mercoledì 23 settembre 2009

VLADIVOSTOK la città del futuro russo


Scherzano in un bizzarro pidgin russo-asiatico, vanno dal parrucchiere in Cina, dal dentista in Corea, comprano auto in Giappone, non li sorprenderebbe un futuro di bimbi dagli occhi blu a mandorla. Finché non la vedi, non puoi credere che in Russia esista una città così. L’ex Dominatrice dell’Est blindata dall’Urss oggi si apre e sorride. Verso est: perché qui orientale fa rima con familiare, esotico è l’Occidente. L'Asia un vicino della porta accanto, il “multiculti” un modo d'essere da 100 anni. E la Cina non fa tanta paura come a Mosca, ma è un’opportunità da cogliere, in nome di un’equazione economica elementare. Aspettando il 2012.

Pechino, Tokio, Seoul: appesi sulla parete nell’atrio dell’hotel Baia dell’Amur, invaso dalla luce lattea del Pacifico, quei tre orologi sincronizzati sulle grandi megalopoli d’Asia dicono già tutto. Un quarto punta le lancette su Mosca, ma non è che una formalità quaggiù, al capolinea della Transiberiana, nella città più lontana al mondo dalla propria capitale: 9 ore di volo, 7 fusi orari, in mezzo c’è la Siberia. Tutt’intorno, a pochi passi, è Oriente, la frontiera scorre nel dna e il futuro, qui nessuno ha dubbi, è là. Grupponi di turisti cinesi arrivati in autobus si godono il sole in terrazza, affacciati sull’immensa baia del Corno d’Oro. “Sì, come a Istanbul - annuisce in perfetto mandarino la guida bionda. “Di fronte a voi, è Mar del Giappone”. In spiaggia ragazzi e ragazze, windsurf in braccio, si affrettano per afferrare l’ultima onda della sera. Più tardi un rave su uno degli isolotti della zona, un tempo off limits.
È questa Vladivostok, finis terrae dell’Urss, fortezza militare segreta e chiusa fino al 1991? Per anni ne giungevano solo notizie di black out energetici, contrabbando, criminalità,. Oggi nel porto stanno ormeggiate ancora le vecchie navi da guerra della Flotta del Pacifico, prima sovietica e poi russa. Ma al molo accanto attraccano navi da crociera da Tokio e Seoul, e ferry boat settimanali approdano a Dong We in Sudcorea, per poi raggiungere la prefettura nipponica di Tottori. I businessmen scendono al quattrostelle Hyundai, devoti a un’equazione elementare: “A noi servono materie prime, a loro braccia e spirito imprenditoriale. Matrimonio perfetto” sintetizza Javver Jiang da Lingqiao, 180 km da Shangai, che ha aperto qui una ditta di cartone pressato impiegando locali. Da Tokio arrivano le auto usate che fanno l’80% del traffico cittadino, insieme a veicoli cinesi mai visti: si guida col volante a destra. “E mangiamo il borsh con le bacchette”, scherza Oksana, 22 anni, giornalista in erba. Come le sue amiche non ha mai messo piede a Mosca ma ha visto Cina, Corea, Vietnam; va a tagliarsi i capelli a Suifenhe o Harbin, trova trendy pranzare nelle bettole del mercato Sportivnaja, dove si comunica in uno strano pidgin russo-cinese: “fanno la cucina migliore in città”. Un futuro di bimbi dagli occhi blu a mandorla non le pare fantascienza. A Mosca chiunque la guarderebbe come un’aliena, per non dire schifato. Là la diffidenza per lo straniero è regola, qui il “multietno” è tradizione da almeno un secolo. E la Cina in boom un vicino della porta accanto, che ai giovani non fa paura. “Per noi – ammette, - esotico è l’Occidente”.
Mosca ha paura, parla di “invasione cinese”, c’è chi dice che questa sia già terra straniera, non più russa: ma da queste parti pochi sono d’accordo. I nativi, immigrati anche loro un tempo da Caucaso e Ucraina, amano paragonare la propria città a San Francisco: c’è l’Oceano, e bei palazzi eclettici antichi sulle vie a saliscendi solcate dai filobus. Krusciov vi volle pure una funicolare: ancora funziona, porta al tempio buddista sulla collina. E presto Vladivostok avrà il suo Golden Gate. Nel 2012, per il summit tra i paesi del Pacifico, quando qui sbarcheranno i pesi massimi dell’economia mondiale, Usa inclusi. Un’idea di Putin, che vuol farne motore di sviluppo per tutta la regione ed evitarne l’alienamento dal “centro”. “E’ la nostra assicurazione sul futuro” gongola il governatore di Prymorie di cui “Vladi” è capoluogo, Sergey Darkin: “Oggi siamo l’unica città in Russia, con Sochi olimpica, dove con la crisi i cantieri non si sono fermati”.
Ma primo business resta il porto commerciale, sublime porta verso gli affamati vicini dell’est, immune dal ghiaccio e dominato dai grandi cargo della Far Eastern Shipping Company (Fesco), prima compagnia locale. Tutto export: legname, carbone, acciaio, pesce, e presto energia quando il nuovo gasdotto da Sakhalin alla Manciuria sarà completato. “Col summit avremo anche un nuovo terminal, ma si può fare di più” incalza Aleksey Dovbysh, capo ufficio stampa del porto. Mesi fa fece clamore la protesta locale contro il blocco del governo all’import d’auto straniere, le usate giapponesi, che qui da lavoro a migliaia, tutti in piazza a gridare “abbasso Putin”. Alla fine l’han spuntata: decreto ritirato. “Chiudere le frontiere non serve, Mosca l’ha capito anche se continua ad alzare barriere ai commerci di frontiera. 100 anni fa questo era un grande portofranco, calamitava mercanti da tutto il mondo. Il nostro destino è tornare a quel passato: un grande hub di trasporto Europa-Asia con zona duty free, come Hong Kong, Singapore, Shangai” è sicuro Andrey Voronoy, editore di V-City, prima rivista dedicata interamente alla città. Voglia d’indipendenza? “No. Serve solo un po’ di autonomia economica, magari uno status speciale. E che i soldi non finiscano tutti a Mosca”. Per qualcuno è un incubo, per altri l’opportunità del secolo. Ma tutti sono d’accordo: la sfida più grande per la Russia degli anni a venire, si gioca qui.

di Lucia Sgueglia

Cerca nel Blog

CERCA PER PAROLE CHIAVE - TAG

'Ndrangheta Affondamenti Afghanistan Africa Ambiente Arabia Saudita Argentina Articoli in lingua inglese Asia Australia Austria Azerbaigian Azerbaijan Bahrein Balcani Barack Obama Berlusconi Bielorussia Bilderberg Biomasse Birmania Bolivia Brasile Bulgaria Cambogia Canada Carfagna Caucaso Chavez Cina Colombia Congo Corea del Nord Corea del Sud Costa d'Avorio Croazia Cuba D'Alema Danimarca Default Disoccupazione Don Gelmini Drone Economia e finanza Ecuador Egitto Emirati Arabi Energie alternative Escort Europa Fidel Castro Filippine Finmeccanica Francia Gas Gasparri Gelmini Geopolitica - Politologia - Storia - Cultura Germania Ghana Gheddafi Giamaica Giappone Gramsci Grecia Guatemala Guerra Guinea Bissau H1N1 Haiti Hamas Honduras India Indonesia Inghilterra Inguscezia Iran Iraq Irlanda Irlanda del nord Islanda Israele Italia Karadzic Kazakistan Kenya Kim Il sung Kirghizistan Kosovo Kyoto Lavoro Lega Nord Lettonia Libano Libia Madagascar Mafia Mediaset Medioriente Medveded Messico Moldova Mossad Musica Narcotraffico Nepal Nicaragua Niger Nigeria Nord America Nucleare Nuova Zelanda Odifreddi Olanda Ossezia del sud Paesi Baltici Pakistan Palestina Panama Paramilitari PdL Perù Petrolio Politica Polonia Portogallo Puglia Putin Razzismo Redazionale Regno Unito Rep.Ceca Romania Russia Sacra Corona Unita Salute San Marino Scienze e tecnologie Scuola e Università Senegal Serbia Sicilia Siria Slovenia Soda caustica Somalia Spagna Spionaggio Sri Lanka Stati Uniti Strategie Sud Africa Sud America Sud-est Asia Sudan Svezia Svizzera Taiwan Thailandia Transnistria Tremonti Tunisia Turchia Ucraina UE Uganda Ungheria Uruguay Vaticano Venezuela Video Vietnam Wall Street Yemen Zapatero Zimbabwe

FeedBurner FeedCount

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per il contenuto dei siti "linkati” né dei commenti relativi ai post e si assume il diritto di eliminare o censurare quelli non rispondenti ai canoni del dialogo aperto e civile. Salvo diversa indicazione, le immagini e i prodotti multimediali pubblicati sono tratti direttamente dal Web. Nel caso in cui la pubblicazione di tali materiali dovesse ledere il diritto d'autore si prega di avvisare via e-mail per la loro immediata rimozione.

Gli autori