mercoledì 16 dicembre 2009

In Cina si festeggia una nuove festa esotica il Natale

http://cache.daylife.com/imageserve/0245fSM0JeeWD/610x.jpg
Quando parte un ordine dall'alto, in Cina, si vede. L'ultimo è questo: "Compagni, festeggiate". Problema: nessuno sa perché. Il 25 dicembre, o la notte di San Silvestro, qui non significano nulla. La gente si alza e va a lavorare. I cristiani sono una minoranza, dispersa tra atei e buddhisti. L'anno nuovo, per il calendario cinese, inizierà ai primi di febbraio. Il prossimo sarà quello della tigre: eterna felicità. Ma il 2009, nelle metropoli dell'Impero di Mezzo, sarà ricordato come l'anno record delle spese per il Natale e il Capodanno all'occidentale.

Mao? Meglio Santa Claus. Il messaggio, questa volta, parte del cuore del potere comunista. La nuova potenza del mondo celebra così il compimento del suo successo economico globale e i rivoluzionari, 60 anni dopo, si risvegliano per lo shopping. Doppie feste, doppi regali, doppi consumi. Sono gli unici, nei flutti mondiali della crisi. Fino ad oggi, il Natale capitalista si erano limitati a produrlo da operai e ad esportarlo: addobbi, giocattoli, elettronica, vestiti, a prezzi da fiera. Ma ora tutto è cambiato. Per la prima volta, quest'anno, le spese natalizie interne, in Cina, saranno superiori all'export. Una febbre nazionale. Tale che i giornali, invasi dalla pubblicità di orologi, gioielli e alta moda, osano chiedere discretamente: "Compagni, ma cosa festeggiamo in dicembre?". Un sondaggio ha stabilito che lo sa il 4% della popolazione. Di questo, il 96% ha meno di 24 anni e il 100% naviga in Internet.

Il dibattito su "vergognosa imitazione dell'Occidente" e "nuovo consumismo asiatico disperato" l'hanno chiuso le autorità. In Cina, Natale e Capodanno, d'ora in poi, si chiameranno ufficialmente "Festival del regalo". E si vede. Nell'ultimo week-end, a Pechino, i negozi sono stati presi d'assalto da 9 milioni di persone. Nelle strade sono comparsi 15 mila, giganteschi, abeti elettrici. Dietro il mausoleo di Mao, nelle nuove vie del lusso, davanti ai centri commerciali dei quartieri del business, si aggirano migliaia di confuciani Babbi Natale: distribuiscono doni a bambini stupefatti e vecchi spaventati. Megafoni diffondono "Happy Christmas" anche nel Tempio dei Lama. Le municipalità di Pechino, Shanghai e Shenzen hanno steso 170 chilometri di luminarie. Non ci sono, è chiaro, presepi: ma per il resto, in Cina ormai è più Natale che a Berlino, Roma, o New York. "Siamo il mercato della ricchezza più esplosivo del mondo - esulta Frankie Leung, direttore del Shanghai Consulting Group e le festività occidentali sono l'occasione migliore per dimostrarlo".
Un'indagine statale ha scoperto che 12.900 ristoranti cinesi offriranno quest'anno pranzi natalizi e cenoni con menù "all'europea", con prezzi da 60 a 900 dollari a testa. A impressionare, però, sono gli acquisti. Tra novembre e dicembre, grazie alle "offerte natalizie", in Cina si venderanno oltre 2 milioni di nuove auto. Il cinese medio, colpito da quella che è stata ribattezzata "sindrome del satellite", la notte del 31 dicembre spenderà poco meno del doppio del suo stipendio mensile. I ricercatori di mercato, a Hangzhou, hanno chiesto perché a mille clienti di un grande magazzino. Sette su dieci erano convinti fosse Halloween.Alcuni casi stanno facendo discutere. Il magnate Stanley Ho, per la cena di Natale, ha speso 250 mila dollari per un tartufo. A Shanghai un'imprenditrice ha preteso di entrare il 31 dicembre nel nuovo loft da dieci milioni di dollari. A Hong Kong, domenica scorsa, l'asta natalizia dei grandi vini ha fatturato 11 milioni di euro. Un'industriale, a Pechino, regalerà alla figlia di sette anni un cane, un Tibetan terrier, da 400 mila euro. Alla selezione per 40 posti al veglione su uno yacht, con i più ricchi di Canton, si sono presentate 1.500 ragazze. È la punta di un iceberg popolare che, soprattutto nei villaggi, resta sommerso nella povertà. Su 1,3 miliardi di cinesi, i miliardari sono 79, i milionari 450 mila; le quattrocento persone più ricche posseggono un patrimonio complessivo di 314 miliardi. Ma la Cina che imita follemente lo schema del Natale europeo, conferma che la sua anima, dopo i suoi consumatori comunisti, è cambiata. Mao soppiantato da Babbo Natale per ordine di partito, può farci sorridere: però è meglio pensarci.

di Giampaolo Visetti
Fonte: laRepubblica.it

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori