of the Subsidiary Arrangements General Part concerning the early provisions of design information. As such, Iran was reverting back to its legally-binding requirements of the original safeguards agreement, which did not require early declaration of nuclear-capable facilities prior to the introduction of nuclear material.
While this action is understandably vexing for the IAEA and those member states who are desirous of full transparency on the part of Iran, one cannot speak in absolute terms about Iran violating its obligations under the nuclear non-proliferation treaty. So when Obama announced that "Iran is breaking rules that all nations must follow", he is technically and legally wrong.

There are many ways to interpret Iran's decision of March 2007, especially in light of today's revelations. It should be underscored that what the Qom facility Obama is referring to is not a nuclear weapons plant, but simply a nuclear enrichment plant similar to that found at the declared (and inspected) facility in Natanz.
The Qom plant, if current descriptions are accurate, cannot manufacture the basic feed-stock (uranium hexaflouride, or UF6) used in the centrifuge-based enrichment process. It is simply another plant in which the UF6 can be enriched.
Why is this distinction important? Because the IAEA has underscored, again and again, that it has a full accounting of Iran's nuclear material stockpile. There has been no diversion of nuclear material to the Qom plant (since it is under construction). The existence of the alleged enrichment plant at Qom in no way changes the nuclear material balance inside Iran today.
Simply put, Iran is no closer to producing a hypothetical nuclear weapon today than it was prior to Obama's announcement concerning the Qom facility.

One could make the argument that the existence of this new plant provides Iran with a "breakout" capability to produce highly-enriched uranium that could be used in the manufacture of a nuclear bomb at some later date. The size of the Qom facility, alleged to be capable of housing 3,000 centrifuges, is not ideal for large-scale enrichment activity needed to produce the significant quantities of low-enriched uranium Iran would need to power its planned nuclear power reactors. As such, one could claim that its only real purpose is to rapidly cycle low-enriched uranium stocks into highly-enriched uranium usable in a nuclear weapon. The fact that the Qom facility is said to be located on an Iranian military installation only reinforces this type of thinking.

But this interpretation would still require the diversion of significant nuclear material away from the oversight of IAEA inspectors, something that would be almost immediately evident. Any meaningful diversion of nuclear material would be an immediate cause for alarm, and would trigger robust international reaction, most probably inclusive of military action against the totality of Iran's known nuclear infrastructure.
Likewise, the 3,000 centrifuges at the Qom facility, even when starting with 5% enriched uranium stocks, would have to operate for months before being able to produce enough highly enriched uranium for a single nuclear device. Frankly speaking, this does not constitute a viable "breakout" capability.

Iran has, in its declaration of the Qom enrichment facility to the IAEA on 21 September, described it as a "pilot plant". Given that Iran already has a "pilot enrichment plant" in operation at its declared facility in Natanz, this obvious duplication of effort points to either a parallel military-run nuclear enrichment programme intended for more nefarious purposes, or more likely, an attempt on the part of Iran to provide for strategic depth and survivability of its nuclear programme in the face of repeated threats on the part of the US and Israel to bomb its nuclear infrastructure.
Never forget that sports odds makers were laying 2:1 odds that either Israel or the US would bomb Iran's nuclear facilities by March 2007. Since leaving office, former vice-president Dick Cheney has acknowledged that he was pushing heavily for a military attack against Iran during the time of the Bush administration. And the level of rhetoric coming from Israel concerning its plans to launch a pre-emptive military strike against Iran have been alarming.

While Obama may have sent conciliatory signals to Iran concerning the possibility of rapprochement in the aftermath of his election in November 2008, this was not the environment faced by Iran when it made the decision to withdraw from its commitment to declare any new nuclear facility under construction. The need to create a mechanism of economic survival in the face of the real threat of either US or Israeli military action is probably the most likely explanation behind the Qom facility. Iran's declaration of this facility to the IAEA, which predates Obama's announcement by several days, is probably a recognition on the part of Iran that this duplication of effort is no longer representative of sound policy on its part.
In any event, the facility is now out of the shadows, and will soon be subjected to a vast range of IAEA inspections, making any speculation about Iran's nuclear intentions moot. Moreover, Iran, in declaring this facility, has to know that because it has allegedly placed operational centrifuges in the Qom plant (even if no nuclear material has been introduced), there will be a need to provide the IAEA with full access to Iran's centrifuge manufacturing capability, so that a material balance can be acquired for these items as well.

Rather than representing the tip of the iceberg in terms of uncovering a covert nuclear weapons capability, the emergence of the existence of the Qom enrichment facility could very well mark the initiation of a period of even greater transparency on the part of Iran, leading to its full adoption and implementation of the IAEA additional protocol. This, more than anything, should be the desired outcome of the "Qom declaration".
Calls for "crippling" sanctions on Iran by Obama and Brown are certainly not the most productive policy options available to these two world leaders. Both have indicated a desire to strengthen the nuclear non-proliferation treaty. Iran's action, in declaring the existence of the Qom facility, has created a window of opportunity for doing just that, and should be fully exploited within the framework of IAEA negotiations and inspections, and not more bluster and threats form the leaders of the western world.

by Scott Ritter - The Guardian

Link: http://www.guardian.co.uk/commentisfree/cifamerica/2009/sep/25/iran-secret-nuclear-plant-inspections

Iran, uno Stato leale?


La centrale nucleare segreta dell'Iran innescherà un nuovo ciclo di ispezioni dell'AIEA e porterà a un periodo di ancora maggiore trasparenza.
È stato davvero un momento di alta drammaticità. Barack Obama, fresco reduce dal suo cimentarsi a fare la storia nell'ospitare il Consiglio di Sicurezza dell'Onu, si è preso una pausa dalle sue funzioni al vertice economico del G20 a Pittsburgh per annunciare l'esistenza di un impianto nucleare segreto e non notificato in Iran, che non risultava coerente con un programma nucleare a scopi pacifici, sottolineando la conclusione che «l'Iran sta violando le regole che tutti i paesi devono seguire».
Obama, appoggiato da Gordon Brown e Nicolas Sarkozy, ha minacciato dure sanzioni contro l'Iran qualora non si conformasse pienamente ai suoi obblighi riguardanti il controllo internazionale del suo programma nucleare, che al momento attuale sta per essere definito da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia come l'obbligo di sospensione immediata di tutte le attività di arricchimento nucleare.
La struttura in questione, che si rivela sia localizzata presso una installazione militare segreta iraniana fuori dalla città santa di Qom e in grado di ospitare fino a 3mila centrifughe, usate per arricchire l'uranio, è stata per qualche tempo controllata dai servizi di intelligence degli Stati Uniti e altre nazioni. Ma non è stato che lunedi che l'AIEA è venuta a sapere della sua esistenza, basandosi non su un qualsiasi "scoop" d'intelligence fornito dagli USA, ma proprio su una spontanea notificazione da parte dell'Iran. Le azioni dell'Iran hanno forzato la mano degli Stati Uniti, spingendo Obama all'affrettata conferenza stampa di venerdì mattina.
Attenzione alle campagne mediatiche con motivazioni politiche. Mentre in superficie l'intervento drammatico di Obama sembrava sensato, il diavolo si nasconde sempre nei dettagli. Le "regole" che l'Iran è accusato di aver violato non sono vaghe, bensì scandite in termini chiari. Ai sensi dell'articolo 42 dell'accordo di salvaguardia dell'Iran, e del Codice 3.1 della parte generale degli accordi sussidiari (altresì noto come il "protocollo aggiuntivo") di tale accordo, l'Iran ha l'obbligo di informare l'AIEA di qualsiasi decisione volta a costruire un impianto che ospiti centrifughe operative, e di fornire informazioni sul progetto preliminare di tale impianto, anche se il materiale nucleare non fosse stato introdotto. Questo avvierebbe un processo di accesso complementare e di ispezioni di verifica della progettazione da parte dell'AIEA.
Questo accordo è stato firmato dall'Iran nel dicembre del 2004. Tuttavia, poiché il "protocollo aggiuntivo" non è stato ratificato dal parlamento iraniano, e come tale non è giuridicamente vincolante, l'Iran ha interpretato la sua attuazione come su base volontaria, e pertanto ha accettato di rispettare queste nuove misure, più come misura di rafforzamento della fiducia che in qualità di un obbligo inderogabile.
Nel marzo del 2007, l'Iran ha sospeso l'applicazione del testo modificato del codice 3.1 della Parte generale degli accordi sussidiari riguardanti la rapida fornitura delle informazioni sui progetti. In questa maniera, l'Iran stava ritornando alle sue condizioni giuridicamente vincolanti dell'accordo di salvaguardia originario, che non richiedevano la dichiarazione iniziale sugli impianti con capacità nucleare prima dell'introduzione di materiale nucleare.
Anche se questa azione risulta comprensibilmente irritante per l'AIEA e per quegli Stati membri che desiderano una piena trasparenza da parte dell'Iran, non si può parlare in termini assoluti di violazioni da parte dell'Iran dei suoi obblighi derivanti dal trattato sulla non-proliferazione nucleare. Così, quando Obama ha annunciato che «l'Iran sta le regolviolando le regole che devono seguire tutte le nazioni», è in errore sia dal punto di vista tecnico sia da quello giuridico.
Ci sono molti modi di interpretare la decisione dell'Iran del marzo 2007, soprattutto alla luce delle rivelazioni di oggi. Occorre sottolineare che l'impianto di Qom cui si riferisce Obama non è un impianto per armi nucleari, ma semplicemente una centrale nucleare di arricchimento simile a quella che si trova nell'impianto notificato (e ispezionato) di Natanz.
L'impianto di Qom, se le descrizioni attuali sono accurate, non può produrre stock-base di alimentazione (esafluoruro di uranio, o UF6) utilizzato nel processo di arricchimento basato sulla centrifuga. Si tratta semplicemente di un altro impianto in cui l'UF6 può essere arricchito.
Perché è importante questa distinzione? Perché l'AIEA ha sottolineato, continuamente, che possiede un resoconto completo delle scorte di materiale nucleare dell'Iran. Non c'è stata alcuna diversione di materiale nucleare per l'impianto di Qom (dal momento che è in fase di costruzione). L'esistenza del presunto impianto di arricchimento di Qom non cambia in alcun modo il bilancio dei materiali nucleari presenti oggi all'interno dell'Iran.
In parole povere, l'Iran non è più vicino a produrre ipotetiche armi nucleari oggi di quanto non lo fosse prima dell'annuncio di Obama sulla struttura di Qom.
Si potrebbe adoperare l'argomento secondo cui l'esistenza di questo nuovo impianto dota l'Iran di una capacità di "autonomo sganciamento" nel produrre uranio altamente arricchito che potrebbe essere utilizzato nella fabbricazione di una bomba nucleare in una qualche fase successiva. La dimensione della struttura di Qom, sospettata di essere in grado di ospitare 3mila centrifughe, non è ideale per attività di arricchimento su larga scala necessarie a produrre quantità significative di uranio bassamente arricchito di cui l'Iran avrebbe bisogno per far funzionare i suoi reattori nucleari in progetto. In tal senso, si potrebbe sostenere che il suo unico vero scopo sia quello di riciclare rapidamente delle scorte di uranio bassamente arricchito in uranio altamente arricchito utilizzabile in un'arma nucleare. Il fatto che si riferisce che l'impianto di Qom sia situato dentro un'installazione militare iraniana non fa che rafforzare questo tipo di pensiero.
Ma questa interpretazione richiederebbe comunque la diversione di notevoli quantità di materiale nucleare fuori dal controllo degli ispettori dell'AIEA, qualcosa che sarebbe quasi immediatamente evidente. Qualsiasi deviazione significativa di materiale nucleare sarebbe una causa immediata di allarme, e ciò provocherebbe un'energica reazione internazionale, che includerebbe molto probabilmente un'azione militare contro la totalità delle infrastrutture nucleari iraniane conosciute.
Allo stesso modo, le 3mila centrifughe dell'impianto di Qom, anche quando iniziassero con il 5% delle scorte di uranio arricchito, dovrebbero operare per mesi prima di essere in grado di produrre abbastanza uranio altamente arricchito per un singolo dispositivo nucleare. In tutta franchezza, questo non costituisce una valida capacità di " autonomo sganciamento".
L'Iran, nella sua notificazione dell'impianto di arricchimento di Qom all'AIEA resa il 21 settembre, lo ha descritto come un "impianto pilota". Dato che l'Iran ha già un "impianto pilota di arricchimento" in funzione presso la struttura notificata di Natanz, questa evidente duplicazione dello sforzo va nella direzione tanto di un programma parallelo di arricchimento nucleare a conduzione militare volto agli scopi più scellerati, quanto, più probabilmente, di un tentativo da parte dell'Iran di fornire profondità strategica e capacità di sopravvivenza al suo programma nucleare, a fronte di ripetute minacce di bombardare le infrastrutture nucleari pronunciate da USA e Israele.
Non dimenticate mai che gli scommettitori sportivi, davano 2:1 probabilità che Israele o gli Stati Uniti avrebbero bombardato gli impianti nucleari dell'Iran entro marzo 2007. Dopo aver lasciato l'incarico, l'ex vice-presidente Dick Cheney ha ammesso che stava spingendo fortemente per un attacco militare contro l'Iran durante il periodo dell'amministrazione Bush. E il livello di retorica proveniente da Israele circa la sua intenzione di lanciare un attacco militare preventivo contro l'Iran è stato allarmante.
Mentre Obama potrebbe aver inviato segnali concilianti verso l'Iran in merito alla possibilità di riavvicinamento a seguito della sua elezione, nel novembre 2008, questo non era l'ambiente fronteggiato dall'Iran, quando aveva preso la decisione di ritirarsi dal suo impegno a notificare ogni nuovo impianto nucleare in costruzione . La necessità di creare un meccanismo di sopravvivenza economica di fronte alla minaccia reale di azione militare sia degli Stati Uniti sia di Israele è probabilmente la spiegazione più probabile che sta dietro la struttura di Qom.
La notificazione dell'Iran di questa struttura all'AIEA, che precede di diversi giorni l'annuncio di Obama, probabilmente è un riconoscimento da parte dell'Iran che questa duplicazione degli sforzi non è più rappresentativa di una politica avveduta da parte sua.
In ogni caso, l'impianto è ora fuori dalle ombre, e presto sarà sottoposto ad una vasta gamma di ispezioni dell'AIEA, rendendo discutibili le speculazioni circa le intenzioni nucleari dell'Iran. Inoltre l'Iran, nel notificare questa struttura, deve sapere che - poiché ha presumibilmente collocato delle centrifughe operative nell'impianto di Qom (anche se non è stato introdotto materiale nucleare) - ci sarà la necessità di fornire all'AIEA il pieno accesso alla capacità di produzione di centrifughe dell'Iran, in modo che un bilancio materiale possa essere acquisito per queste voci allo stesso modo.
Anziché rappresentare la punta di un iceberg in termini di scoperta di una segreta capacità di armi nucleari, l'emergere dell'esistenza dell'impianto di arricchimento di Qom potrebbe benissimo segnare l'avvio di un periodo di maggiore trasparenza da parte dell'Iran, che porti alla sua la piena adozione e attuazione del Protocollo aggiuntivo AIEA. Questo, più di ogni altra cosa, dovrebbe essere il risultato auspicato della "notificazione di Qom".
Gli appelli per sanzioni"paralizzanti" contro l'Iran da parte di Obama e Brown non sono certo le opzioni politiche più produttive a disposizione di questi due leader mondiali. Entrambi hanno espresso il desiderio di rafforzare il trattato di non-proliferazione nucleare.
L'azione dell'Iran, nel dichiarare l'esistenza della struttura di Qom, ha creato una finestra di opportunità per fare proprio questo, e dovrebbe essere sfruttata appieno nel quadro dei negoziati e delle ispezioni dell'AIEA, e non più per le spacconate e le minacce dei leader del mondo occidentale.

di Scott Ritter (*) - The Guardian

(*) Scott Ritter è uno dei massimi esperti mondiali sul controllo di armi nucleari e armi di distruzione di massa. Tra il 1991 (dopo la prima guerra del Golfo) e il 1998 fu a capo degli ispettori dell'Onu in Iraq. Nel 2003 condannò l'invasione statunitense dell'Iraq perché per la sua conoscenza maturata sul campo sosteneva che quel paese non aveva, né poteva avere, armi di distruzione di massa.

Tratto da www.megachip.info

Originale in www.guardian.co.uk

lunedì 25 gennaio 2010

Il metodo Petraeus nel conflitto yemenita


"Un gruppo di nostri giovani ha dato vita a una milizia anti-terrorismo, che avrà il compito di tenere lontani dalle nostre terre tutti i terroristi, i contrabbandieri e le spie". A parlare, ripreso dall'agenzia locale Mareb Press, è un portavoce della tribù degli al-Damashqa, uno dei clan più influenti della zona di Mareb, nello Yemen settentrionale.Un generale influente.
L'iniziativa dei leader locali segue l'attacco mirato dell'aviazione yemenita nella regione di Mareb, con il bombardamento mirato di una fattoria, dove l'intelligence di Sana'a riteneva si rifugiasse Ayer al-Shabwani, ritenuto uno dei comandanti di al-Qaeda nel Paese. Al-Shabwani è rimasto ferito, ma è ancora vivo. I bombardamenti nella regione, però, rendono la vita della popolazione locale molto pericolosa e il numero di vittime civili diventa sempre meno collaterale.
Una dichiarazione importante, ma non imprevista. Almeno per coloro che conoscono il 'metodo Petraeus'. Il generale David H. Petraeus, da ottobre 2008, è il Comandante dell'U.S. Central Command, il direttorio militare dal quale dipendono le scelte strategiche di tutto il teatro medio-orientale, compresa la conduzione delle operazioni militari in Iraq e Afghanistan. Proprio in Iraq, dove è stato comandante in capo delle truppe Usa, ha elaborato una teoria che ha messo in pratica quando ha assunto il comando dell'U.S. Army Combined Arms Center di Fort Leavenworth (Kansas), il centro strategico militare statunitense. Qui lavora al nuovo manuale di attività controinsurrezionali delle Forze Armate Statunitensi (FM 3-24). Il metodo, che gli è valso la stima e l'apprezzamento di ambienti statunitensi notoriamente avversi ai militari, anche grazie alla sua cultura personale, consiste in una teoria semplice: gli interessi della popolazione locale prima di tutto. Se gli iracheni o gli afgani non avranno da lamentarsi, ci aiuteranno. Ancor di più: perché non coinvolgerli direttamente nella lotta agli estremisti? "Prenderemo provvedimenti risolutivi contro chiunque troveremo nelle nostre terre, compresi i miliziani del clan degli al-Obeida o di altre tribù. Invitiamo gli altri clan a fare come noi".

Lavoro sporco in appalto. In Iraq, dopo l'invasione del 2003, erano arrivati guerriglieri da tutto il mondo islamico. Un fenomeno di proporzioni mai viste, forse paragonabile solo all'Afghanistan invaso dall'Armata Rossa sovietica negli anni Ottanta. Elementi pericolosi per le truppe Usa, ma anche non ben visti dalle popolazioni locali. Le operazioni militari Usa finivano spesso per colpire civili innocenti, mentre gli integralisti imponevano alla popolazione locale usi e costumi sentiti come estranei e con la forza. Questo generava una tensione crescente verso le truppe di occupazione, che Petraeus ha deciso di volgere a favore degli Usa. Come? Spingendo, dietro lauti incentivi economici, i clan locali a badare da soli all'ordine nelle strade. Che se la vedessero loro con i 'barbuti'. Questa strategia ha una serie di vantaggi. Nelle operazioni non muoiono soldati Usa, elemento sempre sgradevole da spiegare alla stampa. I locali conoscono molto meglio il territorio, agendo a colpo sicuro di fronte a elementi estranei e non macchiandosi di stragi di civili come accade agli statunitensi. Inoltre la popolazione, senza rastrellamenti e perquisizioni casa per casa, senza check-point, si sente più rispettata ed è meno ostile agli Usa. Una strategia vincente che, in Iraq, ha rovesciato gli esiti di un conflitto che vedeva gli Usa sempre più in difficoltà.

Come in Iraq. Dopo le dichiarazioni odierne del clan al-Damashqa, non ci sono più dubbi sulle motivazioni della visita ufficiale del generale Petraeus in Yemen, il 3 gennaio scorso. Il governo centrale yemenita è sempre più in difficoltà, dovendo fronteggiare i ribelli sciiti al nord, i secessionisti al sud e le infiltrazioni di al-Qaeda nel Paese. Petraeus ha indicato la via, il modello. In Iraq li chiamano Consigli del Risveglio, al-Shawa. Hanno funzionato davvero. Solo che adesso cominciano a rappresentare un problema. Migliaia di uomini, armati e addestrati dagli Usa, dopo aver svolto il lavoro sporco, vogliono un futuro. Il governo iracheno, però, fa orecchie da mercante, anche perché sono quasi tutte milizie sunnite, non troppo amate dal governo di Baghdad. Il 10 novembre 2009, in Iraq, è stato arrestato Mustafa Kamal Shibib, uno dei leader di al-Shawa. L'accusa è di omicidio, ma tutti sapevano cosa facesse Shibib per sconfiggere al-Qaeda. Solo che, quando ha deciso di candidarsi alle prossime elezioni irachene, non andava più bene. La sensazione, adesso, è che lo Yemen abbia un bisogno assoluto di correre ai ripari, senza star troppo a guardare per il sottile. Il metodo Petraeus ha funzionato in Iraq, si proverà a farlo funzionare in Yemen. Per gli eventuali scenari futuri si vedrà, Petraeus non può pensare a tutto.

Fonte: Peacereporter.net

Christian Elia

Oliando gli ingranaggi del capitalismo


"Nel dopoguerra iracheno, usare le forze militari per difendere gli interessi degli U.S.A., non per ricostruire il Paese." The Heritage Foundation

E nel caso non abbiate ancora capito il punto, lo stesso documento dell' Heritage Foundation, datato 25 settembre 2002, prosegue nel sostenere che bisogna " proteggere le infrastutture energetiche irachene contro il sabotaggio interno e gli attacchi stranieri per riportare nuovamente l'Iraq nei mercati globali dell'energia e assicurarsi che gli U.S.A. e tali mercati abbiano accesso alle sue risorse."

Chiunque sostenga il contrario, sia nei media corporativi che nell'informazione di stato, fa propaganda e/o mente. Punto.

Oliando gli ingranaggi del capitalismo

Il momento di svolta, quando il petrolio assume un ruolo centrale, si colloca significativamente agli albori del ventesimo secolo, che si è aperto con il passaggio dal carbone al petrolio nella marina imperiale britannica e in quella tedesca, le più potenti al mondo.

Da questo momento in poi, i destini della Persia e del mondo arabo divennero di centrale importanza per le ambizioni imperiali dell'Occidente, a tal punto che da quel giorno stiamo convivendo (e morendo) con le conseguenze, soprattutto i palestinesi e gli iracheni, per non parlare delle due guerre mondiali, nelle quali il petrolio era centrale per tutte le nazioni in guerra, non solo per i combattimenti, ma anche per ottenere il controllo.

"Pressocchè induscusso,tuttavia, è il fatto che gli obiettivi geopolitici strategici dell' Inghilterra, ben prima del 1914, includevano non soltanto la sconfitta del suo più grande rivale industriale, la Germania, ma anche, attraverso le conquiste di guerra, il consolidamento di un controllo senza pari sulla preziosa risorsa che, a partire dal 1919, si era dimostrata la chiave di volta dello sviluppo dell'economia del futuro: il petrolio." A Century of War, F William Engdahl, p.38.


Il petrolio ha esteso il raggio d'azione della marina consentendo alle navi di attraversare tutto il globo senza bisogno di fare rifornimento, rendendo in questo modo la marina inglese in grado di conquistare il controllo assoluto degli oceani di tutto il mondo e delle rotte commerciali. Uno degli obiettivi della prima guerra mondiale fu impedire alla Germania l'accesso ai giacimenti petroliferi appena scoperti in quello che è attualmente suolo iraniano. Questo significava controllare l'accesso al medioriente, dove il controllo inglese del canale di Suez ("rubato" ai francesi) ha infine determinato il destino del popolo della Palestina e anzi di tutto il medioriente.

Di certo il petrolio è solo una componente, ma senza di esso nient'altro funziona, men che meno un esercito moderno. Rinuncia al petrolio, e rinuncierai anche a tutto ciò che dipende da esso.

"Il 17 febbraio 2007, la Energy Bullettin [n.d.t. associazione no-profit specializzata nell'informazione nel campo emergetico] descrive dettagliatamente il consumo di petrolio per aerei, navi e veicoli di terra di proprietà del Pentagono, il più grande consumatore singolo di petrolio al mondo. Al momento dell'inchiesta, la marina statunitense aveva 285 navi da guerra e navi ausiliarie e circa 4000 aerei operativi. L'esercito degli U.S.A. aveva 28.000 veicoli blindati, 140.000 High Mobility Multipurpose Wheeled Vehicle [n.d.t. veicolo militare da ricognizione dell'esercito statunitense],più di 4000 elicotteri da combattimento, parecchie centinaia di aerei ad ali fisse e 187493 “fleet vehicle”. Fatta eccezione per 80 sottomarini nucleari e per le portaerei, che incrementano l'inquinamento radioattivo, tutti gli altri loro veicoli sono alimentati con il petrolio."


I media ufficiali vogliono farmi credere che chiunque gridi al petrolio ogni volta che salta fuori l'Iraq sia una sorta di matto, come uno rapito dagli alieni, non meno di un cospiratore.

Nel 2003 quando gli U.S.A. e l'Inghilterra invasero l'Iraq, io fui molto colpito dalle varie dichiarazioni dei media ufficiali, secondo cui l'invasione non aveva niente a che fare con il petrolio, mentre coloro che dichiaravano che il petrolio aveva tutto a che fare con essa erano svitati cospiratori, senza dubbio di casa nell' Area 51.

"Le teorie della cospirazione abbondano....Alcuni sostengono che è basata sul petrolio... [questa] teoria [è] del tutto senza senso." The Indipendent, 16 aprile 2003


Al contrario, le compagnie petrolifere non hanno esitato nel farsi avanti riguardo al ruolo centrale del petrolio nell'invasione dell'Iraq, ripetendo le tesi sostenute dagli uomini in giacca e cravatta dell' Heritage Foundation:

"Direi che soprattutto le aziende U.S.A. guardino a che l'Iraq diventi terreno d'affari [dopo la caduta di Saddam]" sostiene uno dei dirigenti delle più grandi compagnie petrolifere al mondo.

"Quello che loro [i neo-conservatori dell'amministrazione Bush] hanno in mente è la privatizzazione e la suddivisione del petrolio iracheno tra le industrie petrolifere statunitensi...Noi assumeremo il controllo dell'Iraq, instaureremo il nostro regime, produrremo petrolio alla massima velocità e diremo all' Arabia Saudita di andare al diavolo." James E. Akins, ex-ambasciatore degli U.S.A. in Arabia Saudita.

"Probabilmente sarà la fine per l'OPEC [n.d.t.:Organization of the Petroleum Exporting Countries]" Shoshana Bryen, direttore dei progetti speciali dello JINSA (Jewish Institute for National Security Affairs), "Dopo la caduta dell'Iraq e la privatizzazione del suo petrolio, intendo."

"Le indistrie americane faranno il colpo grosso con il petrolio iracheno," Ahmed Chalabi [n.d.t.: ministro del petrolio ad interim in Iraq e in seguito primo ministro dal maggio 2005 al maggio 2006] al Washington Post.


In “The Future of a Post-Saddam Iraq: A Blueprint for American Involvement,” una serie di documenti dell'Heritage Foundation, emerge un piano per la provatizzazione del petrolio iracheno e anzi la privatizzazione dell'intera economia.

E' una cospirazione? Dipende da cosa si intende con questa parola. Le definizioni del dizionario sono le seguenti.

1. l'atto del cospirare. 2. un piano dannoso, illegale, pericoloso o clandestino, formulato in segreto da due o più persone. 3. un'unione di persone per uno scopo segreto, illegale o dannoso. 4. [legge] un accordo tra due o più persone per commettere un crimine, una frode o un atto illegittimo. 5. ogni concorso nel portare avanti un'azione; unione nel raggiungere un obiettivo predeterminato.


Direi che tutte insieme siano adatte a descrivere l'invasione in Iraq, dopo tutto Bush e Blair hanno cospirato per ingannare tutto il mondo costruendo prove dell'esistenza delle armi di distruzione di massa (WMD) per invadere illegalmente il Paese. Loro hanno cospirato (insieme ad altri) per distruggere una nazione e rubarne le risorse, ergo: una cospirazione.

Detto questo, c'è chi si spinge molto oltre, sostenendo che esiste una cospirazione globale, risalente almeno a cento anni fa e messa in piedi dalle classi politiche degli U.S.A. e dell' Inghilterra che, assieme a potenti blocchi bancari ed energetici, hanno cercato di controllare il pianeta, le sue risorse,i mercati e il lavoro. Ma è una cospirazione o è soltanto il colonialismo, nell'atto di fare ciò che sa fare meglio: saccheggiare, uccidere e colonizzare? In altre parole, abbiamo bisogno della cospirazione per spiegare gli eventi? E cosa importa se si tratta di una cospirazione che dura addirittura da più di un secolo? Non cambia nulla, siamo comunque di fronte alle stesse forze.

La domanda giusta da fare è: perchè i media corporativi/di stato insistono nell'usare la parola cospirazione per deridere chiunque metta in discussione l'ortodossia dominante? La risposta è ovvia ed immediata: la parola cospirazione è stata utilizzata in modo distorto, non per riferirsi al suo significato indicato nel dizionario, ma piuttosto a chiunque mette in dubbio le spiegazioni fornite dai nostri leader politici sul perchè le cose accadono.

La storia è piena di ogni tipo di cospirazione di stato e/o di corporazioni, dall'incendio del Reichstag alla provocazione del golfo del Tonkino, al rovesciamento di Allende in Chile da parte della CIA e della ITT, alle inesistenti armi di distruzione di massa in Iraq, a partire dalla necessità di disgiungere la parola petrolio dall' Iraq/Iran/Afghanistan solo nell'ipotesi che le persone arrivino alla conclusione giusta riguardo al perchè le cose accadono.

Il linguaggio viene mutilato per servire gli obiettivi della classe corporativa e viene invece aiutato da quei pazzi della vera cospirazione, che vedono tutto come una cospirazione, risalente a volte a secoli e secoli fa, e concernente cabale segrete di un tipo o di un altro. Collegare la sinistra a questa folla serve soltanto a svalorizzare il nostro ragionamento e di certo è questo l'obiettivo.

Non c'è dubbio che la classe criminale internazionale si è unita, in piani e complotti, è in questo consiste il Council on Foreign Relations (CFR), allo stesso modo del Chatham House (Royal Institute of International Affairs),il suo equivalente inglese, ed entrambe le organizzazioni sono state fondate nei primi due decenni del ventesimo secolo, quando venne sancita l'alleanza anglo-sassone. L'appello dei membri del CFR dimostra che i maggiori governi occidentali sono tutti, in concreto, servi del capitale.

Le stesse osservazioni valgono per il gruppo di Bilderberg, composto da "capitani d'industria" di tutto il mondo e dai membri più influenti delle classi politiche dei principali stati capitalisti. Ma questa è una cospirazione? In un certo senso no, dopo tutto, è di certo legittimo per la classe dominatrice progettare ed organizzare, è il motivo per cui Washington DC pullula di fondazioni e di think-tank. A partire dalla fine della seconda guerra mondiale, miliardi di dollari sia delle finanze pubbliche che di quelle private sono stati riversati su queste organizzazioni. Il loro obiettivo? Espandere il libero mercato e fronteggiare ogni opposizione con qualsiasi mezzo, lecito o illecito.

"...gli uomini più potenti al mondo si sono incontrati per la prima volta" in Osterbeek, Olanda [più di cinquanta anni fa]," hanno discusso del futuro del mondo ed hanno deciso di incontrarsi ogni anno in segreto. Si sono autodefiniti come il gruppo di Bildberg, includendo tra i loro soci i più importanti membri di potenti élite, soprattutto dall'America, dal Canada e dall' Europa occidentale, nomi familiari come David Rockefeller, Henry Kissinger, Bill Clinton, Gordon Brown, Angela Merkel, Alan Greenspan, Ben Bernanke, Larry Summers, Tim Geithner, Lloyd Blankfein, George Soros, Donald Rumsfeld, Rupert Murdoch, altri capi di stato, senatori influenti, membri del Congresso e del parlamento, pezzi grossi del Pentagono e della NATO, membri delle famiglie reali europee, importanti figure del mondo dei media e altri invitati, alcuni al livello di Barack Obama e dei suoi funzionari maggiori." The True Story of the Bilderberg Group di Daniel Estulin.


E' chiaro che il capitalismo si è evoluto per parecchie generazioni successive con tutti i tratti della cospirazione, nel senso più generale, e del tipo più sofisticato, che coinvolge un vasto schieramento di adepti, inclusi elementi chiave dei media, del mondo accademico, dell'economia e della politica, sia all'interno del governo che al di fuori. Una "cospirazione" per consolidare il capitalismo come unica forma di società possibile: come potrebbe essere altrimenti? C'è veramente troppo in gioco e a riprova di questo basta soffermarsi su come questa élite economica/governativa/mediatica ha cospirato per sabotare il COP15 [n.d.t.conferenza sul clima di Copenaghen 2009], senza timore delle conseguenze.

Gli uomini in giacca e cravatta, nella famiglia, nell'educazione e nell'economia, con lo stato nel ruolo di mediatore, hanno creato quello che è oggi un network internazionale che mette in contatto le classi dominatrici dei più potenti stati capitalisti, è il motivo per cui hanno un gruppo Bilderberg, è dove i pezzi grossi dell'economia, la classe politica, alcuni media e gli accademici possono incontrarsi e formulare strategie e tattiche, fatto indispensabile in un mondo dove le comunicazioni sono quasi istantanee. Non servono governi che seguano politiche che non combaciano con la linea del "consenso", come accade di tanto in tanto e l'illusione si è spezzata con poco.

In un mondo dove le forze economiche dominanti sono costituite da circa un paio di centinaia di corporazioni, corporazioni che de facto si assicurano che i loro rispettivi governi seguano linee politiche favorevoli per la loro sopravvivenza e per la ricchezza crescente dei loro principali azionisti, la cosa più logica da fare è unirsi su dei punti d'interesse comune. Sarei estremamente sorpreso se un gruppo come quello di Bilderberg non esistesse.

E questi punti sono: l'accesso e/o il controllo/proprietà delle risorse; accesso al lavoro sottopagato; libero movimento dei capitali; ed ultimo, ma non meno importante, neutralizzare ogni opposizione alla legge del capitale, ovunque esse appaiono.

Armato contro di noi, esiste un vasto apparato di controllo e di manipolazione che abbraccia le fondazioni governative, non-governative, il mondo accademico, enti ufficiali o non ufficiali, nazionali o transnazionali, associazioni, ong ed "ong", associazioni di beneficienza e "associazioni di beneficienza", ciascuno di essi ampiamente sovvenzionato dallo stato e/o dalle corporazioni. Chi ha bisogno dell'ordine degli illuminati, quando abbiamo tutto questo apparato contro di noi?

Titolo originale: "Bilderbergs of the World Unite!" Fonte: http://en.fondsk.ru/ Link

lunedì 18 gennaio 2010

Haiti, i primi filmati di un disastro nel disastro


I primissimi filmati (reperibile su Youtube) coi quali si da conto del sisma del 7 grado della scala Richter che ha colpito l'isola di Haiti, già devastata da carestie e guerre (9mila cachi blu la presidiano).  

Dal canale di A. Fiorani

Dalla Cnn

domenica 17 gennaio 2010

Sud Serbia - ''Jug'', la più grande base militare dei Balcani


E' denominata ''Jug'' ed è la più grande base militare della Serbia. E' stata inaugurata lo scorso novembre nella municipalità di Bujanovac. Un complesso enorme e ben attrezzato che servirà per alloggiare ed addestrare l'esercito serbo. Critici i rappresentanti della comunità locale albanese.
Dopo oltre sei anni dall’inizio dei lavori alla fine di novembre 2009 è stata inaugurata nel comune di Bujanovac - sud Serbia - la più grande base militare dei Balcani. Alla cerimonia erano presenti il ministro della Difesa Dragan Šutanovac, l'intero stato maggiore serbo, il presidente Boris Tadić e il premier Mirko Cvetković.

L’apertura della “Bondsteel serba” (il riferimento va alla nota base americana in Kosovo) al sud della Serbia, in una municipalità a maggioranza albanese, ha suscitato opinioni controverse e contrastanti. Per i rappresentanti del potere di Belgrado, così come per i cittadini della Serbia meridionale, la base “Jug” è una garanzia di stabilità e di mantenimento della pace, mentre per i rappresentanti della comunità albanese non è che una minaccia e un segnale di militarizzazione della regione.

Da tempo in Serbia si parlava della base militare “Jug”. Benché inaugurata solo ora ha una lunga storia. Per la prima volta fu nominata dopo il conflitto a bassa intensità nell'area tra serbi e albanesi nel 2001, i lavori per costruirla iniziarono poi nel 2003 ma a causa di circostanze politiche e mancanza di fondi proseguirono a rilento per poi accelerare solo quando il ministero della Difesa è finito sotto la guida di Dragan Šutanovac, ministro delle fila della maggiore forza politica serba, il Partito democratico (Ds), e da quando la polizia ha definitivamente rinunciato alla zona di Cepotina per costruirvi una propria base.

Il ministro della Difesa tra le sue priorità aveva incluso anche la conclusione dei lavori della base di Bujanovac, dichiarando per tutto il tempo che questa base ha come obiettivo l’aumento della sicurezza di tutti i cittadini della regione del sud della Serbia, di preparare operazioni di pace e garantire l’alloggio al nuovo esercito di professionisti.

Non se ne è mai parlato ma è sempre stato evidente che nella nuova base militare avrebbero trovato posto le unità militari che da anni ormai stazionano al sud della Serbia e che sino al completamento della base erano dislocate in vari edifici, non di rado in scuole o fabbriche abbandonate.

Di demilitarizzazione della regione, ossia del ritiro dell’esercito dall'area, come richiesto da anni dai partiti politici albanesi del sud della Serbia, non se ne parla proprio. La base “Jug” ha ottenuto lo status di base più moderna della regione con il suo, per usare un lessico militare, ideale posizionamento e punto di osservazione che “mira” proprio a Kosovo e Macedonia.

La Bondsteel serba è costata sino ad ora 18 milioni di euro e sono state concluse due delle tre fasi d'edificazione previste. Si estende su una superficie di 35 ettari di terreno, con 66 edifici e alloggi, e può ospitare circa 1.000 soldati. Si ratta della costruzione più moderna a disposizione dell’esercito serbo, destinata ad ospitare soldati professionisti, in particolare per l’addestramento alle missioni di pace. La base dispone di campi sportivi, mense, presidi medici, stazione di rifornimento interna, officina per riparazione dei veicoli. L’esterno è circondato da un muro di cinta alto tre metri con filo spinato e moderne attrezzature di sicurezza.

Nel giorno dell’inaugurazione il sole era caldo come se fosse solo l’inizio dell’autunno, dalle colline si vedevano Kosovo e Macedonia, molte le uniformi, i soldati abbronzati dalle marce di esercitazione, tutti in riga pronti per la cerimonia d'inaugurazione.

Dopo le note dell’inno e l’alza bandiera, il presidente della serbia Boris Tadić si è rivolto ai presenti con le seguenti parole: “Tutti i cittadini della Serbia che desiderano la pace e la stabilità nella regione e migliori rapporti interetnici dovrebbero essere soddisfatti della base ‘Jug’. Tutti quelli, invece, che non desiderano la pace e tutti quelli che hanno a che fare con la criminalità organizzata di certo non saranno soddisfatti”. Parole che non possono non essere lette come risposta alle lamentele dei leader locali albanesi secondo i quali l’inaugurazione della base è una vera e propria provocazione. Tadić ha aggiunto poi che “la base militare deve essere uno standard per tutte le caserme dell’esercito della Serbia, perché essa sarà un potenziale di sviluppo per la regione e sarà impiegata per l’addestramento dei membri di altri eserciti per le operazioni di pace. Le strutture mediche militari sono a disposizione dei cittadini locali e noi desideriamo sviluppare una collaborazione tra civili e militari”.

Il ministro Šutanovac ha dichiarato che la base Jug rappresenta un'opportunità di sviluppo per il sud della Serbia ed ha aggiunto che nei prossimi anni circa 1.000 persone vi otterranno un posto di lavoro, mentre la popolazione locale avrà la possibilità di usufruire dei più moderni servizi medici senza doversi più recare a Vranje.

Ma per i rappresentanti della comunità albanese l’intera questione non è per niente idilliaca. Il presidente del Partito per l’azione democratica e deputato al parlamento Riza Halimi afferma che l’apertura della base è un chiaro segnale di militarizzazione della regione. “Ovviamente, non contestiamo il diritto dello Stato di decidere dove verrà collocata una base militare, ma tengo a sottolineare che il nostro partito è sempre stato contrario alla costruzione di questa base nel comune di Bujanovac”. Per Halimi è particolarmente discutibile il fatto che la nuova base ospiterà soprattutto le unità antiterrorismo. “Questi sono luoghi di mescolanza etnica, il conflitto del 2001 non è ancora stato dimenticato del tutto e non sono sicuro che Bujanovac sia proprio il luogo ideale per una base di questo tipo”, afferma Halimi e aggiunge “sarebbe molto meglio se lo Stato fosse un po’ più presente al sud della Serbia, ma in senso economico”. I sindaci dei comuni di Bujanovac e Preševo, Shaip Kamberi e Ragmi Mustafa, non solo non hanno risposto all’invito per l’inaugurazione ma hanno anche dichiarato che “Jug” non contribuirà di certo agli sforzi di stabilizzazione nell'area.

Gli analisti di questioni militari credono però che la Serbia abbia fatto bene ad aprire la base. Per Zoran Dragišić, della Facoltà per la difesa, si tratta di uno dei passi cruciali per la riforma del sistema di difesa. L'analista e ufficiale in pensione Ninoslav Krstić ritiene che la base militare sia strategicamente importante per il corridoio 10 che è al contempo un centro nevralgico della criminalità organizzata. Un altro analista militare, Aleksandar Radić, afferma che la Serbia aveva bisogno di una base del genere. “Se siamo militarmente neutrali, ciò significa che dobbiamo avere un forte potenziale militare, perché i paesi che fanno parte della Nato possono basarsi anche sulle forze degli altri membri per venire in loro difesa, o trasferire compiti ad altri paesi, mentre un paese neutrale deve fare i conti solo sulle sue forze interne”, sottolinea Radić in un editoriale per il quotidiano Politika.

Nei prossimi anni sarà più chiaro il ruolo effettivo della base militare “Jug”. In particolare servirà valutare se avverrà o meno il tanto decantato processo di professionalizzazione e di riforma in seno all’esercito serbo.


di Danijela Nenadić

I pulmini targati Gelmini


Non c'è bisogno di scomodare Don Milani ( che sarà già abbastanza arrabbiato di suo) per dimostrare che studenti e studentesse in situazione economica disagiata e di madrelingua diversa dall'italiano hanno minore successo scolastico rispetto ai vari "Pierino del dottore", il tipico studente modello.
E cosa si è pensata la nostra Gelmini? Rispolverare il "tetto" massimo del 30% di alunni stranieri nelle classi italiane. E quelli eccedenti dove li mettiamo?
Nessun problema, risponde la ministra. Li mettiamo su dei bei pulmini e li trasportiamo in un'altra scuola, che problema c'è? Proviamo a guardare il problema da un'altra angolazione. Perchè non mettiamo sul pulmini i bambini biondi con gli occhi azzurri e li trasportiamo nelle scuole dove gli immigrati sono troppi, fino ad arrivare alla diluizione desiderata? Ma è ovvio: perchè i bambini (bianchi) sono ormai affezionati alle insegnanti ed ai compagni! Perchè frequentare la scuola del quartiere favorisce le amicizie al di fuori della scuola (tra binachi)! Perchè i bambini ( bianchi) la vivrebbero come un'odiosa discriminazione! Perchè è sancito da tempo (per i bianchi) il diritto di frequentare la scuola che desiderano! Perchè ( per i bianchi) aumentare il tempo del trasporto casa/scuola è disagevole e punitivo! Ci vadano i bambini immigrati sul pulmino! Per il loro bene, è ovvio!
Qualunque persona di buon senso può indicare soluzioni migliori: maggiori risorse per le scuole ( tutte, ma con precedenza a quelle situate nelle zone più disagiate); diminuzione del numero degli alunni per classe (tutte, ma con precedenza a quelle situate nelle zone più disagiate); corsi integrativi (veri, per tutti e tutte; altro che prove INVALSI per individuare e premiare le scuole "migliori").
Gli unici che possono apprezzare i pulmini targati Gelmini sono quelli che si preparano a prenderli a sassate. Fantasia? Allarmisno? Chissà....

di Norma Bertullacelli - insegnante di scuola primaria

sabato 16 gennaio 2010

Ad un anno esatto dalla fine dei bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza, GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING: TO SHOOT AN ELEPHANT


dove CHIAMAMILANO

giorno LUNEDì 18 GENNAIO

ore 18.00


Ad un anno esatto dalla fine dei bombardamenti israeliani contro la Striscia di Gaza,

GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING

(www.toshootanelephant.com):

TO
SHOOT
AN
ELEPHANT


Largo Corsia dei Servi 11
Tel 02 76398628


http://www.chiamamilano.it/cgi-bin/testo2.pl?pmid=21&pos=4

negozio@chiamamilano.it


Contenuti


GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING


INFORMAZIONI DI BASE

  1. SINOSSI

  2. IL CONTESTO

  3. AUTORI

  4. UNO SFORZO DI COLLABORAZIONE


GLOBAL SCREENING, GLOBAL SCREAMING

Il 18 gennaio 2010 è il primo anniversario della fine dei bombardamenti da parte di Israele della Striscia di Gaza, un attacco che ha avuto inizio il 27 dicembre 2008, ed è durato fino al 18 gennaio 2009, e in cui 1.412 palestinesi hanno perso la vita. Il documentario “To Shoot An Elephant” (TSAE) è testimone oculare dall'interno della Striscia di Gaza di quanto è avvenuto in quei giorni. Questo racconto diretto e privilegiato diventa uno strumento con cui possiamo affrontare la propaganda israeliana su ciò che realmente è successo lì e il silenzio della comunità internazionale. Per il suo valore come testimonianza della popolazione civile, TSAE è diventato un resoconto legittimo che racconta ciò che è realmente accaduto lì.


Se il battito delicato di ali di una farfalla può produrre un uragano, allora questi sussurri audiovisivi potranno scuotere le persone attorno a noi e aiutare a minare le fondamenta del muro israeliano. Questo ci aspettiamo da questa proiezione globale per noi e per quelli che vi parteciperanno. Maggiore sarà il numero dei partecipanti, maggiore sarà la possibilità che il nostro urlo collettivo penetri lo spesso silenzio che copre le notti infinite di Gaza.

Il desiderio del team TSAE è che sia un evento mondiale, non solo in Rete, ma anche a livello locale, per farlo diventare una realtà nella forma di comunicazione antagonista, e una vittoria oltre il silenzio internazionale esistente. E trasformarsi così in un elemento fondamentale delle reti e della diffusione delle idee.
La proposta di questa proiezione globale è un evento politico che commemora il bombardamento dell'anno scorso, ma è anche un invito ad usare il materiale audiovisivo quale strumento per la condivisione delle informazioni.



Informazioni di base


1. Sinossi


"... dopo, naturalmente, ci sono state infinite discussioni circa l'uccisione dell'elefante. Il proprietario era furioso, ma era solo un indiano e non poteva fare niente. Inoltre, sul piano giuridico avevo fatto la cosa giusta, un elefante pazzo deve essere ucciso come un cane pazzo, se il proprietario non riesce a controllarlo ".

George Orwell ha posto i termini per descrivere l'Asia, che resta ancora valida. "To Shoot An Elephant" è testimone oculare dalla Striscia di Gaza. Operazione 27 dicembre 2008, "Piombo fuso. 21 giorni di tiro all'elefante. Urgenti, insonni, sporche, impressionanti, immagini dagli unici stranieri che hanno deciso e sono riusciti a rimanere nella striscia di Gaza, all'interno delle ambulanze, con i civili palestinesi.

George Orwell: "Shooting un elefante" è stato originariamente pubblicato in New Writing nel 1948.


2. Il contesto


la striscia di Gaza è sotto assedio dal giugno 2007, quando Israele l'ha dichiarata “ente nemico”.
Un gruppo di attivisti internazionali, ha organizzato un movimento per rompere l'assedio, il Free Gaza Movement. Grazie ai loro sforzi, e nonostante il divieto israeliano per corrispondenti stranieri e operatori umanitari ad operare e testimoniare il funzionamento di "Piombo fuso" a terra, un gruppo di volontari internazionali: membri autorganizzati dell'International Solidarity Movement erano presenti a Gaza quando il bombardamento è iniziato il 27 dicembre 2009. Insieme a due corrispondenti internazionali da Al Jazeera International (Ayman Mohyeldin e Sherine Tadros), sono gli unici stranieri che sono riusciti a scrivere, riprendere e denunciare per parecchie stazioni radio quello che stava accadendo all'interno della Striscia palestinese assediata.

Erano giornalisti? Erano attivisti? Che importa! Sono diventati testimoni. Essere giornalista o chiunque altro dipende da come ti senti. Si tratta di una responsabilità etica che si riesce a condividere con un pubblico più vasto di quello che è intorno a te in quel momento. Sarà il risultato del tuo lavoro che ti porterà ad una carriera professionale come giornalista o meno, piuttosto che presupposizioni o etichette. Far sì che loro sappiano. Che quelli che tu vuoi: ascoltino e siano consapevoli di ciò tu sai. Questo è essere giornalisti. Avere un pass, con scritto su “press”, o ricevere un regolare stipendio, non vuol dire necessariamente essere un testimone con una macchina fotografica o una penna. Scordatevi la neutralità. Scordatevi l'obiettività. Noi non siamo i palestinesi. Noi non siamo israeliani. Noi non siamo imparziali. Cerchiamo solo di essere onesti e riferire ciò che vediamo e ciò che sappiamo. Io sono un giornalista. Se qualcuno ascolta, io sono un giornalista. Nel caso di Gaza, nessun "giornalista ufficiale" è stato autorizzato a entrare nella striscia (oltre a quelli che erano già dentro), così siamo diventati testimoni. Con tutta una serie di responsabilità in merito a ciò.

Ho sempre inteso il giornalismo come "una mano che accende la luce all'interno di una camera buia". Un giornalista è una persona curiosa, un indagatore scomodo, una fotocamera ribelle e una penna che fa sentire a disagio chi è al potere. E questo è il concetto del mio lavoro a Gaza: adempiere ad un dovere verso il conflitto più narrato sulla terra, dove la storia dell'assedio e della punizione collettiva imposti da Israele a tutta la popolazione del territorio per rappresaglia contro i razzi lanciati da Hamas non sarà mai narrata con precisione sufficiente. Per questo doveva essere vissuta. Mi sono nascosto all'interno di Gaza, nonostante i tentativi di Israele di impedirci di entrare, e sono stato "gentilmente" invitato a uscire da chi è al potere a Gaza. Questa è la mia idea di giornalismo.
Ogni governo sulla terra deve sentirsi nervoso se qualcuno va in giro con una macchina fotografica o una penna pronto a pubblicare ciò che lui o lei riesce a capire. Per il bene dell'informazione, uno dei pilastri principali della democrazia.

Questo è un film embedded. Abbiamo deciso di essere "embedded all'interno del ambulanze" aprendo un dialogo immaginario con quei giornalisti che sono “embedded” all'interno degli eserciti. Ognuno è libero di scegliere la parte da cui vuole testimoniare. Ma le decisioni spesso non sono imparziali. Abbiamo deciso che i civili che lavorano per il salvataggio dei feriti ci avrebbero dato una prospettiva molto più onesta della situazione di quelli il cui lavoro è colpire, ferire e uccidere. Noi preferiamo i medici, piuttosto che i soldati. Noi preferiamo il coraggio di quei soccorritori disarmati rispetto a quello di chi (con esperienze anch'esse interessanti, ma moralmente ripugnanti) si è arruolato per uccidere. Si tratta di una questione di messa a fuoco. Non mi interessano le paure, i traumi e le contraddizioni di coloro che hanno una scelta: la scelta di rimanere a casa e dire no alla guerra.


3. Autori


Registi: Alberto Arce / Mohammad Rujailah

Testi : Alberto Arce / Miquel Martí Freixas

Montaggio: Alberto Arce / Miquel Martí Freixas

Suono: Francesc Gosalves

Posproduzione: Jorge Fernández Mayoral

Co-produzione/distribuzione: Eguzki Bideoak.

Traduzione: Mohammad Rujailah / Alberto Arce

Design Team: Mr. Brown e Mabrilan

Durata: 112 '



4. Uno sforzo di collaborazione


Questo film non sarebbe mai stato possibile senza la dedizione e l'impegno diMaometto Rujailah, "Il Montatore". Un abitante di Gaza che ha deciso di trascorrere quelle settimane con noi. Per la maggior parte del tempo è stato le mie orecchie, i miei occhi, la mia bocca. La maggior parte dei giornalisti stranieri, che non parla arabo conta su una figura "nascosta" che normalmente è cancellata alla fine del lavoro. Voglio riconoscere la sua collaborazione. Affermare che gli stranieri hanno bisogno dei residenti. E questi devono essere accreditati per il loro lavoro. L'orientalismo è sempre presente nell'approccio degli stranieri al Medio Oriente, è lì che le prospettive locali sono necessarie per superare gli stereotipi e costruire una narrazione onesta della complessa realtà che ci troviamo di fronte.

Questo film non sarebbe mai stato possibile senza la fiducia, il calore e la collaborazione della Mezzaluna Rossa palestinese e degli equipaggi delle ambulanze dell'Health Worker Committee . I soccorritori, come Marwan, Hassan, Jamal e molti altri che erano lì, rispondevano alle chiamate e facevano giorno e notte pazze gare tra bombe e cecchini, sapendo di essere gli obiettivi per gli israeliani. Molti dei loro amici, come Arafa Abdel Daim, sono stati uccisi. Li hanno sparati. I loro mezzi sono stati distrutti. Ma non hanno mai rinunciato. Sono coraggiosi. Coraggiosi senza armi. Uno dei principali obiettivi di "To Shoot An Elephant" è sostenere i Diritti Umani Internazionali, mostrando come squadre di medici e ospedali siano stati direttamente presi di mira mentre svolgevano il loro compito.

A Gaza, abbiamo fatto squadra. Insieme alla gente del posto, Vittorio Arrigoni, Eva Bartlett, Ewa Jasiewicz, Leila, George, Natalie, Jenny uniti a formare un gruppo. Ora vi mostrerò come alcune delle loro intenzioni e del lavoro in quei giorni, non sarebbe stato possibile senza di loro, e neanche senza la forza che ho ricevuto dalle telefonate di un certo numero di attivisti in tutto il mondo che hanno solo telefonato per dire che c'erano, che non eravamo soli. Devono essere ringraziati in modo corretto. Anche se non lo sanno e non riesco a ringraziarli personalmente, loro mi ha moralmente spinto a non rinunciare.
Haidar Eid ed i suoi colleghi dell'Associazione Docenti dell'Università della Striscia di Gaza con il loro sostegno intellettuale mi hanno aiutato a capire cosa stava succedendo e che cosa doveva essere fatto dopo il massacro cui avevamo assistito, in modo efficace, unendo gli sforzi per la giustizia. Nabil, del Palestinian Medical Relief Society è stata la persona che ci ha mostrato tutto il campo profughi di Jabalya in modo che potessimo capire la grandezza e la perversione implicita nel mantenimento della punizione collettiva che gli abitanti di Gaza stanno soffrendo.

Alcuni funzionari del governo spagnolo mi hanno aiutato ad uscire con tutto il materie grezzo. Era loro dovere, ma lo hanno fatto con la migliore professionalità. Altri non lo avrebbero fatto. Mahmud è stato il nostro autista pazzo.
Con il suo taxi e la sua disponibilità a rischiare, siamo riusciti a raggiungere le case direttamente mirate dalle bombe al fosforo bianco o sono riuscito a filmare il bombardamento del magazzino centrale per l'alimentazione delle Nazioni Unite, quando è scomparso, bruciato con il fosforo. Ahmed era un combattente che ha pagato per avermi aiutato.


Miquel ha avuto fiducia in me e ha creduto nel progetto fin dall'inizio, da quando abbiamo parlato per la prima volta. Eguzki Bideoak ha sostenuto me e tutti i partecipanti e coloro che sono stati coinvolti nell'organizzazione di "Incontri di Fotogiornalismo Città di Gijón", e loro mi hanno aiutato a ritrovare l'entusiasmo che avevo in qualche modo perso.

Sarah e la mia famiglia. Sempre Sarah e la mia famiglia. Sono entrato a Gaza col proposito di fare un film perché qualcuno aveva fiducia in me: questo lo devo alla CI Comunicación. Peccato che i nostri percorsi ci hanno poi portato in direzioni differenti.


mercoledì 13 gennaio 2010

La casta planetaria


«Il Fatto Quotidiano» (FQ) e la politica estera: era evidente che questa sarebbe stata un grande banco di prova per valutare il nuovo giornale di Padellaro e Travaglio, che sapevamo puntualissimo nella sua cronaca giudiziaria (tanti fogli), ma balbettante sugli esteri (una pagina scarsa).

Alla prima grande prova, l’allarme terrorismo in piena epoca Obama, vediamo tutti i limiti del progetto di giornalismo che pure vuol sfidare «la scomparsa dei fatti». Un articolo di Giampiero Gramaglia, “Se Obama diventa come Bush”, pubblicato su FQ il 5 gennaio 2010, ci avverte: «Alzando la minaccia, bin Laden ha ottenuto – chissà se volontariamente – il risultato di rendere il linguaggio di Obama simile a quello di Bush».

Bin Laden? Quello?

Dov’è che Gramaglia ha appreso che Osama bin Laden, proprio lui, in barba e turbante, sta «alzando la minaccia»? Sa cose che noi non sappiamo? Ce le vuole raccontare tutte, per favore?

Il FQ mette insieme il fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit, la strage di agenti CIA sul confine afghano-pakistano, gli allarmi isterici dell’aeroporto di Newark. Pere con mele con albicocche, tutte sommate in un’unica operazione da attribuire a un’entità maligna da film di James Bond: Lui, bin Laden, che non si sa se sia vivo, che non dà prove credibili di sé da anni, se non in video emanati da “ex” agenti segreti israelo-americani, e che viene mostrato come il pontefice dark di un’organizzazione tentacolare con una strategia centralizzata. Cosa che non è.

A rigore, la vicenda del nigeriano dalla mutanda esplosiva solleva ogni giorno più dubbi, per chi voglia guardare i fatti. E passi, per ora.

Ma perché mai inserire in un’unica “minaccia” anche l’uccisione degli agenti CIA e della ex Blackwater nella base Chapman, situata non in USA ma in un territorio bombardato ogni santo giorno dai Predator americani che fanno stragi indiscriminate?

Sicuro sicuro che sia stato bin Laden, Gramaglia?

O non sarà stato magari qualche settore dell’intelligence pakistana, la quale sa bene che la base Chapman è quella che coordina il programma clandestino per i raid dei droni, e che sospetta che gli USA vogliano far implodere il Pakistan?

E infine si cerca bin Laden anche dietro ogni allarme rosso diffuso dalle autorità fino a paralizzare gli aeroporti. Si diceva lo stesso ai tempi dell’allarme antrace, nel 2001, per impaurire tutti. Ma non era il fantasma di al-Qa’ida, neanche allora. Erano ambienti militari, molto, molto occidentali.

C’è continuità con quei tempi, e in questo il FQ ha ragione: “Obama diventa come Bush”. Anzi, spende perfino di più in armamenti, fra un discorso conciliante e una cerimonia per il Nobel.

Sarebbe auspicabile che una parte dell’impegno – pur lodevole - dedicato a scartabellare le ramificazioni societarie e i ricatti incrociati di questo o quel puzzone della Casta italiana, fosse dedicato dal FQ anche alla Casta planetaria. Si scoprirebbero cose interessanti.

Prendiamo per esempio il babbo nababbo di Mutanda Boom, Alhaji Umaru Mutallab, il banchiere nigeriano che nell’economia del racconto dei media più importanti serve a dire che “c’è poco controllo”, che “occorrono misure più restrittive” e che serve anche a convalidare l’esistenza di al-Qa’ida, nella sua variante yemenita, in vista delle prossime iniziative belliche.

Il signor Mutallab non è “un” banchiere nigeriano, ma “il” banchiere della Nigeria, un ex ministro ammanicato con uno dei poteri più corrotti dell’Africa, l’uomo più ricco di un paese chiave della produzione di idrocarburi, nonché uno degli uomini più ricchi del continente africano. Come molte banche in giro per il mondo, anche la sua, non appena ha soffiato il vento della crisi, è stata salvata dai cavalieri verdi, quelli che i dollari ce li avevano e non sapevano come investirli. Ad altre banche sarà toccato il Kuwait o la Cina. Alla nigeriana Jaiz Bank è toccato invece mettersi nelle mani della Banca Islamica di Sviluppo, il braccio finanziario della Organizzazione della Conferenza Islamica, con sede a Gedda, in Arabia Saudita, direttamente influenzato dal potere della monarchia saudita.

Mutallab senior non ha faticato a cercarsi partner così ingombranti, perché in anni precedenti aveva contribuito a mettere il suo paese nelle mani di altre istituzioni finanziarie, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale. Prevedibile l’effetto delle secche ricette finanziarie di Washington su un paese africano complesso. La polizia nel solo 2009 ha ucciso centinaia di persone per controllare i disordini. Ma noi cittadini dell’emisfero Nord avevamo troppe pagine occupate dall’Iran per rendercene conto.

Le stesse ricette finanziarie, applicate in Yemen, hanno qualche effetto sui disordini di quel paese, dove Banca Mondiale, FMI e Banca Islamica di Sviluppo hanno investito nel 2009 svariati miliardi di dollari, ora a rischio.

Sappiamo che Obama è molto sensibile agli interessi delle banche, e quindi qualcosa farà, prima che un cambio di regime sgradito in Yemen minacci definitivamente quegli interessi così intrecciati e trasversali.

Torniamo dunque al banchiere, che di questi interessi ne sa qualcosa. Infatti Mutallab non è stato solo banchiere. È stato anche per anni consigliere di amministrazione e in seguito direttore esecutivo della Defense Industry Corporation of Nigeria (DICON). La DICON è la principale industria a produzione militare nigeriana. Assembla su licenza modelli d’arma israeliani e adotta modelli di gestione privatistica della sicurezza in stile Blackwater, ma sempre con istruttori israeliani, dispiegati nelle aree calde del paese. Si tratta di una partnership spinosa, tanto che qualche parlamentare nigeriano ha paventato forti rischi di sovranità e un ruolo eccessivo del Mossad.

L’operazione Mutallab ha troppe connessioni con una macchina bellica in corsa verso lo Yemen, per starcene a inseguire i deboli nessi con il fantasma di bin Laden. L’operazione sa di terrorismo sintetico, di psicologia di massa montata ad arte, con la complicità delle oligarchie mediatiche e la passività del resto dei media.

Alla luce di questi contatti e di questi interessi, il nuovo allarme terrorismo richiederebbe un’analisi più attenta, senza cedere alla corrente delle notizie che fanno comodo ai governi. Gramaglia è contento del «neo-decisionismo» obamiano. E fiaccamente dice che «la paura sale». La paura costruita ad arte va invece smontata pezzo per pezzo. Se no finiamo in guerra, e senza sapere le cose davvero importanti, come è già accaduto.

di Pino Cabras

Fonte: Megachipdue.info

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori